AURICOLARE E CELLULARI PER SUPERARE IL TEST
Esame per la patente “con l’aiutino”. Denunciato

52enne “beccato” dai Carabinieri, insospettiti dalla postura innaturale tenuta durante la prova

VARESE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Varese, nel corso di un mirato servizio durante la sessione di esami presso gli Uffici della Motorizzazione Civile di Varese, hanno sorpreso un cittadino italiano di origini egiziane, 52enne, impegnato nella prova teorica per il conseguimento della patente di guida “B”, mentre utilizzava una sofisticata apparecchiatura elettronica per eludere i controlli.

L’apparato, composto da un micro-auricolare e due telefoni cellulari collegati in remoto con una postazione esterna, gli consentiva probabilmente di rimanere in contatto costante con un “suggeritore”, che da casa gli avrebbe dettato le risposte ai quesiti.

Ad insospettire gli addetti alla vigilanza della Motorizzazione ed i Carabinieri la postura innaturale dell’uomo tenuta durante l’esame, per permettere alla videocamera di riprendere le domande del test.

Le indagini sono ancora in corso per identificare i soggetti all’altro capo del telefono, anche in considerazione della somma trovata nella disponibilità del reo. Nelle tasche dell’uomo i Carabinieri rinvenivano 2.500 euro, che i militari ipotizzano fosse il prezzo da pagare per assicurarsi il superamento dell’esame senza studiare.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA