LA SEGNALAZIONE DI PORFIDIO
“Gli agenti aspettano ancora l’indennità di turno”

“Quattro mesi di attesa sono troppi, soprattutto di questi tempi”, osserva l’ex consigliere comunale. Sartorato: "Serve buon senso"

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

“Gli agenti di Polizia locale stanno aspettando da quattro mesi che l’amministrazione riconosca loro l’indennità di turno”.
A raccogliere e rilanciare il malcontento di alcuni vigili è l’ex consigliere comunale e leader de La Voce della Città Audio Porfidio. Il quale afferma che “riconoscere ai dipendenti comunali quanto spetta loro deve essere una priorità dell’amministrazione”.

Le ragioni tecniche alla base del “ritardo” (di questo si tratta, nel senso che la cifra attesa non andrà certo dispersa), legate all’attesa della firma del nuovo contratto, non sembrano interessare Porfidio: “Parliamo di dipendenti che, tra l’altro, svolgono un lavoro importante e delicato. Quattro mesi di attesa non sono pochi, soprattutto di questi tempi. Quando poi si viene a sapere delle manifestazioni che richiedono fondi, non ci si può stupire del malcontento di chi attende quanto gli spetta. Anche se le cose non sono collegate, bisogna comprendere e andare incontro alle esigenze di chi quotidianamente lavora per la sicurezza dei cittadini”.

Il malcontento dei dipendenti è confermato dal sindacalista della sigla Adl, Fausto Sartorato: “I soldi arriveranno, ma chi garantisce un servizio si aspetta di essere pagato mensilmente. Già lo stipendio è tutt’altro che elevato, se poi ci sono questi ritardi, che riguardano pure la reperibilità, per un totale di circa 500 euro, è normale che la gente non la prenda bene. Servono buon senso e collaborazione: se anche il nuovo contratto prevedesse un leggero aumento, la maggiorazione poteva essere conguagliata in seguito”.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA