Calcio dilettanti
Il Busto 81 torna a gioire. Ingranano anche Antoniana e Beata

Torna a vincere il Busto 81, mentre si confermano Antoniana e Beata Giuliana. Pari senza reti per la Borsanese, male Cas e Ardor

Riccardo Torresan

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Si è chiusa una nuova giornata del campionato dilettanti, che entra così nel mese di dicembre. Al netto delle temperature, sempre più rigide, si misurano i verdetti espressi dai campi. Con le classifiche che si muovono, tutte le bustocche – ad eccezione della San Marco, a riposo – sono state impegnate questa domenica. Che l’obiettivo fosse la conferma o il riscatto, qui di seguito pubblichiamo risultati ed analisi.

Eccellenza

Sancolombano-Busto 81: 0-3

Torna a centrare la vittoria il Busto 81 di Danilo Tricarico, reduce da un turno di appannamento. In trasferta contro il Sancolombano, i biancorossi sembrano ritrovare lo smalto che li ha caratterizzati, e si presentano subito aggressivi e propositivi. Al 33′ del primo tempo, arriva finalmente il vantaggio ad opera di Anzano, che però non si accontenta e firma anche la doppietta del 2-0. Con questo, fissa anche il risultato di metà gara. Nella ripresa, sono sempre i tori a mantenere il controllo del gioco, ma il gol si fa attendere più a lungo. Solo al 42′, infatti, Berberi riesce a piazzare la zampata vincente, spegnendo definitivamente le già fievoli speranze avversarie.

“Sono contento di questa prestazione – commenta il mister – che ci permette di rialzarci subito”. E in effetti, al momento, la vetta dista solo 2 lunghezze.

Vince anche la Castellanzese di Emiliano Palazzi, che chiude 1-0 sul campo dell’Accademia Pavese San Genesio. Cade, invece, il Legnano di Rovellini, che incassa una sconfitta di misura (0-1) dal Fenegrò.

Prima categoria

Cairate-Antoniana: 0-1

Pare davvero aver trovato la quadra l’Antoniana, che infila la terza vittoria consecutiva. Giustiziato la settimana scorsa dal Cas, il Cairate si trova di fronte un’altra bustocca in buono stato di forma, che parte da subito con il piglio giusto. Qualche occasione rischia di mandare subito i giallorossi di Davide Airoldi in vantaggio, soprattutto una traversa centrata da Lo Piccolo. Nonostante la buona circolazione di palla e il reparto difensivo attento, però, il primo tempo si chiude a reti inviolate. Nella ripresa i bustocchi escono meglio dai blocchi, ed insaccano l’1-0 con Ana Prete al 5′. A questo punto i padroni di casa provano un forcing, che però si infrange su una buonissima difesa giallorossa. Prima del fischio finale c’è ancora spazio per qualche occasione per l’Antoniana, che però non sfrutta e chiude di misura.

“Siamo stati bravi a gestire tutta la partita – spiega Airoldi – nonostante qualche sbavatura di troppo. Stiamo crescendo con costanza e cresceremo ancora”.

Ispra-Cas: 2-1

Giornata d’inciampo per i biancoblù di Luciano Cau, che cadono in trasferta. La partita inizia in salita, con i padroni di casa che si procurano il gol del vantaggio dopo solo un quarto d’ora dal fischio iniziale. Il risultato resta congelato per tutto il primo tempo, con i sinaghini che sembrano faticare nel trovare una reazione. La seconda frazione, però, vede un Cas diverso e più grintoso, che al 15′ insacca l’1-1 con Falvella. Spirito e gioco sembrano recuperati, ma dopo soli 5 minuti arriva un’altra tegola, con il 2-1 dell’Ispra su punizione. Qualche altra occasione nel finale mantiene viva l’emozione, ma al triplice fischio il Cas è sotto.

“Abbiamo perso un altro treno – si rammarica l’allenatore – e continuiamo a realizzare troppo poco rispetto a quanto creiamo. Ci manca il ritmo da prima in classifica, quindi dovremo rimboccarci le maniche e cambiare passo”.

Qualche speranza, oltre al duro lavoro, potrebbe risiedere anche nei piedi di Alessi. L’attaccante del Gorla, infatti, potrebbe approdare in settimana a via Villoresi, nonostante la trattativa sia ancora in discussione.

Seconda categoria

Beata Giuliana-Rescaldinese: 1-0

Riesce l’operazione conferma anche ai ragazzi di Alfredo Rossetti, che vincono di misura sul campo di casa. In una partita decisamente equilibrata, il primo tempo si chiude a reti inviolate, nonostante qualche occasione in più per i bustocchi. Nella ripresa, però, i rossoblù si sbloccano con Ciuciu, che segna dopo appena due giri d’orologio. La Rescaldinese non molla e si procura un rigore, che però resta irrealizzato. A questo punto è il Beata a tenere le redini del gioco fino al triplice fischio.

“Una buona prestazione – si rallegra Rossetti – che fa bene alla classifica ed al morale. Il nostro percorso di crescita continua e inizia a premiarci”.

Borsanese-Virtus Cantalupo: 0-0

Reti inviolate a Borsano, con i biancoazzurri di Davide Tomanin che non vanno oltre lo 0-0. La partita si mostra fin da subito equilibrata, con qualche occasione pericolosa da entrambi i lati. Prima della pausa di metà gara arriva anche un palo, centrato dallo stesso Tomanin su calcio d’angolo. Nella ripresa, la situazione si ripropone sostanzialmente negli stessi termini, con qualche altra occasione dei bustocchi che però non riescono a concretizzare. Alla fine, il risultato non si sblocca.

“Penso sia stata davvero una buona prestazione – commenta il tecnico – e probabilmente meritavamo qualcosa in più del pareggio. Comunque è un punto prezioso e siamo soddisfatti di non averlo sprecato”.

Terza categoria

Ardor-Nuova Fiamme Oro Ferno: 1-3

Si preannunciava difficile il compito dell’Ardor, e così è stato. Dopo il complicato pareggio della settimana scorsa, gli azzurri di Fabio Colombo rimediano, stavolta, un risultato negativo. Il tutto, però, in una partita dove i meriti degli avversari sono stati decisamente più alti dei demeriti degli ardorini. Il controllo del gioco resta subito nelle mani degli ospiti, sebbene i padroni di casa riescano anche ad impensierire gli avversari con qualche occasione. Nonostante una prestazione di buon livello, qualche disattenzione di troppo spedisce la Nuova Fiamme Oro sul 3-0 sopra. Solo a due minuti dalla fine, dopo aver costruito senza mai concretizzare, è Mantovan ad insaccare il gol della bandiera per l’Ardor.

“Onore ai nostri avversari – commenta il ds Massimo Ciapparellaanche se noi siamo stati un po’ sottotono. Puntiamo a fare meglio settimana prossima”.

Copyright @2017