21^ giornata - brillano Busto 81, Antoniana ed Ardor
Il Cas vola in vetta, Beata e Borsanese show nel derby

Beata-Borsanese pari ricco di gol. Vittorie rotonde per Busto 81 e Antoniana, il Cas si prende tre punti e vetta in rimonta; bene anche l'Ardor. Pari San Marco; K.O. San Filippo

Simone Testa

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Tutte le formazioni bustocche, dopo i recuperi infrasettimanali, tornano in campo per la ventunesima giornata dei campionati dilettantistici. Non sono mancati gol e spettacolo in questa pazza domenica di calcio che ha visto la Busto del pallone scaldarsi per il sentitissimo derby di Seconda Categoria. In Eccellenza il Busto 81 conquista i tre punti in scioltezza; mentre in Prima Categoria l’Antoniana cala il poker e il Cas si riprende la vetta provvisoria con una rimonta da applausi. Gioia anche per l’Ardor. Sorride a metà la San Marco; giornata amara per il San Filippo.

Eccellenza

Ferrera Erbognone-Busto 81: 0-3

Un’altra vittoria rotonda per il Busto 81 di Stefano Civeriati, che supera senza troppi affanni il Ferrera Erbognone. I Tori partono forte e, dopo un quarto d’ora di gioco, colpiscono una traversa con Puka su corner. Il difensore ha più fortuna poco dopo, quando risolve una mischia in area con la zampata che vale il vantaggio bustocco. La ripresa si apre con l’eurogol di Cannizzaro, che toglie le ragnatele dal sette con un gran tiro al volo da fuori. Successivamente il numero uno locale vola sul colpo di testa angolato di Palumbo. Qualche minuto più tardi, però, lo stesso attaccante bustocco viene allontanato dal terreno di gioco a seguito di un contatto punito col cartellino rosso dal direttore di gara. Nel finale i bustocchi amministrano e, al novantesimo, trovano anche la rete del definitivo 3 a 0 con lo stacco di testa vincente di Berberi.

“È stata una partita difficile per le condizioni del campo e giocata con molto agonismo. Dovevamo vincere a tutti i costi e ci siamo riusciti, andiamo avanti con questa mentalità” commenta il team manager Giorgio Tomasini.

Prima Categoria

Vanzaghellese-Cas: 1-2

Non mancano di certo emozioni e spettacolo a Vanzaghello, dove il Cas di Luciano Cau si aggiudica in rimonta il big match contro la Vanzaghellese e conquista la momentanea vetta del Girone A. In questa partita maschia e tesa, nessuna delle due squadre riesce ad avere un vero predominio del gioco ed il primo tempo scorre via senza grandi occasioni da gol. Nella seconda frazione di gara i padroni di casa sbloccano il punteggio in sforbiciata. Ma i sinaghini non ci stanno e, ad un quarto d’ora da termine, pareggiano con la punizione velenosa di Nardone che dalla trequarti lascia partire un tiro-cross che inganna tutti e finisce in fondo al sacco. Negli ultimissimi minuti di gioco la decide il neo-entrato Alessi che, dopo una bella azione sulla fascia, rientra e mette in mezzo per Berton; l’attaccante bustocco non delude e sigla il pesantissimo gol che – complice il pareggio tra Folgore e Valceresio – vale il primato in classifica.

“Siamo riusciti ad avere la meglio su un avversario tosto grazie all’aiuto, fondamentale, dei ragazzi in panchina. Posso contare su un organico di altissima qualità” ammette mister Cau.

Brebbia Calcio-San Marco: 2-2

La San Marco di Paolo Marchiorato rimonta per due volte il Brebbia e strappa il pari. I padroni di casa si portano subito avanti nelle fasi iniziali di gara, ma Possoni risponde con un eurogol dalla lunga distanza. Il secondo tempo è una fotocopia del primo. Il Brebbia si riporta nuovamente in vantaggio e la San Marco ripristina il pareggio poco dopo. Questa volta è Vendemmiati a mettere il timbro dopo essersi liberato in area di rigore. Nel finale Principato collezione il secondo giallo e lascia in dieci i bustocchi, che sbagliano anche un clamoroso match point con Napolitano che da buona posizione non inquadra il bersaglio.

