“Giaciglio di sbandati e tossicodipendenti”
Forza Nuova torna alla stazione Nord e scrive all’Assessore Rogora

Dopo il sopralluogo in stazione, i militanti di Forza Nuova hanno scritto all’assessore alla Sicurezza del Comune di Busto. “Avremmo l’ambizione di incontrarla per esporle i nostri progetti in merito al coinvolgimento popolare nel controllo del territorio”

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nella serata di mercoledì 5 dicembre i militanti di Forza Nuova Provincia di Varese sono ritornati alla stazione delle Ferrovie Nord di Busto Arsizio per effettuare un sopralluogo. Sopralluogo che ha fatto seguito a nuove segnalazioni pervenute al gruppo da diversi pendolari del posto. “A distanza di poco più di un mese i forzanovisti – si legge nella nota stampa diffusa dai militanti – hanno trovato una situazione pressoché invariata: davanti all’entrata principale staziona, consumando alcolici, un gruppo di magrebini da cui è possibile acquistare stupefacenti; all’interno, talvolta sulle panchine, talvolta sulle scalinate vi è lo “storico” gruppo di tossicodipendenti, in costante attività nonostante i viavai di gente e nella zona esterna a ridosso delle vetrate vi sono diversi giacigli di sbandati; soggetti di conclamato disturbo a chi parte o arriva coi treni, individui che sarebbe opportuno allontanare sia per le illegalità svolte sia per non contribuire a ricreare nuovi “set” di pericolo”.

Dopo il sopralluogo in stazione, i militanti di Forza Nuova hanno scritto all’assessore alla Sicurezza del Comune di Busto Max Rogora, attraverso una lettera del responsabile provinciale Federico Russo.

“Dal suo insediamento abbiamo apprezzato la sua sensibilità a garantire la sicurezza dei cittadini e siamo sicuri che anche per sradicare questa specifica quanto annosa piaga dedicherà tutta l’attenzione del caso. Anche in ambito più generale avremmo l’ambizione di incontrarla per esporle i nostri progetti in merito al coinvolgimento popolare nel controllo del territorio e le iniziative già “istituzionalizzate” come gli Assistenti Civici dell’Emilia Romagna o gli Osservatori Volontari del decreto “8 Agosto 2009” da cui riteniamo che una città come Busto Arsizio possa trarne importanti benefici”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA