AL TEATRO SOCIALE “Delia Cajelli”
Educarte presenta “Le Giornate Pirandelliane”

Dopo il successo della prima edizione, torna in scena la rassegna dedicata al grande drammaturgo siciliano Luigi Pirandello. Gli eventi prenderanno il via domenica 25 marzo, con un ricco programma per il pubblico e le scuole

GIOGARA

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il Teatro Sociale omaggia il grande drammaturgo siciliano del Novecento, Luigi Pirandello, con la seconda edizione delle “Giornate Pirandelliane”, a cura dell’associazione culturale Educarte in collaborazione con il Centro nazionale di Studi Pirandelliani di Agrigento. Domenica 25 marzo prenderà il via un ricco programma d’iniziative aperte al pubblico con un particolare coinvolgimento delle scuole. “Pirandello è un tema caro a Delia Cajelli che iniziò la parte più importante della sua carriera teatrale seguendo proprio questo autore”, ha ricordato il presidente di Educarte, Simone Menato, insieme al vicepresidente Daniele Geltrudi, svelando che sarà assegnato il Premio “Delia Cajelli per il Teatro” ad attori e registi che hanno saputo valorizzare la figura di Luigi Pirandello. Quest’anno riceveranno la targa, Enrico Lo Verso ed Alessandra Pizzi, Gabriele Lavia e Umberto Orsini.

Educarte è l’anima culturale del Teatro Sociale, nella vocazione di Delia e di chi ha preso in mano la sua eredità, confermando che la cultura legata all’intrattenimento dà sempre risultati”, ha affermato il curatore della rassegna, Paolo Scheriani, presentando gli eventi:  “Quest’anno è dedicato alla disgregazione dell’io, tema caro all’autore e quanto mai attuale su cui dibattere. L’opera che meglio riassume questo concetto, “Uno, nessuno, centomila”, sarà proprio lo spettacolo centrale di questa edizione. Ma c’è un altro testo di Pirandello a cui daremo spazio, ed è “L’uomo dal fiore in bocca”, un intenso atto unico che proporremo (domenica alle 17, in occasione dell’inaugurazione delle Giornate) unito alle canzoni di Franco Battiato. Potrebbe sembrare un azzardo ma ci sono similitudini che rendono i due artisti, entrambi siciliani, molto più vicini di quanto ci si possa aspettare”.

Dopo l’inaugurazione di domenica seguita dal consueto Aperitivo Pirandelliano, si prosegue lunedì 26 marzo con una giornata dedicata agli studenti che potranno assistere a “Uno, nessuno, centomila” di Enrico Lo Verso che dialogherà con loro al termine dello spettacolo. Si sono già prenotati  oltre 400 studenti provenienti da Busto, Legnano, Gallarate e da un istituto scolastico di Milano. Nel pomeriggio alle 14.30 si terrà una lettura partecipata con gli studenti delle superiori che reciteranno copioni di Pirandello insieme agli attori. Alle 16, lectio magistralis, tenuta dal professor Andrea Bisicchia, noto studioso dell’opera pirandelliana nonché direttore del Centro studi e comunicazione del Teatro Franco Parenti di Milano.

In serata, alle 18, avrà luogo la cerimonia del premio “Delia Cajelli per il teatro”. Saranno presenti tutti i premiati tranne Gabriele Orsini che si trova attualmente in tournèe, al quale sarà consegnata la targa ad aprile al Piccolo di Milano. Martedì dalle 11 alle 16, al Ridotto del Teatro Sociale, saranno proiettati in loop una serie di allestimenti storici pirandelliani. Si prosegue alle 18 con il “Premio Delia  Cajelli sezione scuole” e la rappresentazione dello spettacolo “La Iettatrice” a cura degli studenti del liceo Crespi.

Le Giornate Pirandelliane continueranno con un’appendice milanese: Educarte organizza una trasferta a Milano per lo spettacolo “Uno, nessuno, centomila” di Pacta dei Teatri. Per chi volesse prenotare, spettacolo più trasferimento 20 Euro.

Copyright @2018