Ospedale di Busto
Follia al Centro Prelievi, dà in escandescenza e genera il caos

Un uomo di 45 anni ha perso il controllo, rivendicando il diritto di non pagare il ticket della prestazione sanitaria. Rissa sfiorata e tempi di attesa ulteriormente prolungati. Polizia e Carabinieri intervenuti per placarlo

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Un macello, uno si lamenta della coda e del costo dell’esame e si arriva quasi alle mani”. Una utente di Facebook racconta e sintetizza così gli attimi di inspiegabile follia vissuti dai cittadini in coda nella mattinata odierna al centro prelievi dell’ospedale di Busto Arsizio. Tra i molti cittadini che, come ogni mattina, affollavano il punto prelievi in attesa di sottoporsi a visite ed esami, un uomo di 45 anni, che accompagnava la figlia minorenne che doveva sottoporsi all’esame, intorno alle 8.00 ha perso le staffe, trasformandosi in una furia. Sentenziando il diritto di non perdere così tanto tempo in coda e di non pagare il ticket della prestazione sanitaria, l’uomo ha incominciato ad alzare la voce con l’impiegata allo sportello, ad insultare i presenti “cog….i” che sopportano in silenzio e ad assumere atteggiamenti violenti, fino a quando non ha colpito e spinto a terra un’infermiera. La chiamata al 112 e il precipitoso arrivo in ospedale di Polizia e Carabinieri ha sedato gli animi dell’esagitato, provocando come unico risultato tangibile della sua smisurata protesta un ulteriore rallentamento della fila e un prolungamento dei tempi di attesa per i presenti.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA