Scherma
Gran Premio Rotary Club La Malpensa per schermidori paralimpici. Un altro successo per Busto Arsizio

Si sono concluse, nella sala scherma della Pro Patria Busto Arsizio, le gare degli atleti paralimpici e non vedenti sostenute dal Rotary Club Busto Gallarate Legnano “La Malpensa”

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Si sono concluse, nella sala scherma della Pro Patria Busto Arsizio, le gare degli atleti paralimpici e non vedenti sostenute (dal 2016) dal Rotary Club Busto Gallarate Legnano “La Malpensa”.

Come in precedenza, la partecipazione di tanti atleti ha testimoniato il gradimento di schermidori e accompagnatori per la sede di Busto, non solo per motivi logistici, ma anche per il clima sempre gradevole e cordiale che accompagna le competizioni che si svolgono in Pro Patria Scherma. Da 2018 c’è anche una sezione di gare dedicate agli schermidori non vedenti, che quest’anno si sono fatti onore.

La manifestazione 2019 ha confermato numeri in crescita, con adesioni di atleti tra le più alte dall’avvio del meeting. Alessandro Buratti, campione italiano della categoria, ha confermato il suo valore classificandosi al secondo posto, dietro un volitivo e determinato Realdini. Sempre tra le atlete di casa, Laura Tosetto, quinta, ha sfiorato il podio dopo un assalto perso per 10-9.

’Siamo soddisfatti, ma questa è una disciplina ancora giovane, che fa un po’ fatica a decollare anche perché sul regolamento non c’è ancora accordo fra le diverse nazioni”, ha commentato il Maestro Giancarlo Toran.

Alla cerimonia di premiazione sono intervenuti l’Assessore comunale allo Sport, Laura Rogora, il presidente della Fis regionale, Maurizio Novellini, e i dirigenti della Pro Patria, Franco Lualdi, Massimo Vailati e Marino Vago, socio del Rotary Club “La Malpensa”, sponsor della manifestazione.

Il Presidente 2019-2020 del Rotary Club La Malpensa, Filippo Crivelli, ha ringraziato Marino Vago e per il suo tramite si è complimentato con tutto lo staff della Pro Patria Scherma, con le mamme, i papà, tecnici, atleti e volontari, senza dimenticare la direzione di torneo e gli arbitri, che con il loro impegno hanno reso possibile portare felicemente a compimento le due impegnative giornate di gara.

Copyright @2019