IL SINDACO PRESENTA LA NUOVA GIUNTA, CON FARIOLI E MAFFIOLI
“Il rimpasto? Un imprevisto, ma non abbiamo mai smesso di lavorare” / La squadra di Antonelli

Ecco la nuova squadra di governo cittadino, dopo le dimissioni di Ferrario e Riva. Isabella Tovaglieri diventa vicesindaco

GIOGARA

Riccardo Canetta

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il rimpasto è servito. Lunedì mattina, il sindaco Emanuele Antonelli e i commissari di Forza Italia e Lega Nord, Carmine Gorrasi e Marco Pinti, hanno trovato la quadra sulla nuova giunta.
Invariati gli equilibri rispetto alla formazione precedente: ai dimissionari Stefano Ferrario (vicesindaco ed esponente del Carroccio) e Alberto Riva (forzista) subentrano Manuela Maffioli, bustocca, giornalista in Regione Lombardia e militante lumbard di lungo corso, e l’ex primo cittadino Gigi Farioli.
La carica di vicesindaco passa all’assessore più giovane, la leghista Isabella Tovaglieri.

Per quanto riguarda le deleghe, Farioli, oltre che di sport, si occuperà di istruzione, “ricevendo” questa materia da Paola Magugliani, che cede pure la cultura all’altra new entry Maffioli (che si dedicherà anche a commercio e identità), per farsi invece carico di sviluppo del territorio, lavoro e verde.
Il nuovo vicesindaco Tovaglieri mantiene l’urbanistica, Miriam Arabini i servizi sociali, Massimo Rogora sicurezza e viabilità, Alessandro Chiesa il personale.
Antonelli ha deciso di tenere per sé le deleghe a bilancio, opere pubbliche e società partecipate.

Il sindaco ha presentato la sua nuova squadra lunedì sera in municipio. Il primo pensiero è andato ai due ex, Ferrario e Riva: “Con loro ho lavorato benissimo e gliene sono grato”. Poi ha subito guardato al futuro, anzi, al presente: “I nuovi assessori non faranno rimpiangere chi li ha preceduti. Gigi ci è sempre stato molto vicino con i suoi preziosi consigli e ci porterà tanta esperienza. Manuela è molto esperta dei settori di cui si occuperà e sono felice che la Lega mi abbia proposto il suo nome. Ringrazio Paola Magugliani per aver fatto un passo indietro per quanto riguarda la delega alla cultura. In compenso, ha ricevuto nuovi incarichi molto pesanti e continuerà a fare bene”.

Antonelli ha poi smentito che nelle ultime due settimane la questione rimpasto abbia frenato la giunta: “Non ci siamo mai fermati, anzi abbiamo lavorato tutti di più. C’è stato un ‘imprevisto’, ma abbiamo moltiplicato gli sforzi”. Smentiti anche i problemi con i due principali partiti di maggioranza (come confermato anche da Pinti e Gorrasi), l’auspicio del sindaco è che non si verifichi uno strappo con Busto Grande (presente in assise col consigliere Matteo Tosi), rimasta ancora all’asciutto: “Non è vero che non li teniamo in considerazione. Glielo dimostreremo”.

I due volti nuovi della giunta hanno invece ringraziato i rispettivi partiti e ovviamente il sindaco Antonelli. In particolare, Maffioli ha sottolineato che “la cultura è una delega importante, perché da questa passa lo sviluppo del territorio”. Farioli ha invece assicurato che “al di là del fisico, non sarò ingombrante. Invito il sindaco a farmi fare davvero assessore, ossia colui che sta a fianco”.
Per Tovaglieri, oltre ai ringraziamenti di rito, un pensiero alla famiglia e in particolare al nonno Giancarlo, sindaco di Busto negli anni settanta, scomparso nel 2013, “a cui mi rivolgo nei momenti più difficili”.
La prima riunione della nuova giunta è già stata convocata per mercoledì mattina alle 11.30. La seconda fase dell’amministrazione Antonelli è ufficialmente cominciata.

Il sindaco Antonelli (in mezzo), con i nuovi assessori Maffioli e Farioli

Copyright @2017

LEGGI ANCHE