La storica 10^ edizione del Premio letterario Mille e… Una STORIA
Quant’è bello il Futuro che si conquista in compagnia (virtuale) di Beppe Fiorello / Le foto della serata

In un Teatro Sociale gremito, con l'imprenditore Enzo Muscia e l'alpinista Walter Polidori ospiti d'onore, il progetto culturale voluto dalla GMC Editore si è meritato davvero un... 10 e lode. L'attore Beppe Fiorello special guest della serata! E nel 2020 la passione fa 40

(Foto Marino Bianchi)

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

di Lucia Landoni

L’edizione 2019 del Premio letterario Mille e… Una STORIA, ovvero la 10^ edizione, vale a dire un’edizione da… 10 e lode!

Un’edizione storica, e una volta tanto l’aggettivo non è esagerato. Anche perché c’è stata la straordinaria presenza (virtuale) di una star del calibro di Beppe Fiorello: protagonista della fiction Rai “Il mondo sulle spalle” (andata in onda lo scorso 19 febbraio su Rai1), nella quale ha interpretato il ruolo dell’imprenditore Enzo Muscia, protagonista in carne e ossa, quest’ultimo, dell’evento culturale.

Andiamo con ordine.

La serata delle premiazioni, in un Teatro Sociale più gremito del solito, davanti a studenti, imprenditori, autorità, docenti, ha pienamente legittimato il titolo di quest’anno del progetto culturale voluto e organizzato dalla GMC Editore di Busto Arsizio: 10 e lode!

Gianluigi Marcora, direttore de l’[email protected] e Luciano Landoni, responsabile dell’informazione economica del giornale online, hanno presentato l’evento più emozionati e più orgogliosi del solito.

Grazie a tutti voi per essere presenti questa sera – ha esordito Gianluigi Marcora, rivolgendosi alle autorità comunali di Busto Arsizio, ai dirigenti scolastici, agli imprenditori, a tutto il pubblico – è un grandissimo piacere condividere insieme questo momento di grande gioia e, lasciatemelo dire, anche di grande responsabilità. Soprattutto verso i giovani che sono sempre stati al centro della nostra iniziativa culturale. Quando è iniziata l’avventura del premio letterario non sognavamo di arrivare fino alla decima edizione, invece grazie al sostegno di voi tutti, alla passione e a tanto lavoro ce l’abbiamo fatta”.

Prima di entrare nel vivo della serata, il direttore de l’[email protected] ha voluto accanto a sé e presentato al pubblico i suoi compagni di viaggio, ovvero gli altri componenti del gruppo che lui stesso ha battezzato “i Quattro Moschettieri”: Luciano Landoni, il direttore editoriale Massimo Castiglioni e l’imprenditore Agostino Molina.

 

Sul palco del Sociale, novità assoluta rispetto alle precedenti edizioni, ha preso posto una vera e propria squadra di 10 imprenditori, denominati Top Ten, in quanto rappresentanti della voglia di futuro che da sempre anima chi, in Italia, fa l’impresa di fare impresa. Nonostante tutto e tutti. Una voglia di futuro che considera i giovani protagonisti assoluti del domani.

Il direttore de l’[email protected] ha presentato i Top Ten:

Rita Boldrini Zaro,  ZaroCarni (Lonate Pozzolo)

Anna Chiaravalli,  Chiaravalli Group (Cavaria con Premezzo)

Milena Cortiana,  Cibitex (Solbiate Olona)

Agostino Molina,   Molina & C. (Cairate)

Roberto Marcora,  Forgiatura Marcora (Olgiate Olona)

Enzo Muscia,  A Novo Italia (Saronno)

Eugenio Camera Magni,  Nearchimica (Legnano)

Tiziano Barea,  BTSR International (Olgiate Olona)

Ernesto Bottone,  Primetals Technology (Marnate)