“La mentalità e l’atteggiamento fanno la differenza, perdiamo troppo spesso la testa. Adesso si ragiona di partita in partita, non bisogna fare calcoli” analizza mister Marchiorato.

Antoniana-Tre Valli: 4-0

Vittoria prepotente dell’Antoniana di Cristian Pavone, che schianta per 4 a 0 il Tre Valli e si rilancia nella corsa salvezza. I giallorossi rompono il ghiaccio alla mezz’ora con lo stacco di testa di Macchi sul corner messo in mezzo da Sorrentino. Non passa molto e la difesa ospite, con un errore da matita blu, regala palla a Mileo che non perdona: portiere saltato e palla in fondo al sacco. Il secondo tempo si apre con il contropiede fulminante di Alessio Venturelli, che anticipa con la punta il numero uno ospite e porta l’Antonina sul 3 a 0. Nel finale arriva anche la doppietta personale per A. Venturelli, che mette il sigillo finale al termine di una bella azione in tandem con il cugino Riccardo Venturelli.

“Abbiamo lottato su tutti i palloni, siamo stati concreti e, soprattutto, siamo stati squadra. Continuiamo a lottare così” sottolinea mister Pavone.

Seconda Categoria:

Beata Giuliana-Borsanese: 2-2

Un tempo per parte. Borsanese e Beata si dividono equamente la posta in gioco nel derby bustocco di Seconda Categoria. Parte meglio la Borsanese di Davide Tomanin, che rompe il ghiaccio con Tagliabue, bravo a finalizzare un contropiede con un diagonale sul secondo palo. Poco dopo, sempre il solito Tagliabue vince un contrasto in area di rigore rossoblù e regala il raddoppio ai suoi. Nella ripresa il Beata di Alfredo Rossetti parte a mille e, prima con Fella che risolve una mischia in area borsanese e poi con la fucilata mancina da fuori di Izzo, riagguanta il pari nel giro di dieci minuti. Nel finale si presentano occasioni da entrambe le parti, ma il punteggio non si schioda da un 2 a 2 che rispecchia pienamente l’equilibrio visto in campo.

“Risultato giusto. Abbiamo avuto la forza di reagire ed abbiamo anche provato qualcosa di più nel finale. Onore agli avversari” dichiara mister Rossetti

“Potevamo sicuramente gestire meglio l’inizio della ripresa, ma alla fine è stata una partita equilibrata. Il pareggio è il risultato più giusto” ammette mister Tomanin.

Terza Categoria

Ardor-Giosport: 1-0

L’Ardor di Matteo Gastaldello supera di misura la Giosport e resta aggrappato al momentaneo quinto posto (a pari merito col San Giorgio). I bustocchi rompono gli indugi dopo appena tre minuti con il difensore Gambarotto che insacca su corner. Gli azzurrini continuano a farsi vedere là davanti e mettono più volte in difficoltà la difesa avversaria, ma l’occasione più nitida, firmata Cannizzaro, si stampa sul palo. Nella seconda frazione di gara gli azzurrini continuano a creare pericoli senza riuscire ad incidere, ma l’1 a 0 basta e avanza ai bustocchi per portare a casa i tre punti.

“Potevamo e dovevamo chiuderla prima, altrimenti nel finale rischi solo la beffa. Adesso dobbiamo continuare a far bene” evidenzia mister Gastaldello.

Atletico 2013-San Filippo: 3-1

Giornata amara per il San Filippo di Diego De Bernardi, condita da qualche polemica per l’arbitraggio. Aprono le marcature i padroni di casa, che si portano avanti nelle fasi iniziali di gara. I bustocchi rispondono con la traversa di G. Terranova, ma nella ripresa l’Atletico trova il raddoppio. L’episodio chiave arriva poco dopo, con il San Filippo che, dopo aver battuto per errore una rimessa laterale assegnata agli ospiti, rimane in dieci per somma di ammonizioni. La partita diventa nervosa e i padroni di casa ne approfittano insaccando la terza rete. Nel finale il lancio lungo di Segantin pesca Trotti che da buona posizione non sbaglia e regala il gol della bandiera al San Filippo.

“C’è stata una gestione arbitrale più che discutibile che ha inevitabilmente influenzato la partita, così diventa veramente difficile” commenta mister De Bernardi.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA