BUSTO-Conegliano 0-3 (16-25, 23-25, 20-25)
Il botto è dell’Imoco, Uyba in Coppa Italia contro Casalmaggiore

Troppo forti le venete: le bustocche si arrendono in tre set, chiudendo l'andata al quarto posto, ma mantenendo il fattore campo nei quarti di Coppa Italia contro Casalmaggiore

LODEDO

Igor Mutinari

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Niente da fare. La Unet e-work Busto Arsizio non riesce nell’impresa di battere le campionesse d’Italia in carica di Conegliano e cede piuttosto nettamente al PalaYamamay per 0-3 (16-25, 23-25, 20-25).

Contro una squadra che ritrova Sylla all’indomani del grave lutto che l’ha colpita (toccante il minuto di silenzio), le farfalle iniziano male la partita, subendo la potenza di fuoco di Fabris e Hill. Solo sul finale del secondo set e nella fase centrale del terzo la squadra di Mencarelli prova a lottare alla pari con le pantere venete, ma alla lunga Conegliano ha la meglio. Probabilmente la corazzata di Santarelli è la più completa incontrata sinora, ma Mencarelli ha dovuto rinunciare in corsa ad una dolorante Gennari (per il riacutizzarsi di un problema al ginocchio) mentre ha recuperato in extremis Herbots fermata in settimana dalla febbre.

Proprio la schiacciatrice belga è stata l’unica a farsi valere per l’intera partita (16 punti), mentre note positive sono arrivate anche da Meijners che ha giocato per gran parte del match senza evidenziare problemi di tenuta (9). Ancora sotto esame Grobelna, sostituita in corso d’opera da Piani.

Non tutto il male vien per nuocere: complici i risultati sugli altri campi, le farfalle mantengono il quarto posto al termine del girone di andata. Proprio in funzione di questo, Busto avrà il vantaggio del fattore campo nei quarti di finale di Coppa Italia con Casalmaggiore: andata il 16 gennaio a Cremona, ritorno il 20 al PalaYamamay (probabile slittamento al 21)

Il prossimo impegno per Gennari e socie sarà ancora al PalaYamamay, dove domenica 6 gennaio (ore 17.00) arriverà Bergamo per la prima gara del 2019.

Foto servizio: Rocco Lodedo

Le voci del post partita
Coach Marco Mencarelli: “Di sicuro si può salvare il fatto che abbiamo visto Meijners giocare con un buon ritmo contro una squadra così importante. Conegliano è una squadra difficile, giocano ad una velocità impressionante: è questo ciò che ci da più fastidio, sono veloci. Ci aspetta ora un gennaio molto intenso, quindi credo che ci sia assolutamente bisogno di ricaricare le pile”.
Vittoria Piani: “Siamo molto dispiaciute per come abbiamo giocato e per il risultato: dovevamo dare molto di più, partire molto più cariche. Conegliano ha un gioco molto veloce, abbiamo fatto fatica a leggere le loro azioni”.

Pagelle

Piani 6, Bulovic sv, Peruzzo sv, Herbots 7, Grobelna 5, Gennari sv, Cumino sv, Orro 6, Leonardi 6.5, Bonifacio 6, Meijners 6.5, Berti 5.5, Botezat sv. Mencarelli 6.

Il film della partita
Per l’ultima uscita dell’anno, in un PalaYamamay in cui si respira l’atmosfera delle grandi occasioni, coach Mencarelli schiera Orro in diagonale con Grobelna, Berti e Bonifacio al centro, Gennari ed Herbots in banda, Leonardi libero. Risponde Santarelli con Wolosz-Fabris, Danesi-De Kruijf, Hill-Tirozzi, De Gennaro. Farfalle in biancorosso, venete in gialloblù. Prima dell’inizio del match, un minuto di silenzio in memoria della madre di Miriam Sylla, scomparsa negli ultimi giorni.

Primo set: In avvio Conegliano prova subito a mettere le cose in chiaro con Fabris (3-7); Herbots prova a ridurre il distacco (9-11), ma Fabris e Hill accelerano ancora (10-18). Mencarelli prova a mischiare le carte con Meijners che prende il posto di Gennari: Mamma Flo prova a dare la scossa (3 punti per lei), ma le venete chiudono con Fabris sul 16-25.

Secondo set: Mencarelli riparte con Piani e Meijners in campo, ma la musica non cambia (6-9). Le farfalle non sembrano avere la forza per ridestarsi e Conegliano prosegue l’allungo (12-17). Sotto anche di sei punti (16-22), le farfalle con Herbots tentano il colpo di coda (19-22). Sul 21-23 è Conegliano a cambiare: dentro Sylla e Bechis. Busto però torna a contatto sul 23-24, ma Hill chiude comunque dopo lo spavento 23-25.

Terzo set: Stroncate sul più bello nella seconda frazione, le farfalle non iniziano benissimo la terza (4-7). Le venete però non riescono a prendere il largo (9-10) e Herbots può addirittura impattare (12-12). L’equilibrio dura fino a quando Danesi non mura Herbots (19-21); il finale è uno show di Hill che segna a ripetizione e mette la parola fine al match (20-25).

Tabellino
Unet e-work Busto Arsizio-Imoco Volley Conegliano: 0-3
(16-25, 23-25, 20-25)
Unet e-work Busto Arsizio: Piani 5, Bulovic ne, Peruzzo ne, Herbots 16, Grobelna 1, Gennari, Cumino, Orro 2, Leonardi (L), Bonifacio 5, Meijners 9, Berti 1, Botezat. All. Mencarelli, 2° Musso. Battute: vincenti 1, errate 5. Muri 5 (Meijners 2).
Imoco Volley Conegliano: Bechis, Easy, De Kruijf 6, Folie ne, Fersino, De Gennaro (L), Danesi 11, Samadan ne, Fabris 15, Wolosz 5, Hill 20, Tirozzi 6, Sylla, Moretto ne. All. Santarelli, 2° Simone. Battute: vincenti 2, errate 13. Muri: 12.
Arbitri: Goitre e Piperata.
Durata set: 22′, 29′, 25′. Tot.: 85′.
Spettatori: 3284.

Risultati
Uyba-Conegliano: 0-3, Novara-Casalmaggiore: 3-0, Bergamo-Monza, : 1-3, Brescia-Scandicci: 0-3, Filottrano-Chieri: 3-2, Club Italia-Cuneo: 0-3. Riposa: Firenze.

Classifica
Novara 32; Scandicci e Conegliano 28; Uyba Busto Arsizio 24; Casalmaggiore, Monza 23; Firenze 16; Brescia, Bergamo, Cuneo 15; Filottrano 9; Chieri 5; Club Italia 2.

Prossimo turno
Domenica 6 gennaio, ore 17.00
Uyba-Bergamo, Brescia-Novara. Casalmaggiore-Conegliano, Club Italia-Monza, Chieri-Firenze, Scandicci-Filottrano. Riposa: Cuneo.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA