SVOLTE IN GIUNTA E NEL CARROCCIO
Ferrario lascia. Pinti commissario della Lega

Rimpasto congelato per alcuni giorni, ma presto Isabella Tovaglieri diventerà vicesindaco. Farioli assessore al posto di Riva

Riccardo Canetta

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Dopo il passo indietro di Alberto Riva, i nuovi scossoni nella maggioranza bustocca riguardano la Lega Nord. Il prossimo a lasciare la giunta sarà infatti il vicesindaco e assessore a Sport e Commercio Stefano Ferrario, che si è dimesso nelle scorse ore.
La delega di vicesindaco passerà a un’altra militante del Carroccio: Isabella Tovaglieri che, con i suoi trent’anni, è la più giovane esponente dell’esecutivo.
Questo cambiamento (così come la sostituzione di Riva con l’ex sindaco forzista Gigi Farioli) dovrebbe avvenire la prossima settimana oppure quella successiva. Per il momento, infatti, il primo cittadino Emanuele Antonelli ha deciso di prendere tempo e di congelare la situazione, in attesa di un confronto risolutivo con le segreterie dei due principali partiti di maggioranza.

Ma le novità in casa Lega riguardano anche la sezione cittadina. Dopo il clamoroso pareggio tra i candidati alla segreteria Ivo Azzimonti e Giuseppina Basalari, il numero uno provinciale Matteo Bianchi ha deciso di inviare a Busto un nuovo commissario. Dopo la reggenza di Marco Colombo, ora è la volta di Marco Pinti, già segretario del movimento a Varese.

“Se a Busto sprofondano evidentemente serve qualcuno da fuori che faccia capire in maniera evidente l’autodistruzione su cui si sono messi – afferma Bianchi –. Pinti verrà coadiuvato da militanti locali di suo gradimento per la gestione di aspetti organizzativi, amministrativi e logistici per il buon funzionamento del partito”.
A lui la segreteria provinciale affida pieni poteri con, in particolare, il compito di gestire le turbolenze in amministrazione comunale e nel gruppo consiliare, oltre che i rapporti con Forza Italia e il sindaco Emanuele Antonelli, ma anche di verificare tutte le militanze bustocche, valorizzando chi fa attività politica e declassando chi non la fa da tempo.

Copyright @2017