Per prevenire le truffe
Informazione e fiducia

Ci giunge comodo il magazine di giugno-luglio Persone e Società (per vivere meglio) che tratta il tema delle truffe agli anziani...

Gianluigi Marcora

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Ci giunge comodo il Magazine di giugno-luglio Persone e Società (per vivere meglio) riguardante il tema sulle TRUFFE agli ANZIANI a cura della ANAP (Associazione Nazionale Anziani e Pensionati) di Confartigianato. Scrive testualmente: “Da anni ANAP sostiene che l’arma migliore per difendersi dai malfattori consista nel conoscere i trucchi usati dai malintenzionati e le situazioni a rischio: informare gli anziani significa renderli più sicuri. La prevenzione si attua con l’informazione, ma l’anziano deve affidarsi con fiducia a chi può difenderlo”.

Nota, da parte nostra: smettiamola di ritenere gli anziani, rimbecilliti  e rincitrulliti. Gli anziani (resta poi da definire chi è l’anziano e quando si diventa anziano – sic) vivono un’era in cui la fiducia la si notava su un palmo di mano. Poi è arrivata l’incredulità, accompagnata dall’egoismo e da vizi vari che in altre epoche non esistevano. Dunque: informare gli anziani della malvagità odierna e di come certi giovinastri (a proposito, chi sono i giovinastri? quale età hanno?) si comportano pur di arraffare, nella noncuranza che i loro gesti ignobili fanno male anche nell’anima. Quindi, informazione e fiducia. Soprattutto con un “credo familiare” che deve avere un solo ordine a cui attenersi tutti: mai far varcare la soglia del cancello o dell’ingresso di casa, a chiunque da fuori bussa. Una volta osservata questa regola, scaturiscono facili risposte d’azione. La prima, quella di far gente. Avere a “portata di mano” un conoscente, un parente, un familiare a cui chiedere sostegno.

Poi, nel dubbio o nell’indecisione, telefonare al 112 e certamente si evitano guai morali e materiali. In mancanza di tutto ciò… fare il maleducato: no, in casa mia, tu sconosciuto non entri, anche se hai in mano un tesserino, un cartellino, un mandato di… comparizione. Una volta allertati Polizia, Carabinieri, Agenti vari, aspettare le conseguenze. Maleducati, forse, ma imbecilli, mai!

Sempre su Persone e Società si legge: “La campagna di quest’anno contro le truffe, prevede l’alleanza con le Forse dell’Ordine”. Una ragione in più, per farle intervenire. C’è poi di mezzo il Ministero dell’Interno, il Dipartimento di Pubblica Sicurezza, la Direzione Centrale di Polizia Criminale, la Polizia di Stato, l’Arma dei Carabinieri, il Corpo della Guardia di Finanza…” che si vuole di più? Non si abbia timore, quindi di far valere il Rispetto per la Persona che certi bastardi non vogliono attuare. Collaborando, si arriva a risultati eclatanti per un miglioramento della Società. Teniamo, infine, presente che “l’Italia è il Paese Europeo con la maggiore quota  di over 65 e, secondo le stime, nel 2050 un terzo degli italiani sarà anziano“.

Caspita, mi sono accorto che faccio già parte degli “over 65″… non sono un anziano ma sono antico, e ho tanta voglia di dare una mano agli anziani. Se Dio vuole, lo diventerò anch’io (anziano) e vorrei aver capito per intero la lezione. In aggiunta a quanto già scritto, pubblichiamo un numero verde dove operatori di ANAP aiuteranno chi ne avesse bisogno, informando direttamente le Forse dell’Ordine. Il numero è 800551506.

Copyright @2019

DALLE RUBRICHE