Campionato Dilettanti – 13^ giornata
Il Cas conquista la vetta, Antoniana rinata

Il Cas vince e vola in vetta. Due su due per l'Antoniana di mister Pavoni, che bissa il successo di settimana scorsa. Ferme sul pari Busto 81, San Marco e Beata. Male Borsanese, Ardor e San Filippo

Simone Testa

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nella tredicesima giornata dei campionati dilettantistici provinciali e regionali, le formazioni bustocche si dividono fra gioia e rammarico. In questa prima domenica di dicembre, il Cas può festeggiare la vetta della classifica, mentre una rigenerata Antoniana centra il secondo successo consecutivo sotto la gestione Pavone. Resta solo qualche rimpianto per le altre società cittadine.

Eccellenza

Busto 81Mariano Calcio: 0-0

Si ferma sul pari il Busto 81 di Stefano Civeriati, fin troppo sprecone in questo turno di campionato. In questo match a senso unico i tori bustocchi creano palle gol a ritmo industriale, ma il Mariano riesce sempre a salvarsi per il rotto della cuffia. L’ingresso di Castagna a 25’ dalla fine infiamma ulteriormente la partita, ma il numero uno avversario si dimostra bravo ad opporsi sul suo diagonale velenoso, e poi fortunato quando un’altra conclusione dell’attaccante bustocco si stampa sulla traversa.

“In questi casi non si può neanche parlare di sfortuna, abbiamo sprecato troppo e l’abbiamo pagata. A differenza degli altri pareggi questa volta siamo riusciti a creare diverse palle gol, abbiamo fatto dei passi in avanti, ma la vetta inizia a farsi pericolosamente lontana” ammette il team manager Giorgio Tomasini.

Prima Categoria

Arsaghese-Antoniana: 0-2

Due su due. L’Antoniana inizia a vedere la luce in fondo al tunnel con il secondo successo consecutivo conquistato sotto la guida di mister Cristian Pavone, e torna a ridare ossigeno alla propria classifica. Dopo una fase iniziale di studio fra i due schieramenti, i bustocchi spezzano l’equilibrio con la punizione rocambolesca di Corbetta che, da posizione angolata, non trova né la deviazione di un compagno né quella di un avversario ed il pallone finisce in fondo al sacco, con i giallorossi che festeggiano il vantaggio. L’Arsaghese prova a farsi vedere davanti, ma i bustocchi lottano su tutti i palloni e non lasciano spazi a padroni di casa e, nel finale, l’Antoniana mette al sicuro i tre punti con il bellissimo rasoterra dal limite di Badji.

“Stiamo vivendo un momento positivo che ci fa ben sperare per il futuro. Il cambio di panchina ha fatto bene ai ragazzi, che hanno avuto la reazione giusta” commenta il direttore generale Giuseppe Abenate

“Siamo stati ordinati e finalmente incisivi. Stiamo giocando sulle ali dell’entusiasmo, adesso dobbiamo trovare continuità” dichiara il dirigente Maurizio Santaniello.

San Marco-Union Tre Valli: 1-1

Pareggio col brivido per la San Marco di Paolo Marchiorato. Passa per prima l’Union Tre Valli con una rete accompagnata dalle proteste bustocche per una presunta posizione di fuorigioco. Il momento cruciale arriva al 35′: Roncato bisticcia con un avversario e l’arbitro punisce entrambi con il cartellino rosso. In dieci contro dieci, i leoni alati si riportano in carreggiata nella ripresa, schiacciano la formazione ospite nella propria metà campo e riprendono la partita negli ultimissimi minuti di gioco grazie al classe 2000 di origini russe Kuklev, che taglia sul primo palo e gonfia la rete. Nel finale la San Marco si procura anche la clamorosa occasione del 2 a 1, ma Napolitano non riesce ad affondare il colpo vincente a tu per tu col portiere avversario.

“Ad inizio partita non avrei mai firmato per un pareggio, ma il calcio è imprevedibile e per come si son messe le cose, va bene così. Per una volta la fortuna ha sorriso anche a noi” ammette mister Marchiorato.

Solbiatese Insubria-Cas: 2-3

Vince e si prende la (meritata) vetta il Cas di Luciano Cau. Aprono le danze i bustocchi con una rimessa laterale spedita fin dentro l’area di rigore dell’Insubria e con Berton che risolve la mischia con un piattone vincente. Non passa molto e Berton torna a mettere in ginocchio la retroguardia avversaria: scatto fulmineo, difesa piantata e Cavaleri che segue l’azione e raccoglie il prezioso assist del compagno per insaccare a porta praticamente sguarnita. Nella seconda frazione di gara il Cas trova anche il terzo gol con la magia di Agrello, che si libera con il tacco e salta il portiere con uno scavetto da applausi. I padroni di casa reagiscono nel finale e rimettono in bilico il risultato con un tapin ed un calcio di rigore accompagnato dall’espulsione di Panarese, ma il Cas riesce a fare buona guardia negli ultimissimi di gioco e a strappare altri tre punti.

“Bella vittoria su un campo difficile, siamo rimasti compatti ed abbiamo fatto una bella prestazione corale” commenta mister Cau.

Seconda Categoria

Beata Giuliana-Airoldi: 2-2

Si ferma sul pari il Beata Giuliana di Alfredo Rossetti, che viene recuperato per ben due volte dall’Airoldi. Apre le marcature Pribeagu, al quale segue il pareggio degli ospiti e poi il nuovo vantaggio bustocco con la rete di Gonzalez, che chiude il primo sul 2 a 1 in favore dei padroni di casa. Nella ripresa la formazione di Origgio riesce ad acciuffare nuovamente il pari. I padroni di casa cercano i tre punti fino all’ultimo, ma non riescono a concretizzare le occasioni create nel finale ed al triplice fischio Beata e Airoldi si spartiscono equamente la posta in gioco con un punto a testa.

“Era una partita che dovevamo vincere. Se non segni quando hai le occasioni, finisci sempre per pagarla” confessa mister Rossetti

Borsanese-Arnate: 2-3

Altro stop interno per la Borsanese di Davide Tomanin, che viene superata dall’Arnate per 3 a 2. Nonostante un buon primo tempo biancoazzurro, l’Arnate riesce a porre due firme sul tabellino dei marcatori, a cui si aggiunge anche quella di De Michele che, sul finale del primo tempo, riesce a trasformare il rigore che dimezza lo svantaggio. Ma nella ripresa gli ospiti tornano ad essere incisivi, ed allungano le distanze. Tardiva la reazione della compagine di Borsano, che riesce a rimettere in bilico il punteggio solo al novantesimo con il bel tiro al volo da fuori area di Tallarida, che però non basta per evitare il terzo k.o. consecutivo.

Serve più continuità durante i novanta minuti, non siamo riusciti a mantenere il ritmo per tutto la partita. Siamo andati sotto e non siamo riusciti a reagire, ci manca ancora un po’ di personalità” ammette mister Tomanin

Terza Categoria

Ardor-Atletico 2013: 1-2

Si ferma l’Ardor di Matteo Gastaldello, che interrompe così la sua serie di sette risultati utili consecutivi. Parte meglio l’Ardor, che fa tremare gli ospiti per ben due volte con Cannizzaro con una punizione insidiosa ed una conclusione che, però, si stampa sulla traversa. Gli equilibri si rompono solo nella ripresa, con l’Atletico che non perdona un pasticcio difensivo bustocco e passa in vantaggio. Dopo poco arriva anche il raddoppio dei padroni di casa. Gli azzurrini rispondono con il classe 2001 Genoni e tentano l’assalto finale, che però non riesce a spostare il punteggio dal 2 a 1 in favore dell’Atletico.

“Forse avremmo meritato il gol nel primo tempo. Ma al di là del risultato, devo ringraziare tutti i ragazzi, dal primo all’ultimo, perché mi ascoltano sempre con grande attenzione. Siamo un bel gruppo” sottolinea mister Marchiorato

Calcio San Giorgio-San Filippo: 2-0

Altra giornata sfortunata per il San Filippo di Diego De Bernardi, che in questo “derby” dei santi esce dal campo del San Giorgio a mani vuote. Partono meglio i padroni di casa, che sfruttano uno svarione difensivo bustocco per passare in vantaggio dopo un quarto d’ora di gioco. Nel secondo tempo il San Filippo cresce ed accarezza la gioia del gol prima con Di Fazio e poi con Merlino, ma in entrambi i casi la mira non è abbastanza precisa. Discorso diverso per il San Giorgio, che regge all’assalto bustocco ed allo scadere insacca il secondo gol da un calcio di punizione, portandosi così a casa i tre punti.

“Siamo sempre rimasti in partita, abbiamo avuto le nostre occasioni. Resta solo qualche rimpianto per la mira poco precisa” dichiara mister De Bernardi

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA