ALLE 12 DI venerdì 15 UN FLASH MOB
#FridaysForFuture

Da sempre le scuole olgiatesi sono in prima linea per difendere l’ambiente, e lo fanno attraverso diversi progetti volti ad educare e sensibilizzare non solo gli alunni e le loro famiglie, ma anche l’intera cittadinanza

Loretta Girola

olgiate olona

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Da sempre le scuole olgiatesi sono in prima linea per difendere l’ambiente, e lo fanno attraverso diversi progetti volti ad educare e sensibilizzare non solo gli alunni e le loro famiglie, ma anche l’intera cittadinanza. E proprio per questo, per attirare l’attenzione degli olgiatesi e per spiegare loro quanto sia importante agire tempestivamente per combattere il cambiamento climatico gli alunni delle scuole medie olgiatesi hanno organizzato una camminata per le vie di Olgiate “per sensibilizzare la cittadinanza al rispetto dell’ambiente, affinché vengano adottati provvedimenti importanti contro i cambiamenti climatici”.

La partenza della camminata #FridaysForFutureDanteInMarcia è prevista per le 10 di venerdì 15 marzo presso la scuola media Dante Alighieri, e i ragazzi percorreranno le vie del paese per poi concludere il percorso, alle 12, con un flash mob che sicuramente è destinato ad attirare l’attenzione degli olgiatesi.

“Venerdì 15 marzo la nostra scuola media in marcia per l’ambiente – sottolinea l’Assessore Luisella Tognoli – sarà un evento eccezionale: la scuola media di Olgiate camminerà per le vie del paese per sensibilizzare la cittadinanza al rispetto per l’ambiente e chiedere che vengano adottati provvedimenti importanti contro i cambiamenti climatici.

Ormai è evidente: il cambiamento climatico esiste e non c’è più tempo; secondo le ultime stime del IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) la previsione più ottimistica è che entro 12 anni la temperatura si alzerà ancora di 1,5 gradi centigradi, e i danni sarebbero inestimabili e irreversibili.

Abbiamo quindi bisogno di un impegno concreto, e sono i nostri ragazzi a manifestarlo, proprio quelli che fanno parte delle generazioni che pagherebbero un alto prezzo per scelte quantomeno superficiali. Venerdì saranno loro a ricordarci che ci vuole meno plastica nei nostri mari, nelle nostre case e nelle nostre vite; ci chiedono meno sprechi… I nostri ragazzi sono educati al cambiamento, a partire dalle cose “banali” come la raccolta differenziata, e questo e tanto altro sapranno raccontarci venerdì prossimo, ci chiedono di essere creduti. Impariamo ad ascoltarli. Io ci sarò”.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA