“SULL'ONDA DELL’INCLUSIONE”
Esperienza in barca a vela per i ragazzi dei Centri Diurni “Belotti Pensa” e “Ada Negri”

Partner del progetto la Lega Navale di Bovisio Masciago che ha fornito barche e skipper e la Lega Navale di Mandello che ha accolto i ragazzi disabili nella sua struttura

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Vivere l’acqua, sperimentare lo spirito di gruppo, condividere spazi e divertimento, aiutarsi ed essere solidali l’uno con l’altro. Sono questi i motivi che hanno convinto i Centri Diurni per persone disabili “Ada Negri” e “Belotti Pensa” di Busto, gestiti dalla Cooperativa Sociale “Società Dolce”, a vivere, operatori e utenti insieme, l’esperienza della vela.

Partner di questo ambizioso ed innovativo progetto la Lega Navale di Bovisio Masciago che ha fornito barche e skipper e la Lega Navale di Mandello che li ha accolti nella sua struttura.  Il vento tra i capelli, nel silenzio del lago, ha segnato un’esperienza eccezionale per i ragazzi e le ragazze con disabilità, favorendo socialità, sintonia e vicinanza.

La vela per tutti” non è stato solo uno slogan ma una realtà, per sentirsi più vicini e uguali, ricettivi nel riconoscere il simile nelle diversità. “Stretti nel pozzetto, cullati dal fluttuare delle onde, sostenuti dall’acqua, i ragazzi hanno vissuto una straordinaria esperienza d’inclusione – sottolineano gli operatori dei Centri Diurni – grazie alla disponibilità della Lega navale di Bovisio Masciago e della Lega Navale di Mandello che hanno colto lo scopo più autentico dello sport: portare salute, benessere, relazioni”.

Copyright @2018