LO HA CONFERMATO IN CONFERENZA STAMPA
Elezioni regionali, Maroni non si ricandida

Il governatore lombardo uscente non si candiderà alle regionali del 4 marzo. Pronto l’ex sindaco di Varese, Attilio Fontana

giogara

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il governatore lombardo Roberto Maroni non si ricandiderà alle elezioni regionali del 4 marzo.
Lo ha annunciato lunedì in una conferenza stampa lo stesso presidente uscente, confermando quanto riportato dal comunicato diffuso il giorno precedente dopo l’incontro tra Berlusconi, Salvini e Meloni per la formazione della coalizione di centrodestra, in cui si faceva riferimento a “motivi personali”.

Motivi personali, ribaditi anche in conferenza stampa, durante la quale ha comunque detto di essere disponibile “a mettere a disposizione la mia esperienza, se sarà necessario. Non ho alcuna pretesa o richiesta da fare, ma certo non andrò in pensione”, rifilando stoccate  al candidato premier del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio: “Io ho governato e so cosa vuol dire governare. Lui per me è la Raggi al cubo e, se andasse a Palazzo Chigi, temo che l’Italia finirebbe come Spelacchio (ossia lo spoglio albero di Natale di Roma, ndr)”.

A questo punto l’intenzione di Maroni – se le elezioni sorrideranno al centrodestra – potrebbe essere quella di tornare Roma come ministro o addirittura come presidente del Consiglio. Ma rimane da vedere se la sua figura rappresenti davvero un elemento di equilibrio tra le ambizioni di Berlusconi e quelle di Salvini.
Per quanto riguarda la corsa al Pirellone, il nome che circola insistentemente per il candidato di centrodestra è quello del leghista Attilio Fontana, ex sindaco di Varese, in vantaggio su Mariastella Gelmini, già ministro e attuale coordinatrice lombarda di Forza Italia.
Lo sfidante del centrosinistra sarà il sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA