UNA BELLA TESTIMONIANZA
Humanitas Mater Domini, l’abbraccio virtuale di nonna Elisa alla neonata nipotina

Nonna Elisa, ricoverata nel reparto Covid, ha potuto vedere per la prima volta la nipotina Camilla, nata lo scorso 25 marzo. “Una videochiamata valsa come un abbraccio, un sorriso, quello di nonna Elisa e di tutti noi che insieme abbiamo gioito per una nuova vita”, racconta il personale di Humanitas

Silvia Bellezza

CASTELLANZA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Per ora nonna Elisa ha potuto conoscerla solo attraverso una videochiamata, e chissà quando potrà abbracciarla, di certo la nipotina le darà tanta forza per combattere e vincere la battaglia contro il Coronavirus.

Dall’Humanitas Mater Domini di Castellanza arriva una storia di speranza, un raggio di luce in un periodo buio che ha regalato momenti di gioia non solo alla neo nonna ma a tutto il personale, medici ed infermieri che lavorano nel reparto Covid dell’ospedale, assistendo quotidianamente e supportando coloro che non hanno la possibilità di parlare con i propri cari.

Camilla è nata lo scorso 25 marzo e nonna Elisa ha potuto vederla, per la prima volta, grazie ai tablet generosamente donati. “Una videochiamata valsa come un abbraccio, un sorriso, quello di nonna Elisa e di tutti noi che insieme abbiamo gioito per una nuova vita”, racconta il personale di Humanitas.

Una preziosa testimonianza di passione e di attenzione a chi soffre, nonostante la fatica e le difficoltà. Un disegno che rappresenta il fiocco rosa, simbolo della nascita, è il regalo che medici ed infermieri hanno dedicato alla nonna e che rimarrà esposto in reparto.

Copyright @2020