LA PROGRAMMAZIONE NEI MULTISALA
Il film del fine settimana: “La Casa di Jack”

"L'attore è al centro? L'attore è tutto? E allora tutto per l'attore!"

Giovanni Salomi

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

“L’attore è al centro? L’attore è tutto? E allora tutto per l’attore!”. Questa frase la pronuncia il personaggio di Francesco Pannofino in “Boris” e, seppur in maniera ironica, la citazione rappresenta alla perfezione Lars Von Trier. L’autore, fanatico della figura attoriale, tornerà nei cinema il 28 febbraio con “La Casa di Jack“.

Stati Uniti, anni ’70.  Al centro della vicenda vi è Jack, un ingegnere psicopatico i cui omicidi sono delle vere e proprie opere d’arte: complesse, ingegnose e spettacolari.

Il film, seppur presenti una trama semplice, è ricco di riprese artistiche e filosofiche.

“La Casa di Jack” si è fatto notare sin dalla sua presentazione al Festival di Cannes nel 2018: proprio in quella occasione molti critici hanno abbandonato la sala durante la proiezione a causa delle scene disturbanti e violente. Il regista, e autore, Lars Von Trier (“Dogville”) ha definito la pellicola come il “film più brutale che abbia mai fatto“.

Nel cast troviamo il candidato Premio Oscar Matt Dillon (“Crash – Contatto fisico”), la candidata Premio Oscar Uma Thurman (“Pulp Fiction”), Riley Keough (“La truffa dei Logan”) e Bruno Ganz (“The Reader – A voce alta”), alla sua ultima interpretazione prima della scomparsa.

Un film non per tutti, ma che soddisferà gli appassionati del grande cinema d’autore ed i fan di Von Trier.

N.B. Film vietato ai minori di 18 anni.

 

PROGRAMMAZIONE NEI MULTISALA:

-UCI Cinemas Bicocca (Milano): Venerdì: 16:50, 22:05; Sabato e Domenica: 16:35, 21:50;

-SpazioCinema – CityLife Anteo (Milano): Venerdì e Sabato: 21:50; Domenica: 21:40.

Copyright @2019