Già proiettati sulla prossima (decima) edizione
Grazie a chi crede in noi

Non si è tuttora spenta l’eco della Cerimonia di premiazione della nona edizione del nostro Premio Letterario "Mille e... Una STORIA" che ha registrato un Teatro Sociale a Busto Arsizio pieno in ogni ordine di posti...

Gianluigi Marcora

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Non si è tuttora spenta l’eco della Cerimonia di premiazione della NONA rassegna del nostro Premio Letterario “Mille e… Una Storia” che ha registrato un Teatro Sociale a Busto Arsizio zeppo in ogni ordine di posti sia in platea sia in galleria. Lasciatecelo dire con estremo orgoglio: il “pienone” lo facciamo solo noi, salvo qualche altra sporadica manifestazione che ha un costo esorbitante, con ingresso del tutto gratuito. Qui dobbiamo ringraziare il Comune di Busto Arsizio che ci ha concesso il “Teatro” quale contributo riservato a una manifestazione culturale di alto livello… proprio così, “alto livello” per aver richiamato in città, autori da tutta Italia e avere poi riservato agli studenti delle Scuole Medie Superiori (coi loro Docenti ed i loro Dirigenti Scolastici) un posto di primo piano. Tutti gratificati da “Borse di Studio” in denaro.

Diciamolo subito: è andato tutto liscio per un’organizzazione ottimale del regista, il nostro Massimo Castiglioni che ha stilato il programma d’intervento in ogni dettaglio, a cui tutto è ruotato attorno; dall’accoglienza dei Personaggi, alla presenza delle Autorità, all’affluenza di un pubblico strabocchevole che ci ha onorato della sua presenza. Un particolare ringraziamento è doveroso farlo ad Alessandra della CIBITEX  (per le musiche) che la deliziosa signora Milena Cortiana ci ha messo a disposizione.  Fabrizio Bottigelli della Fratelli Ferrario Addobbi.  Poi, Claudio Colombo di Agesp che ha curato l’intero funzionamento di luci e microfoni. Lucia Landoni (giornalista e membro della Giuria esterna del Premio Letterario) che ha letto i migliori lavori premiati, in maniera ineccepibile, con sentimento e professionalità. Ci sono da lodare per il prezioso lavoro svolto, le “persone di sala” sia per l’eleganza che mostravano all’occorrenza sia per il tatto con cui disponevano i convenuti nelle loro postazioni. Eccoli, i “benedetti”: Laura Castiglioni, Silvia Bellezza, Alessio Murace, Riccardo Canetta, Mattia Brazzelli Lualdi, Leonardo Landoni.

Come posso fare a meno – ora – di citare i due “bravi presentatori”: Luciano Landoni e il sottoscritto. So di certo che “qualcuno” – ora – penserà ad una auto-esaltazione, ma (come sempre) sarà in errore. Fornire la notizia nella sua realtà è semplicemente un dovere di cronaca; poi ciascuno faccia le proprie considerazioni. A noi preme rendere conto ai favolosi sponsor che hanno fiducia nel nostro lavoro e che ci consentono di continuare una manifestazione altamente culturale, dedicata soprattutto ai Giovani, ma pure ai Lettori di ogni parte d’Italia che volessero cimentarsi nel nostro Premio Letterario.

La “cartina di tornasole” che vogliamo… esibire è quella dei due volumi distribuiti gratuitamente a tutti i presenti al Teatro Sociale: due libri, entrambi di oltre 300 pagine ciascuno. Il primo libro contiene i migliori lavori che un’apposita Giuria ha selezionato e valutato, provenienti da tutta Italia. Il secondo libro contiene i lavori selezionati e valutati sempre da una Giuria esterna, degli Studenti delle Scuole Medie Superiori (che a Busto Arsizio sono circa 10.000) e di alcune classi invitate delle Scuole Medie di secondo grado. Anche agli Studenti delle Scuole Medie abbiamo consegnato i due volumi della serata, sempre gratuitamente.

Che aggiungere? Un ringraziamento a tutti (davvero tantissimi) che ci hanno ringraziato: personalmente, via mail, telefonicamente, con lettera, facendoci visita in Redazione, in giro per la città… insomma; un “bagno di folla” davvero entusiasmante che ci ha gratificato sotto ogni aspetto.

Ora, ci stiamo già prodigando per il Premio Letterario del DECENNALE che ha quale titolo “10 e Lode” e, il titolo ci sembra appropriato sotto ogni aspetto. Ovviamente, pubblicheremo il Regolamento. “10 e Lode” per potersi sbizzarrire in qualcosa che merita l’eccezionalità e (per noi) un “dieci e lode” per essere arrivati sin qui – dieci anni per un Premio Letterario sempre in crescita, non è da tutti e noi vorremmo… proseguire per tutto il futuro che la Provvidenza ci metterà a disposizione. Ancora grazie a chi crede in noi!

Copyright @2018

DALLE RUBRICHE