Sanità di eccellenza
Inaugurati i nuovi poliambulatori della Fondazione Raimondi

A Gorla Minore aprono trenta ambulatori specialistici. Standard qualitativi elevati, convenzioni e tariffe agevolate caratterizzano le nuove attività

gorla minore

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Alla presenza di autorità civili e religiose la storica Fondazione Raimondi Francesco ha inaugurato i nuovi Poliambulatori di Medicina Specialistica e Diagnostica.

Una trentina le branche rappresentate nella struttura completamente rinnovata di Prospiano di Gorla Minore. Moltissimi gli invitati intervenuti: oltre agli storici amici e collaboratori della Fondazione, anche tanti nuovi partner e operatori interessati ad approfondire le nuove offerte.

L’Open Day Poliambulatori, che ha coinvolto medici, amministratori, imprenditori, sportivi e consulenti sanitari, completa un percorso che ha visto la sede di via Volta cambiare fisionomia, con la costruzione di una nuova ala e l’ampliamento degli spazi esistenti. Ovunque si percepisce la grande attenzione riservata ai contenuti architettonici: nel nucleo residenziale della RSA, nella nuovissima palestra e nelle attigue aree di riabilitazione e, ovviamente, nei Poliambulatori.

La predisposizione di strumentazione medicale e tecnologica di ultima generazione e un light planning personalizzato per gestire l’illuminazione in tutta la struttura, contribuiscono a rispondere al meglio ai bisogni di ospiti e pazienti.

I nuovi Poliambulatori coprono una gamma estesa di visite specialistiche ed esami emato-chimici e strumentali. Al Centro prelievi e alle sale per le terapie fisiche si affianca lo studio professionale di Medicina dello Sport, che si avvale al proprio interno della collaborazione di un cardiologo dedicato, e il Servizio di Medicina del Lavoro, che offre consulenza e visite presso le imprese.

I servizi di Ecocardiografia, Ecocolordopplergrafia, Ecografia e Radiologia rispondono alle esigenze di diagnostica richieste sia dai pazienti esterni sia dagli ospiti della RSA e della Riabilitazione.

La consulenza medica specialistica include gli ambulatori di Angiologia e Chirurgia vascolare, Cardiologia, Dermatologia, Endocrinologia, Fisiatria, Fisioterapia, Ginecologia, Senologia, Logopedia, Neurologia, Neuropsichiatria infantile, Nutrizionismo, Oculistica, Omeopatia, Otorinolaringoiatria, Ortopedia, Podologia, Pneumologia, Psicologia.

Lo studio dentistico-odontoiatrico completa un’offerta di prestazioni cliniche e strumentali fra le più esaustive.

“La scelta di ampliare la nostra tradizionale offerta di cura e sostegno alla persona, conosciuta e apprezzata dalle comunità del territorio, nasce dalla constatazione che sempre più spesso si è alla ricerca di visite e consulenze mediche specialistiche, affidabili, da prenotare in tempi brevi, in regime di convenzione o anche privatistico ma sempre con un occhio attento ai costi”, sottolinea Adriano Mellani, Presidente della Fondazione Raimondi Francesco.

“La Residenza Sanitaria Assistenziale, la RSA aperta, l’Assistenza Domiciliare Integrata e la Riabilitazione continuano a registrare ottimi risultati dal punto di vista quantitativo, per il numero di persone e famiglie che si rivolgono a noi, e qualitativo per i “voti” espressi nelle schede di valutazione che sottoponiamo a chi fa ricorso ai nostri servizi. I Poliambulatori sono la naturale evoluzione di un’idea di cura e soccorso nata 200 anni fa che, da allora, non ha mai smesso di

funzionare, crescere e rendersi utile”, conclude Mellani.

La targa commemorativa per monsignor Giampaolo Citterio. Nel corso dell’inaugurazione dei nuovi Poliambulatori, alla presenza del Vicario Episcopale Monsignor Michele Elli e del parroco di Gorla Minore, don Giuseppe Lazzati, è stata scoperta la targa alla memoria di Monsignor Giampaolo Citterio (1942-2017). Monsignor Citterio era nato a Carugo (Como) il 22 febbraio 1942. Originario di Santa Maria del Cerro a Cassano Magnago, era stato ordinato sacerdote il 28 giugno 1966 dal cardinale Giovanni Colombo. Nello stesso anno aveva conseguito la licenza in Teologia. Vicario parrocchiale a Sant’Ambrogio nel 1966, nel 1981 era diventato parroco a Vighignolo e nel 1987 parroco di San Domenico a Legnano. Dopo un periodo come amministratore parrocchiale a Busto Garolfo e a Legnano, nel 1996 era diventato parroco di San Vittore a Rho, nominato poi nel 2000 Decano di Rho.

L’incarico di Vicario Episcopale di Zona (pastorale che comprende le parrocchie di Busto Arsizio, Legnano e della Valle Olona) gli era stato conferito dal cardinale Angelo Scola nel 2011. Era Prelato d’onore dal 2012.

Copyright @2017