OLGIATE OLONA
Il carnevale olgiatese si fa in tre

Grande successo per il carnevale olgiatese che si è “fatto in tre” offrendo anche una meravigliosa sfilata in notturna

Loretta Girola

olgiate olona

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Grande successo per il carnevale olgiatese che anche quest’anno si è letteralmente “fatto in tre” offrendo anche una meravigliosa sfilata in notturna che, nonostante il freddo, si è rivelata un vero trionfo. Tre sfilate, dunque, che hanno percorso le vie di tutti i rioni del paese, grazie all’impegno dei volontari che, anche quest’anno, hanno realizzato diversi carri ispirati al tema «coleotteri, stupidotteri, bomboloni» suggerito dalla diocesi ambrosiana.

Ecco allora che Farfalle, coccinelle, bruchi e insetti hanno preso possesso dei carri olgiatesi sfilando la domenica pomeriggio per le vie del centro, seguite dal gruppo storico delle majorette olgiatesi, dei ragazzi degli oratori e delle scuole e da moltissime famiglie che non hanno voluto mancare all’appuntamento.

Lo stesso percorso si è ripetuto per la sfilata del giovedì sera, che ha avuto forse ancor più successo di quella di domenica, durante la quale i volontari hanno preparato gustosissime frittelle e gli Alpini hanno provveduto a riscaldare, letteralmente, i presenti grazie ad un bicchiere di caldo vin brulè.

L’ultimo appuntamento del carnevale olgiatese è stato, come da tradizione, quello con la sfilata del sabato pomeriggio, che è partita dall’oratorio del Gerbone per arrivare a quello del Buon Gesù; novità di quest’anno è stato il percorso, che si è notevolmente allungato per coinvolgere gran parte dei due quartieri, spingendosi fino a via Firenze per poi tornare verso il parco Carducci lungo via unità d’Italia.

Anche questa volta, nonostante la giornata fredda e nuvolosa, sono state moltissime le famiglie che hanno partecipato alla sfilata, e in tantissimi sono ritrovati poi presso la piazza del Buon Gesù per gustare le frittelle e chiacchiere preparate dai volontari e per assistere alle premiazioni.

Come sempre sono state omaggiate delle targhe fornite dalla Pro Loco la maschera più bella, quella più originale e il gruppo più numeroso.

“Un grazie da parte dall’Amministrazione va ai volontari – ha sottolineato il Sindaco Gianni Montano – che hanno ben utilizzato lo spazio che abbiamo fornito loro preparando i bellissimi carri che hanno reso queste sfilate possibili; non si possono dimenticare, poi, i volontari della Protezione civile e dell’associazione Carabinieri in pensione che ci hanno aiutato durante gli eventi e il personale della nostra Polizia Locale, senza il quale tutto questo non sarebbe stato possibile”.

Copyright @2018