IL GOVERNATORE SI DICE “PIÙ CHE SERENO”
Fontana ascoltato dai pm: “Ho chiarito tutto”

Per quanto riguarda i risvolti politici della vicenda, Forza si affida al senatore Giacomo Caliendo, nominato commissario per la provincia di Varese dal direttivo regionale

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Si è detto “più che sereno” Attilio Fontana, presidente di Regione Lombardia, lunedì sera al termine dell’interrogatorio dei magistrati della Procura Distrettuale di Milano.
Durante le tre ore e mezza di interrogatorio, il governatore ha risposto alle domande sul presunto abuso di ufficio relativo alla nomina del suo ex socio di studio legale Luca Marsico nel Nucleo regionale di valutazione e verifica degli investimenti pubblici.

“Ho chiarito tutto, sono più che sereno – ha dichiarato Fontana lasciando gli uffici giudiziari –. Ho risposto alle domande che mi sono state proposte e ho chiarito la mia posizione”, anche in riferimento ai contatti con Nino Caianiello, accusato di tentata corruzione proprio nei confronti del governatore.

Per quanto riguarda i risvolti politici della vicenda, Forza Italia – decapitata a livello provinciale dall’inchiesta – si affida al senatore Giacomo Caliendo, nominato commissario per la provincia di Varese dal direttivo regionale.
La coordinatrice regionale degli azzurri, Maria Stella Gelmini, ha parlato di una “persona specchiata, con un passato da magistrato e da sottosegretario alla Giustizia”.
A lui il compito di occuparsi della difficile situazione del partito nel territorio, a cominciare da Busto e soprattutto Gallarate.

Copyright @2019