Innovazione, progetto banda larga
Fibra ottica “Open Fiber”, Gorla Maggiore apre il cantiere

La fibra ultra veloce di Open Fiber arriva in paese. Circa 2.600 unità immobiliari del Comune saranno cablate in modalità FTTH. “Siamo tra i primi 14 comuni in Lombardia ad avviare i cantieri nelle cosiddette aree bianche o a fallimento di mercato. Arriviamo laddove gli operatori privati e tradizionali non hanno investito”

GORLA MAGGIORE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Gorla Maggiore sposa l’innovazione tecnologica. La fibra ultra veloce di Open Fiber arriva in paese. Circa 2.600 unità immobiliari del Comune saranno cablate in modalità FTTH (Fiber to the Home).

Il Comune accelera con la rete a banda ultra larga grazie al cablaggio di Open Fiber che porterà la fibra ottica direttamente nelle case dei cittadini. Il progetto si è reso possibile grazie alla convenzione firmata tra il Ministero per lo sviluppo economico, Regione Lombardia, Comune di Gorla Maggiore e Infratel Italia.

“Siamo tra i primi 14 comuni in Lombardia, su un totale di 1.500, ad avviare i cantieri nelle cosiddette aree bianche o a fallimento di mercato – sottolinea il Sindaco Pietro Zappamiglio – Arriviamo laddove gli operatori privati e tradizionali non hanno investito. La realizzazione dell’infrastruttura avrà la durata di circa un anno”.

Nel 2017, l’Amministrazione comunale di Gorla Maggiore ha avviato la progettualità relativa al servizio di banda larga; servizio erogato dalla società Telecom S.p.A. che ha cablato l’intero territorio di Gorla Maggiore (architettura FTTC, servizio di Ultra Broadband TIM).

Ad oggi, il paese risulta interamente cablato ed il servizio di connettività raggiunge circa l’80-­90% delle utenze.

La Commissione Innovazione ha continuato a lavorare al fine di trovare una soluzione che consentisse  il completamento del progetto, confrontandosi con l’Amministrazione e l’Ufficio Tecnico. La soluzione è arrivata: la società Open Fiber permetterà di coprire anche l’area  attualmente non raggiunta dal servizio. Si tratta dell’area compresa tra il parco San Francesco e la zona industriale

Open Fiber, a seguito dell’aggiudicazione della prima gara indetta da Infratel Italia per realizzare l’infrastruttura a Banda Ultra Larga nelle aree bianche del Paese (le cosiddette aree “a fallimento di mercato”), ha firmato un contratto di concessione, di durata ventennale, per la progettazione, costruzione e gestione della rete di accesso per circa 1.500 comuni lombardi.

Lunedì 28 maggio il sindaco Pietro Zappamiglio e l’assessore Renato Grazioli, insieme ai rappresentanti di Open Fiber e alla direzione lavori, hanno dato avvio all’esecuzione del contratto per la realizzazione delle infrastrutture per la connettività in banda ultra larga.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA