Nel giorno dell'Immacolata Concezione
Giornata del Ricordo a Fagnano Olona

Un valore da onorare e il ricordo di chi è caduto per la Patria, per gli alti ideali di libertà, democrazia e giustizia

Ottavio Tognola

FAGNANO OLONA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Gratitudine. Tenere viva la memoria del sacrificio di migliaia di italiani travolti dal turbine delle guerre con un senso forte del presente rivolto ai nostri militari morti nelle missioni di pace.

Ѐ quanto propone l’Associazione Nazionale Famiglie Caduti e Dispersi in guerra presieduta nella nostra provincia da Sergio Ferrario, con la “Giornata del Ricordo” celebrata domenica 8 dicembre nella chiesa San Giovanni Battista a Bergoro dalla sezione di Fagnano Olona, comprendente anche Cairate.

No alla guerra, sì alla pace dei popoli. L’hanno ribadito le Associazioni d’Arma e le Sezioni varesine dell’Associazione Caduti e Dispersi presenti con i loro labari e bandiere insieme all’Anpi, i Sindaci di Fagnano Olona, Maria Elena Catelli, di Castellanza, Mirella Cerini, il Vice sindaco di Cairate, Luigi Innocenti e il Presidente Provinciale di Monza e Brianza dell’Associazione Fernando Bonalumi.

Sezione di Fagnano Olona presieduta da Antonio Cattaneo che ha celebrato la Giornata del Ricordo nella ricorrenza della festività dell’Immacolata Concezione con la Santa Messa officiata da don Simone Seppi, dove il trombettiere Antonio Vescio ha eseguito il silenzio e l’Ave Maria e con la recita della preghiera del caduto e disperso in guerra.

A concludere la commemorazione è stato il corteo dalla chiesa di Bergoro al Monumento dei Caduti al Cimitero, con la deposizione della corona d’alloro da parte del Sindaco Catelli con il Presidente dell’Associazione Sergio Ferrario.

“Se il ricordo è così nitido – hanno rimarcato nei loro interventi finali – non è per lo scorrere incessante del tempo, ma per l’intensità del messaggio che questa celebrazione trasmette e oggi deve servire a comprendere che i veri valori di ogni popolo e nazione sono la pace, il rispetto e la libertà. A testimoniare che il sacrificio di coloro che hanno combattuto, perché un altro modo di vivere era ed è possibile, non sia stato vano”.

Copyright @2019