SABATO 6 APRILE
“Fiabe sonore”

Torna anche quest’anno l’appuntamento con il tradizionale concerto di primavera, che quest’anno porterà gli spettatori a compiere un viaggio in un mondo di fantasia amato da grandi e piccini: quello delle fiabe

Loretta Girola

castellanza

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Torna anche quest’anno l’appuntamento con il tradizionale concerto di primavera, che quest’anno porterà gli spettatori a compiere un viaggio in un mondo di fantasia amato da grandi e piccini: quello delle fiabe. L’appuntamento è per sabato 6 aprile alle ore 17.30 al teatro di via Dante dove si svolgerà il concerto “Fiabe sonore”, che sarà a ingresso libero, e che, come spiegano gli stessi organizzatori, “è un viaggio tra le fiabe più amate, da Aladdin a Cenerentola, da Pinocchio al Libro della Giungla, passando per la Bella e la Bestia, Frozen e la Sirenetta”. Il tradizionale appuntamento, organizzato dalla sottosezione “Giulio Moroni” dell’Avis di Castellanza e dal Corpo musicale Santa Cecilia, ha come sempre coinvolto nell’organizzazione anche i membri più giovani del gruppo: “Come facciamo ormai da anni con ottimi risultati, abbiamo affidato la preparazione del concerto primaverile ai componenti più giovani del nostro corpo musicale – spiega Daniele Balleello, che dirige la banda Santa Cecilia – sono stati loro a scegliere il tema e persino a ideare il manifesto, che ha un tocco vintage e strizza l’occhio a chi come me ha qualche anno in più. Richiama un particolare modo di fruizione delle fiabe, ascoltate tramite un’audiocassetta invece che dalla voce della mamma”.

Per quanto riguarda il programma, Balleello sottolinea che “la Cenerentola di Rossini è un’autentica chicca, il cui inserimento eleverà certamente l’intera esecuzione, così come le musiche tratte dal Pinocchio dello sceneggiato di Luigi Comencini. Ci saranno, poi, alcune sorprese legate al canto e alla recitazione, che si mescolerà alla musica”.

Il tutto senza dimenticare la valenza benefica dell’evento: “Come ogni anno ringraziamo gli amici del Corpo musicale Santa Cecilia e gli sponsor che sostengono sempre le nostre iniziative – dichiara Ivana Morlacchi, presidente della sottosezione castellanzese dell’Avis – il concerto è un bel modo per coinvolgere la cittadinanza e avvicinarla alla cultura della donazione, che è alla base della missione avisina”.

Copyright @2019