Iginio Liberali,  LU-VE Group (Uboldo), assente giustificato

Questa sera – ha aggiunto Gianluigi Marcoraal termine delle premiazioni, riceverete 2 volumi di oltre 300 pagine ciascuno, con tutti i racconti che la Giuria ha ritenuto meritevoli di pubblicazione e che i nostri aspiranti scrittori, ossia i piccoli autori, gli studenti e i lettori, hanno inviato alla redazione nei mesi scorsi. Oltre ai due libri Raccolta di Racconti, ne riceverete un terzo, intitolato 10 e lode!, che racconta la storia dei primi 10 anni del nostro Premio letterario. Uno sforzo editoriale, lasciatemelo dire, che ci ha fortemente impegnato ed entusiasmato e che è stato reso possibile dalla generosità e dalla lungimiranza degli imprenditori che hanno condiviso pienamente il nostro Progetto culturale, inteso nel senso più ampio del termine come patrimonio dell’intera comunità”.

 

Marcora ha poi passato la parola al collega giornalista Luciano Landoni.

E’ particolarmente gratificante essere qui con tutti voi, questa sera. Insieme abbiamo concretizzato, per la 10° volta, un’idea, anzi, un progetto che credo proprio si possa definire nobile: promuovere la dimensione culturale, diffonderla e, nello stesso tempo, sostenere fattivamente i giovani e trasmettere loro fiducia nel domani e senso della sfida rispetto alle opportunità che, malgrado tutto, il futuro ci riserva. L’impegno, l’entusiasmo, la passione, la determinazione, i sogni e tanto altro ancora rappresentano, congiuntamente, la benzinaha detto Luciano Landoni – con cui alimentare il motore esistenziale di ciascuno di noi, così da farlo rendere al massimo delle sue possibilità/potenzialità. Gli imprenditori, stasera rappresentati dai nostri Top Ten, sono abituati a considerare i problemi come altrettanti fattori stimolanti attraverso cui migliorare le performance delle loro aziende: è da questo assunto di base, e dall’ispirazione/esortazione che mi ha instillato uno di loro, Agostino Molina, che è nato il Manifesto del Futuro-Decalogo per il Futuro che avrete modo di leggere a pagina 14 del libro 10 e lode!, insieme alle numerose interviste che gli stessi imprenditori, i Top Ten e altri 22 operatori economici, mi hanno concesso. Chiamo qui accanto a me lo stesso Agostino Molina, vale a dire il portavoce dei Top Ten, perché nessuno meglio di lui può illustrarvi il Manifesto e rivolgere un appello a chiunque abbia a cuore il futuro del nostro sistema Paese”.

 

Agostino Molina, presidente della Molina & C. Spa, ha dato lettura del Manifesto del Futuro-Decalogo per il futuro:

1 –Il futuro non si prevede soltanto, si conquista.

2 –Chi non pensa al futuro, probabilmente non ne avrà uno.

3 –La fantasia delle passioni e la logica della ragione preparano il futuro.

4 –Studiare per conoscere, conoscere per capire, capire per crescere.

5 –Gli uomini imparano finché vivono, le aziende vivono finché imparano.

6 –La fabbrica non può guardare solo all’indice dei profitti. Deve distribuire ricchezza,

cultura, servizi, democrazia. Io penso la fabbrica per l’uomo, non l’uomo per la fabbrica.

(Adriano Olivetti)

7 –Non esistono cose facili o difficili, esistono le cose che si fanno e quelle che non si fanno.

8 –Mettersi insieme è un inizio, rimanere insieme è un progresso, lavorare insieme un successo.

(Henry Ford)

9 –Tutti hanno diritto a un’opportunità, il futuro giovane più di tutti.

10 – Dice il vecchio: dai tempi dei tempi sono così. Dice il nuovo: se non sei buono vattene via.

(Bertolt Brecht)

 

Io e gli altri imprenditori abbiamo deciso di sostenere Mille e… Una STORIA perché ci crediamo, abbiamo fiducia nei giovani e vogliamo sensibilizzare anche i nostri colleghi a collaborare a questo progetto culturale. I giovani sono la risorsa più preziosa che abbiamo ed è tempo che noi imprenditori investiamo massicciamente nelle risorse umane e nei giovani in primis – ha precisato MolinaNon devono andare all’estero per trovare lavoro, dobbiamo dare loro l’opportunità di restare qui. Il processo di ricerca e innovazione passa attraverso l’entusiasmo, la curiosità e la passione delle persone e noi abbiamo bisogno in particolare dell’entusiasmo dei giovani. Credo che per scrivere un racconto servano l’immaginazione, che è qualcosa di più della fantasia, e la passione: si scrive perché si ha un’idea. Questa sera i ragazzi vengono premiati per la loro capacità, il talento, la passione e l’impegno. Che bello trovare ragazzi con passione e sogni. Mille e… Una STORIA è così importante proprio perché li valorizza”.

L’imprenditore ha poi voluto chiudere il proprio intervento con un sentito ringraziamento “ai magnifici tre della GMC Editore Gianluigi Marcora, Massimo Castiglioni e Luciano Landoni per avermi scelto quale protagonista dei Top Ten. Ma i Top Ten non siamo noi. Sono loro, che da dieci anni ci credono e vivono l’iniziativa del premio letterario con tanto coraggio, passione, professionalità e tanti sacrifici. Questa è la loro ricetta per conquistare il futuro e aiutare in modo concreto i giovani.  Meritano un grande applauso da tutti noi”.

 

Immediatamente dopo sono stati presentati i componenti delle 2 Giurie: quella che ha esaminato gli elaborati dei Piccoli Autori e quella che si è occupata dei racconti elaborati dai Lettori e dagli Studenti.

Per la categoria PICCOLI AUTORI

Elena Castiglioni Insegnante di Lettere alle Scuole Medie

Isabella Dardelli Studentessa delle Superiori (promossa qualche mese fa con un bel 10 e lode all’esame di terza media,giusto per restare in tema)

Monica Giuffrida Vice-Direttrice della Biblioteca di Busto Arsizio

 

Per la categoria Lettori e Studenti

Anna Maria Folchini Stabile

Presidente dell’Associazione Culturale “TraccePerLaMeta” e Presidente della Giuria

Milena Cortiana

Amm. Delegato di CIBITEX di Solbiate Olona

• Lucia Landoni

Giornalista e collaboratrice di “Repubblica.it”

Matteo Fontana

Già Direttore del periodico VARESEFOCUS e Responsabile Ufficio Stampa di UNIVA (assente giustificato)

Riccardo Torresan

Giovane laureato in Giurisprudenza (assente giustificato)

In rappresentanza di tutti i giurati, Anna Maria Folchini Stabile è salita sul palco per un breve ma significativo dialogo con Luciano Landoni: “I racconti che abbiamo avuto la fortuna di leggere quest’anno danno bene il polso della società attuale – ha detto la presidente della giuria – Lettori e studenti hanno toccato temi importanti come il ricordo, la famiglia, la malattia, la solitudine, le piccole felicità e i timori quotidiani. Il messaggio che emerge da tutti gli scritti è comunque di speranza e di fiducia nella vita, a dimostrazione del fatto che tutti i partecipanti hanno ben compreso il tema del premio: 10 e lode inteso non come agonismo, ma come esaltazione dell’eroismo quotidiano”.

 

Si è poi passati a presentare i vincitori della categoria Piccoli Autori, partendo dalle menzioni di merito.

Abbiamo scelto una frase del filosofo Hans Georg Gadamer – ha precisato Luciano Landoni – per meglio motivare le numerose menzioni di merito: La cultura è l’unico bene dell’umanità che, diviso fra tutti, anziché diminuire diventa più grande. Ci sono sembrate le parole migliori per legittimare la mission di Mille e… Una STORIA

 

MENZIONE di MERITO

miglior racconto Scuola Media ”Barnaba-Bosco di Ostuni (Brindisi)

UN GIORNALINO DA “10 E LODE”

di Andrea Cavallo di Ostuni (Brindisi)

 

MENZIONE di MERITO

miglior racconto Scuola Media ”Dante Alighieri di Olgiate Olona

OLD STREET

di Federica Marchi, Amine Nahri, Greta Maltagliati e Sabrina Merikech

Hanno premiato la prof.ssa Paola Pucalik ed Elena Castiglioni, componente della Giuria.

MENZIONE di MERITO

miglior racconto Scuola Media ”Padre Daniele di Samarate

UN CORPO DA 10 E LODE

di Francesca Cucuzza di Samarate

Hanno premiato la prof.ssa Claudia Lualdi e Riccardo Canetta, redattore de l’Informazioneonline.
MENZIONE di MERITO

miglior racconto Scuola Media ”Maria Ausiliatrice di Castellanza

LA MIA PALLA DI SPUGNA

di Luca Iannaccone di Marnate

Ha premiato Alessio Murace, redattore del’Informazioneonline.

MENZIONE di MERITO

miglior racconto Scuola Media ”Biagio Bellotti di Busto Arsizio

POLDO, LA MIA PALLA DI PELO

di Camilla Ghidoni di Busto Arsizio

Hanno premiato la professoressa Roberta Fedeli e Isabella Dardelli, componente della Giuria.

MENZIONE di MERITO

miglior racconto Scuola Media ”Fondo-Revò di Fondo (Trento)

MIO NONNO

di Mattia Marinelli di San Zeno fraz. Casez(Trento)

Hanno premiato Gianluigi Marcora, nonno e direttore del’Informazioneonline e Monica Giuffrida, componente della Giuria.
MENZIONE di MERITO

miglior racconto Scuola Media ”Sironi di Verona

SER HARLINGTON: IL SALVATORE DELL’ACQUA

di Francesco Martini e Angela Viviani di Verona

Hanno premiato la prof.ssa Gina Gambareri  e   Lucia Landoni, componente della Giuria.
Gianluigi Marcora è passato alla consegna dei premi ai primi tre classificati della categoria Piccoli Autori.

TERZO PREMIO

motivazione: Parole toccanti che ben esprimono il dolore per la perdita di una persona cara e, nello stesso tempo, la capacità della protagonista di trasformare i ricordi in una speranza di futuro.

IL POSTO PERFETTO

di Sofia Valli di Vanzaghello (Milano)

Scuola Media “Gian Alberto Bossi” – Busto Arsizio

Hanno premiato la prof.ssa Valeria Secol e Luca Pozzoni,direttore Credito Valtellinese (filiale di Busto Arsizio).

Sofia ha ricevuta una targa platino, una cuffia stereo, un diploma e il libro “Cuore di Busto.

 

SECONDO PREMIO

motivazione: Racconto coinvolgente che tocca il delicato tema della scelta della strada del proprio futuro, sottolineando l’importanza della conoscenza “viva” della storia per comprendere il presente.

ORA HO LE IDEE CHIARE

di Rachele Gullotti di Busto Arsizio

Alunna della Scuola Media “Parini” – Busto Arsizio

Hanno premiato la professoressa Sabrina Martignoni e l’imprenditore Roberto Marcora, componente dei Top Ten.

Rachele ha ricevuta una targa platino, una cuffia stereo, un diploma e il libro “Cuore di Busto

“Io ho scelto il comandamento 8 del Manifesto del Futuro, che esalta il gioco di squadra, perché ben rappresenta la filosofia che io ho seguito per 40 anni in azienda con mio fratello” ha detto Roberto Marcora, sollecitato da Landoni.

 

VINCITORE DEL PRIMO PREMIO Mille e… Una STORIA

edizione 2019 nella categoria PICCOLI AUTORI

motivazione: Il “10 e lode!” della protagonista è rappresentato dall’amore per la nonna e dal rispetto che grazie a Lei prova per tutti gli anziani.

ATTRAVERSO GLI OCCHI DEI VECCHIETTI

di Francesca Finelli di San Felice a Cancello (Caserta)

Scuola Media “Francesco Gesué

San Felice a Cancello (Caserta)

Hanno premiato l’assessore alla Cultura del Comune di Busto Arsizio Manuela Maffioli e l’imprenditrice Rita Boldrini Zaro, componente dei Top Ten.

Francesca ha ricevuta una targa Platino, la Busta Blu, una cuffia stereo, il diploma e il libro “Cuore di Busto.

I giovani sono il nostro futuro. Dobbiamo avere fiducia e stima in loro” ha sottolineato con forza Rita Boldrini Zaro dal palco.

Ha preso poi la parola Gianluigi Marcora per dare il via alle premiazioni della categoria Lettori.

PREMIO del DECENNALE

motivazione: La lievitazione del pane diventa metafora della storia familiare, a dimostrazione di come le scelte più semplici possano “programmare” il futuro.

UNO DI QUEI MOMENTI

di Nadia Molinai di Vidalengo di Caravaggio (Bergamo)

​​Hanno premiato Ernesto Bottone, componente dei Top Tene Anna Maria Folchini Stabile, presidente della Giuria.

Nadia ha ricevuto una targa cristallo, un diploma e il libro “Cuore di Busto.

“Nella vita servono passione, coraggio e gioco di squadra – ha detto Bottone intervistato da Luciano LandoniLa passione è fondamentale per far confluire energie e ideali verso un obiettivo e il coraggio è necessario per superare gli ostacoli che inevitabilmente si incontrano sul cammino”.

 

PREMIO del PRESIDENTE di GIURIA

motivazione: Il racconto ripercorre con originalità la vicenda umana

di una giovane donna che grazie alla propria forza di carattere ha saputo trasformare una tragedia in una storia da “10 e lode!”.

VIATRIX / BEATRIX

di Enzo Valiante di San Giovanni Rotondo (Foggia)

Ha premiato Anna Maria Folchini Stabile, presidente della Giuria.
Enzo ha ricevuto una targa cristallo, un diploma, il libro “Cuore di Busto” e la Busta Blu.
A questo punto della serata, al pubblico è stato finalmente svelato lo special guest della serata: Beppe Fiorello è intervenuto in collegamento telefonico dalla Spagna, dov’è impegnato nella realizzazione della sua prossima fiction.
Non mi è mai piaciuto salire in cattedra per dispensare consigli, ma preferisco raccontare storie vere, su cui io stesso voglio sapere di più e imparare. Storie come quella di Enzo Muscia, che è una persona esemplare per la sua capacità di non arrendersi mai e di guardare al futuro – ha detto l’attore – Enzo non è un eroe, ma un uomo della strada, un ragazzo come tanti e proprio questo rende la sua storia straordinaria. Grazie al mio lavoro, ho avuto la possibilità di calarmi nei panni di tante persone e di gran parte di loro sono tuttora amico. È ciò che amo maggiormente della carriera che sto portando avanti”.
E’ stata poi la volta del direttore de l’[email protected] che ha proceduto alla consegna dei premi ai primi tre classificati della categoria Lettori.

TERZO PREMIO

motivazione: Sempre, tranne in pochissimi casi, la storia ha dimostrato la difficoltà a rivendicare uguaglianze e diritti: “10 e lode!” a tutte le donne coraggiose che lo hanno fatto.

LA STAGIONE DELLE ALI SPEZZATE

di Giulio Maria Grisotto di Morazzone (Varese)

Hanno premiato Eugenio Camera Magni, componente deiTop Ten e l’imprenditore Marco Dardelli della Alpha Print.
Giulio Maria ha ricevuta la targa Italia, la Busta rossa (Euro 250), il diploma e il libro “Cuore di Busto
Ricordate che nessuno può portarvi via il futuro, perché il futuro nasce dalla concretizzazione dei sogni che coltivate oggi, nel presente – ha detto Camera Magni rivolgendosi ai giovani – Voi siete frutto di un processo evolutivo, possiamo dire che siete fatti del futuro di noi adulti e avete di fronte a voi la possibilità di creare il vostro personale futuro grazie alla vostra passione”.

SECONDO PREMIO

Motivazione: L’apparente “banalità” della marmellataviene sublimata dal dolore della malattia, dal rispetto per gli anziani e dai ricordi d’infanzia che diventano ricchezza personale e patrimonio per chi sa custodire gli affetti.

MARMELLATA

di Giorgia Testa Vlahov di Milano-Parigi (dato che vive in una sorta di “pendolarismo” tra le due città)

Hanno premiato Enzo Muscia, componente dei Top Ten e l’imprenditore Michele Ferrario della Tintoria Crespi.
Giorgia ha ricevuto la targa Italia, la Busta argento (Euro 500), il diploma e il libro “Cuore di Busto.
Non fermatevi davanti ai muri che incontrerete, alimentatesempre le vostre passioni, fate squadra e restate in Italia – è stato il consiglio di Muscia per i ragazzi presenti – Imparate a essere leader non sui biglietti da visita, ma sul campo, lavorando ogni giorno”.

VINCITORE DEL PRIMO PREMIO Mille e… Una STORIA

edizione 2019 nella categoria LETTORI

motivazione: Originale l’idea di ribaltare il concetto di “10 e lode!”, visto non solo come esaltazione delle vittorie, ma anche come accettazione delle piccole-grandi sconfitte della vita.

VOTO DEL CUORE

di Sonia Barsanti di Viareggio (Lucca)

Hanno premiato l’assessore all’Istruzione del Comune di Busto Arsizio Gigi Farioli e  Agostino Molina, portavoce dei Top Ten.
Sonia ha ricevuto la targa Italia, la “Busta oro” (Euro 1.000), il diploma e il libro “Cuore di Busto.

“Il titolo non è casuale, visto che ho scritto il racconto con il cuore – ha detto Sonia a Luciano Landoni – In ogni ambito della mia vita, seguo prima il cuore e l’istinto. Solo poi subentra la testa”.

 

Il giornalista de l’[email protected] ha quindi chiamato sul palco l’altro ospite d’onore della serata, ovvero l’alpinista Walter Polidori, direttore della scuola di alpinismo “Guido della Torre” e autore del libro Quando arrivi in cima, continua a salire.

Incalzato dalle domande di Landoni, Polidori ha raccontato la sua esperienza di vita e offerto alcuni preziosi consigli ai giovani.

Le tre parole chiave che mi guidano da sempre sono Passione, Forza di volontà (che alimenta la fiamma della passione attraverso l’impegno) e Amore (perché solo grazie ad esso la passione si ravviva continuamente) – ha detto – Ai ragazzi mi sento di dire che l’impegno e la costanza vengono sempre premiati, in montagna come nella vita”.

Come ricordo della serata, Fabio Genoni di Autotorino (concessionaria BMW)  e l’imprenditore   Mario Montonati della Giovanni Clerici e Figli hanno consegnato a Walter Polidori la penna de l’[email protected] e il libro “Cuore di Busto”.

 

È poi intervenuto Gianluigi Marcora per le premiazioni alla categoria Studenti, cominciando con le menzioni di merito, la motivazione delle quali fa riferimento alla frase del filosofo Gadamer già citata prima.

MENZIONE di MERITO

miglior racconto ITE “Enrico Tosi” – Busto Arsizio

QUESTIONE DI NUMERI

di Alessia Maestridi Cassano Magnago

Hanno premiato la professoressa Nadia Chiocchi e AnnaChiaravalli, componente dei Top Ten.

Alessia ha ricevuto una cuffia stereo, il diploma e il libro “Cuore di Busto.

La nostra è un’azienda storica del territorio, ma nello stesso tempo giovane, perché l’età media del nostro personale è bassa – ha detto Anna Chiaravalli – Le aziende che non si sanno rinnovare per stare al passo con il mercato non sopravvivono e di conseguenza i giovani rappresentano una risorsa fondamentale. Noi cerchiamo di sostenerli concretamente non solo formandoli all’interno della nostra azienda, ma anche sostenendo premi letterari come Mille e… Una STORIA e artistici come Memorie di ferro”.

 

MENZIONE di MERITO

miglior racconto Istituti Paritari “Olga Fiorini” – Busto Arsizio

STORIA DI UN GRANDE CHITARRISTA: EDDIE GRAY

di Gloria Plescia, Federico Maida e Greta Ferraro

Hanno premiato il preside Luigi Iannotta e Alessandro Della Marra amministratore unico di AGESP Attività Strumentali.
Gloria, Federico e Greta hanno ricevuto una cuffia stereo, il diploma e il libro “Cuore di Busto.

MENZIONE di MERITO

miglior racconto Liceo Classico e Linguistico “Daniele Crespi” – Busto Arsizio

MODEL BY THE WICKER CHAIR

di Erika Maininidi Samarate

Hanno premiato gli imprenditori   Giuseppe e Ugo Amore della Amore Rappresentanze.
Erika ha ricevuto la cuffia stereo, il diploma e il libro “Cuore di Busto.

 

MENZIONE di MERITO

miglior racconto Liceo Artistico e Coreutico “Paolo Candiani – Pina Bausch”

Busto Arsizio

UNA SCUSA DA DIECI E LODE

di Matilde Sironidi Uboldo (Milano)

Ha premiato la prof.ssa Maria Rosaria Grimaldi.
Matilde ha ricevuto la cuffia stereo, il diploma e il libro “Cuore di Busto.

 

MENZIONE di MERITO

miglior racconto ISIS “Antonio Bernocchi” – Legnano

LA LISTA

di Sara Zarinatodi Cerro Maggiore (Milano)

Hanno premiato la preside Annalisa Wagner e il dirigente industriale    Roberto Paciaroni della Hupac.
Sara ha ricevuto la cuffia stereo, il diploma e il libro “Cuore di Busto

 

MENZIONE di MERITO

miglior racconto IPC “Pietro Verri” – Busto Arsizio

UN SACCHETTINO PER LA SPERANZA

PER UN SOGNO DA 10 E LODE

di Alessio Saldanodi Olgiate Olona

Hanno premiato la prof.ssa Antonella Ammirati e l’imprenditore Ferruccio Bonacina della 3B Meccanica.
Alessio ha ricevuto la cuffia stereo, il diploma e il libro “Cuore di Busto.
MENZIONE di MERITO

miglior racconto ITE “GADDA-ROSSELLI” – Gallarate

IL CALOROSO ABBRACCIO DEL “MOSTRO”

di Sofia Nicolòdi Gallarate

Hanno premiato l’imprenditore Giovanni Bertolli della ZA-BER e  Fabrizio Formaini Marioni assicuratore diALLIANZ (agenzia di Busto Arsizio).

Sofia ha ricevuto la cuffia stereo, il diploma e il libro “Cuore di Busto.

 

MENZIONE di MERITO

miglior racconto ISIS “Cipriano Facchinetti” – Castellanza

L’APPRENDISTA

di Valerio Busellatodi Cairate (già vincitore dell’edizione 2018)

Hanno premiato la vice preside Ileana Saporiti e l’imprenditore Raffaele Facchinetti della 2 Emme.
Valerio ha ricevuto la cuffia stereo, il diploma e il libro “Cuore di Busto.

 

E’ la volta della presentazione dettagliata del tema caratterizzante l’edizione 2020 di Mille e … Una STORIA, ossia La passione fa 40!

La paura fa 90! E’ uno dei detti popolari più famosi. Noi, invece, più modestamente e anche più ottimisticamente, diciamo che la passione fa 40! Perché? Perché nel 2020 la GMC Editore di Busto Arsizio compie proprio 40 anni. Perché la febbre passionale che anima tutti noi della GMC Editore fa 40. Noi ci mettiamo tutto il nostro impegno, tutte le nostre capacità e tutta la nostra passione nel fare ciò che facciamo. Qual è la “tua” passione? Racconta chi o che cosa (nella realtà di tutti i giorni oppure nello sconfinato regno della fantasia) ha scatenato o pensi possa scatenare la “tua” particolare passione!

Diceva Wolfang Goethe, uno dei giganti della letteratura mondiale di tutti i tempi: “Le cose migliori si ottengono solo con il massimo della passione”.

Raccontaci perché. Raccontacelo – ha concluso Landoni rivolgendosi idealmente al potenziale scrittore e alla potenziale scrittrice – attingendo dalle tue esperienze di vita vissuta; oppure ricorrendo alla tua fantasia; oppure ancora ricordando/descrivendo qualcuno o qualcosa che ha “acceso” la tua passione. Quindi, in conclusione, narraci una storia con “passione”, anzi, con la passione che fa 40!”.

 

La parte finale della cerimonia delle premiazioni della 10° edizione di Mille e … Una STORIA è stata dedicata alla categoria Studenti.

TERZO PREMIO

Motivazione: Il racconto ben testimonia la capacità di un’adolescente di trovare solo in se stessa la forza di reagire,nonostante le problematicità del mondo odierno e l’infelicità della sua condizione familiare.

FAMMI UN BEL SORRISO

di Marta Scala di Varese

Liceo Classico “Ernesto Cairoli” – Varese

Hanno premiato Luca Beretta, presidente Prealpi Gas, l’imprenditore Fernando Rimoldi della Pietro Rimoldi e Tiziano Barea, componente dei Top Ten.  

Marta ha ricevuto la targa platino, la Busta rossa (Euro 250), il diploma e il libro “Cuore di Busto.

“Ai giovani dico che bisogna scegliere una direzione e seguirla con costanza e passione – ha dichiarato Barea – Il futuro dipende solo da noi e bisogna ricordare che l’impegno porta sempre risultati”.

 

SECONDO PREMIO

Motivazione: La scoperta della malattia diventa un momento di straordinaria unione familiare: “10 e lode!” a tutte le famiglie di “Supereroi” che lottano unite contro il cancro.

ABBRACCIANDO LA LUCE

di Beatrice Cattaneo di Castellanza

Liceo Scientifico “Arturo Tosi” – Busto Arsizio

Hanno premiato la professoressa Luisa Farioli, Mirella Cerini sindaco di Castellanza e Milena Cortiana,componente dei Top Ten.

Beatrice ha ricevuto la targa Platino, la Busta argento (Euro 500), il diploma e il libro “Cuore di Busto.

Come mi ha insegnato mio papà, nella vita serve sempre coraggio – ha sottolineato Milena Cortiana – Noi italiani siamo grandi per l’innovazione e la creatività e per andare avanti abbiamo bisogno di giovani che lottino per questo Paese”.

Luciano Landoni ha poi chiamato sul palco due dei giovani vincitori delle precedenti edizioni del premio letterario:

Valerio Busellato2018 Isis Facchinetti

Enrico Forte – 2017 Scientifico Tosi

 

Subito dopo, Gianluigi Marcora ha annunciato il vincitore della categoria Studenti, dell’edizione 2019 di Mille e … Una STORIA.

VINCITORE DEL PRIMO PREMIO Mille e… Una STORIA

edizione 2019 nella categoria STUDENTI

Motivazione: Nonostante la sua mente brillante sia devastata dall’alzheimer, il protagonista è ancora da “10 e lode!”perché affronta con coraggio la malattia e ricrea, attraverso lo studio delle cosiddette “lingue morte”, il legame con il passato da cui i più, “malati” di modernità, vogliono fuggire.

L’INVERNO DELLA MEMORIA

di Tiziano Chiarelli di Busto Arsizio

Liceo Scientifico “Arturo Tosi” – Busto Arsizio

Hanno premiato Emanuele Antonelli, sindaco di Busto Arsizio e la professoressa Luisa Farioli.

Tiziano ha ricevuto la Targa di platino, la Busta oro (Euro 1.000), il diploma e il libro “Cuore di Busto”.
Voglio fare i complimenti a tutta la GMC Editore e in particolare a quella macchina da guerra che sono Gianluigi Marcora e Luciano Landoni – ha concluso Antonellil’Amministrazione Comunale è molto grata di quello che avete fatto e continuate a fare soprattutto per i giovani. Voi ragazzi premiati questa sera avete ricevuto delle borse di studio, che molto probabilmente rappresentano il primo guadagno della vostra vita. L’avete ottenuto con il vostro impegno e dovete esserne orgogliosi”.
 

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA

DALLE RUBRICHE