GUARDIA DI FINANZA DI GALLARATE
“Game over” per due amministratori fraudolenti

Evasione fiscale per 20 milioni. La Guardia di Finanza di Gallarate ha eseguito due arresti per reati fiscali e fallimentari. Sequestro di beni mobili e immobili per circa 4 milioni

GALLARATE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La Guardia di Finanza di Gallarate, nell’ambito di una complessa indagine che ha visto coinvolte cinque società, aventi tutte la sede legale presso un consulente fiscale di Gallarate, in relazione a reati fiscali e fallimentari, ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dei due soggetti responsabili, di cui una in carcere ed una agli arresti domiciliari, nonché il sequestro di beni mobili e immobili per circa 4 milioni.

Le società coinvolte – tutte operanti nell’area del Varesotto e del Milanese nel settore del commercio dei videogiochi con centinaia di negozi sparsi in tutta la penisola aventi il medesimo marchio – hanno, tra il 2015 e il 2017, messo in atto una serie di condotte fraudolente, che si sono tradotte nell’emissione e annotazione di false fatturazioni sfociate anche in condotte di bancarotta.

L’attività d’indagine si è sviluppata mediante l’esecuzione di verifiche fiscali che hanno permesso il recupero di oltre 20 milioni di euro di base imponibile, nonché un’evasione Iva pari a circa 2 milioni di euro, oltre a 200 mila euro di ritenute operate e non versate.

I due soggetti arrestati, uno amministratore di diritto e l’altro di fatto delle società coinvolte nella frode, risultano indagati anche per bancarotta fraudolenta per aver distratto beni delle società giunte al fallimento, per circa 4 milioni di euro, svuotando i magazzini dei negozi sparsi in tutta Italia e rivendendo “in nero” i giochi e le consolle acquistati da note società fornitrici, ovvero costituendo nuove società utilizzate per le vendite sottocosto dei videogiochi, anche attraverso piattaforme di vendita e-commerce.

Il dissesto societario era ben chiaro agli amministratori, i quali negli anni avevano tentato di celare il reale andamento del “gruppo” falsificando i bilanci ed esponendo situazioni finanziarie ed economiche del tutto differenti dalla realtà. Anche la documentazione rinvenuta dalle Fiamme Gialle, a seguito di perquisizione, ha confermato la totale irregolarità della contabilità, rendendo difficoltosa la ricostruzione della reale situazione aziendale. L’attenzione da parte delle Fiamme Gialle a tali fenomenologie delittuose costituisce una importante linea d’azione nell’ambito delle funzioni di Polizia economico-finanziaria, sia per i profili connessi al recupero dei tributi sottratti al bilancio dello Stato e degli Enti locali, ma anche perché consente di arginare le alterazioni della concorrenza, la diffusione dell’abusivismo e dell’illegalità nel sistema economico, a tutela delle imprese che operano nella piena e completa osservanza delle leggi.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA