- InformazioneOnLine - http://www.informazioneonline.it -

“Impianto vecchio da chiudere al più presto”

La Lega di Busto spinge per mantenere al 2021 la chiusura dell’inceneritore e riceve il plauso del comitato ecologico di Borsano: “Anche noi sosteniamo questa posizione, mettendo al primo posto la salute”.
Il portavoce Adriano Landoni sottolinea che “Arpa è intervenuta due volte per bloccare l’impianto poiché superava i limiti di legge per le polveri sottili. Inoltre, l’esame epidemiologico fatto da ATS riconosce 20 casi di ricoveri per malattie cardiovascolari nei luoghi di ricaduta Nox (Ossidi di Azoto) emessi dall’inceneritore. È poi sorpresa di questi giorni che la linea 1 di incenerimento è rimasta ferma 17 giorni a settembre, che sommati ai cinque di luglio e ai cinque di agosto fanno 27 giorni di fermo in tre mesi”.

Insomma, “si conferma la nostra tesi secondo cui questo impianto è vecchio e va chiuso al più presto, prima che succeda qualche grosso incidente come nel 2004”.
E ancora: “Ricordiamo che la presidente Bordonaro ed il CDA hanno accettato un impegno di chiusura nel 2021. Oggi minacciano di dare le dimissione se non si chiude al 2027: suggeriamo all’avvocato Bordonaro di continuare a fare bene l’avvocato di e lasciare il posto a dei professionisti di ristrutturazione aziendale. Vogliamo professionisti del settore anche pagati bene, anziché continuare a pagare società di consulenza”.