LA POLIZIA LOCALE PERDE UN ALTRO AGENTE
“Impensabile mantenere il carico di lavoro in queste condizioni”

Con il pensionamento dell’Agente Baldon, avvenuto lo scorso mese di aprile, il personale del comando della Polizia Locale olgiatese è sceso a sei unità, e questo ha attirato l’attenzione del Gruppo Indipendente, che si chiede come sarà possibile mantenere gli standard di eccellenza che hanno sempre caratterizzato i vigili di Olgiate

Loretta Girola

olgiate olona

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Con il pensionamento dell’Agente Baldon, avvenuto lo scorso mese di aprile, il personale del comando della Polizia Locale olgiatese è sceso a sei unità, e questo ha attirato l’attenzione del Gruppo Indipendente, che si chiede come sarà possibile mantenere gli standard di eccellenza che hanno sempre caratterizzato i vigili di Olgiate.

“Dal 2007 fino a poche settimane fa abbiamo sempre visto attivo l’Agente Omero Baldon – spiegano Alda Acanfora, Giorgio Volpi e Gianfranco Roveda – il suo contributo, assieme a quello dei colleghi, ha permesso al nostro comando di Polizia Locale di essere il positivo esempio che tutti riconoscono. Con il suo recente pensionamento, però, gli Agenti della Polizia Locale si sono ridotti a 6, ma i carichi di lavoro e la molteplicità di azioni sono rimasti invariati. Gli Agenti, infatti, oltre che essere sempre disponibili per i cittadini e una presenza importante nei rioni, si occupano di tante iniziative che coinvolgono diversi aspetti della vita comunitaria e rappresentano la prima interfaccia dell’Amministrazione. Pensando a quanto fanno ogni giorno, è impensabile che soli 6 Agenti, numero che comprende sia il Comandante che il vice Comandante, possano in queste condizioni mantenere questi livelli cui nessuno di noi può e vuole rinunciare. Tantissime sono le attività svolte dal nostro Comando: il controllo ingresso/uscita studenti dalle scuole, i numerosi progetti con le stesse, come il patentino del buon pedone e del buon ciclista che insegnano ai ragazzi a spostarsi sulle strade in sicurezza, quelle relative all’Ufficio Tutela Animali, il progetto Pet Therapy.

Anche il Controllo di Vicinato, vanto e importante risorsa del nostro paese, è possibile grazie all’impegno del Comandante Castellone e di tutti gli Agenti; e non si può dimenticare l’impegno sul territorio di altri Comuni, in particolare nel periodo estivo. Questi sono solo alcuni dei compiti che quotidianamente il comando svolge insieme a quelli riguardanti la sicurezza e gli incidenti stradali, cui vanno aggiunte tutte le occasioni straordinarie in tutte le innumerevoli iniziative di ogni genere. Occorre immediatamente porre rimedio e superare questa incresciosa situazione; il personale è decisamente insufficiente per un Comune di oltre 12.000 abitanti, del resto lo spazio per le assunzioni c’è, e addirittura si poteva già assumere nel 2016.

Se ciò fosse stato fatto, e si fosse proceduto con tempestività ad assumere altri Agenti, il comando oggi sarebbe composto da 8 unità, e non dalle 6 attuali, e in un periodo dove la sicurezza è un argomento sempre più sentito dai cittadini non condividiamo le non scelte fatte dall’Amministrazione. I nostri interventi in Consiglio comunale hanno segnalato più volte la situazione, proprio per prevenire ulteriori disagi e impoverimenti progettuali causati da una assente programmazione e strategia di intervento. Con un avanzo di amministrazione 2017 di 443.000 Euro di cui più di 180.000 Euro di spese correnti si poteva fare e tanto, sia per le assunzioni che per la sicurezza nelle scuole, per le telecamere e per i portali di controllo targhe”.

Copyright @2018