Movimento rotellistico in piena salute
La FISR varesina fa il bilancio di fine anno

Il punto del presidente Enrico Salomi

VARESE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La FISR (Federazione Italiana Sport Rotellistici) della provincia di Varese fa un bilancio di fine anno.
Presieduta da maggio dal bustocco Enrico Salomi, il movimento abbraccia tantissimi tesserati e ben 9 specialità (artistico, corsa, hockey pista, hockey inline, skiroll, freestyle, downhill, inline alpine e skateboarding), una delle quali (lo skateboard) sarà protagonista alle Olimpiadi di Tokio 2020, dando così alla FISR l’importanza di essere federazione olimpica.

Punto importante è stata la partecipazione ai Roller Games di Nanjing, in Cina, un evento che per la prima volta ha raggruppato i campionati mondiali di tutte le specialità, creando così una vera e propria Olimpiade delle rotelle.
Tale iniziativa è stata fortemente voluta dal presidente italiano e internazionale della federazione Sabatino Aracu: nonostante qualche difficoltà logistica, i Roller Games hanno confermato appieno i “numeri” eclatanti che oggi esprimono le discipline rotellistiche.

Ma com’è lo stato di salute della provincia di Varese?
“Al momento – commenta Enrico Salomi – stiamo lavorando su tre idee-chiave che vorremmo fossero l’architrave del nostro mandato.
Innanzitutto vogliamo incrementare i tesserati tra i praticanti di base, con occasioni di propaganda delle diverse specialità e l’istituzione di momenti non solo agonistici, ma anche promozionali per i più piccoli.
Poi, dal punto di vista organizzativo, c’è la valorizzazione di eventi legati alle Nazionali.
Ricordiamo che dal 5 al 8 ottobre, presso il PalaCastiglioni di Busto Arsizio, abbiamo avuto il Campionato Europeo di freestyle, organizzato dall’Accademia Bustese Pattinaggio; sempre a Busto Arsizio e a Saronno, nel corso dell’estate, si sono tenuti due raduni delle Nazionali freestyle (junior e senior).
Infine, ma non certo per ultimo, sul nostro territorio contiamo risultati importanti dal punto di vista agonistico.

Sempre legati alle Nazionali, nella specialità della corsa, l’atleta Gabriele Galli (Cardano inline) ha conquistato due splendide medaglie ai Roller Games di Nanjing (bronzo nella 20 chilometri e argento nella “americana” su strada); nel pattinaggio artistico l’atleta della Rotellistica Gallaratese Lorenzo Battioli è stato convocato in maglia azzurra per la Coppa Italia, che si è disputata a Calderara di Reno e l’allenatore dello Skating Saronno Nicolas Cicchitti ha guidato la delegazione italiana alla Coppa Europa di Tomar, in Portogallo; nel freestyle la bustocca Chiara Lualdi è stata nominata Commissario Tecnico della Nazionale Juniores.
Varese ha una grande tradizione di pattinaggio e, sebbene i tempi non siano semplici per le risorse economiche e per l’impiantistica sportiva, vogliamo continuare su questa strada.

In tal senso la FISR è disponibile a dialogare con le istituzioni per promuovere insieme le nostre discipline, sia le più “tradizionali” (nel 2018 saranno organizzati in provincia di Varese campionati regionali di artistico, corsa e freestyle) che quelle più “nuove” (per esempio lo skateboard, che sarà sport olimpico a Tokio 2020).
Un plauso per la loro attività lo voglio rivolgere a tutte le società varesine, davvero collaborative nell’organizzazione e nel fare attività.
Vorrei anche ricordare l’intitolazione del pattinodromo di Cardano al Campo (splendida struttura dedicata al pattinaggio corsa) all’indimenticabile presidente regionale Antonio Rocchetta, che ci ha lasciato prematuramente, ma che in questo modo sarà ricordato per sempre anche dalle giovani generazioni…”.

Copyright @2017

NELLA STESSA CATEGORIA