I temp’indrè

Lasciatemi "attingere" da una poesia semplice, quasi nostalgica, quel che un tempo era normale e che oggi sembra tutto fuori moda. E' di un caro amico, Gianfranco Trotti

Gianluigi Marcora

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Lasciatemi “attingere” da una poesia semplice, quasi nostalgica, quel che un tempo era normale e che oggi sembra tutto fuori moda. E’ di un caro amico; Gianfranco Trotti che mette in luce un tenore di vita che un tempo suscitava tenerezza e che oggi si fa fatica a dimenticare.

Il titolo di questa Poesia è: I temp’indrè (I tempi trascorsi)

Che bèi tempi èan chi là, candu in giru ghèa ul magnàn – l’ea in stràa Galarà, al s’a sentèa vusà – tusàn gh’a ria ul magnàn – al giustèa i padelòti anca candu ean tul ruti. – Ghèa anca a turnu ul cadregotu e u umbrelatu – ul militta in bicicleta, cunt’i culzòn da velù e a camisa da fustàgn – al vusèa in taliàn, huela donne c’è l’arrotino – al mulèa i fuasèti e i curtèi – e i so clienti ian sempàr chèi. – Ghèa anca ul strascè, sempar in sèla al furguncèn – al vendèa a lisciva, a soda e’l saòn – pai i fioeuiti ghèa i giusiti – mò che pu naguta, ghe nanca a pòa genti. – Cunt’ul prugressu, a televisiòn han purtà via anca i tradiziòn – che bei tempi chi là indrè – cunt’l magnàn sempar tacà ai pè.  –  Gianfranco Trotti

C’è nostalgia, sicuramente. C’è tenerezza nell’evocare la fanciullezza, la gioventù, quando si era tutti spensierati, delicatamente vivi fra la gente. Oggi la chiamano condivisione. Una volta, questa amata “condivisione” era un darsi una mano, una buona parola, uno stare insieme.

Vediamo com’è delicata la traduzione:

“Che bei tempi erano quelli là (quelli passati) – quando in giro c’era lo stagnino – era in strada Gallarate e si sentiva urlare (per annunciare la sua visita) –  ragazze è arrivato lo stagnino – aggiustava le pentole anche quando erano tutte rotte (per il prolungato utilizzo) – c’era in giro anche chi aggiustava sedie e ombrelli – chi molava (in bicicletta, adattata al mestiere, col rialzo e la mola fissata sul manubrio), coi pantaloni di velluto e la camicia di fustagno – e gridava in italiano ….donne c’è l’arrotino – molava forbici e coltelli – e i suoi clienti erano sempre quelli. – C’era pure il cenciaiolo, sempre in sella al furgoncino – vendeva candeggina, soda e sapone – per i bimbi c’erano i giusini. – Adesso c’è più nulla, nemmeno la povera gente (proprio così….la povera gente di allora, la vedevi, la vivevi, molto differente da oggi) – col progresso e la televisione hanno portato via anche le tradizioni – che bei tempi, quelli trascorsi – con l’arrotino sempre appresso a casa.

Quanta delicatezza in questi versi ….quanta nostalgia ….il tempo che passa, le abitudini modificate e un bisogno spasmodico di vivere la vita, ma di subirla.

Copyright @2020

DALLE RUBRICHE