Campionati di pallacanestro – serie C Gold
La Hydrotherm deve disinnescare la “bomba” Mortara

Un altro derby per i Knights, questa volta a Saronno

FOTO basketbustoarsizio.it
Pippo Tagliabue dovrà contenere sotto canestro il duo lituano di Mortara

Enrico Salomi

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Nella quinta giornata di ritorno del campionato di serie C Gold, la Hydrotherm attende al PalaDrago il Mortara dall’attacco atomico per mantenere la vetta della graduatoria (appuntamento domenica 16 alle ore 18), mentre i Knights si recano sul campo di Saronno per il secondo derby consecutivo (palla a due sabato 15 alle ore 21).

Hydrotherm, obiettivo vittoria!
Nella quinta giornata del girone di ritorno, la Hydrotherm torna nella sua tana del PalaDrago contro Mortara (palla a due domenica 16 alle ore 18). “La sfida di domenica – presenta la partita coach Gianni Nava – sarà per noi una importante occasione per rifarsi della sconfitta dell’andata”. I bustocchi sono ora in vetta alla classifica del girone Ovest di serie C Gold a pari punti con Lissone a quota 30, mentre Saronno (a riposo nell’ultimo turno) è rimasto a 26: i brianzoli affronteranno Gazzada, mentre gli amaretti ospiteranno Legnano nel super derby di giornata, previsti in anticipo (sabato 15) rispetto alla gara di Busto Arsizio. “La formazione di coach Alfredo Zanellati – prosegue Gianni Nava – è squadra che sviluppa una pallacanestro fatta di tanto ritmo e di tanti tiri (non a caso è il miglior attacco e la peggior difesa del girone). Giocatori chiave sono i lunghi lituani Pocus (20.4 punti di media) e Urbonavicius (15.4 punti a gara), la guardia Degrada (16.2 punti ad allacciata di scarpe, con il 30% da 3) ed il playmaker Liso (13.1 punti a partita, con il 39% da 3)”. Da ultimo, uno sguardo alla condizione attuale della Hydrotherm. “Per quel che ci riguarda – conclude l’allenatore bustocco – dobbiamo segnalare la perdurante assenza di De Franco (fermo da 10 giorni per un problema al polpaccio, il ragazzo proverà la sua condizione nell’ultimo allenamento o direttamente prima della partita) e l’infortunio alla caviglia con gli Under 18 del giovane Caggiano. È rimasto fermo tutta settimana Novati a causa di una brutta influenza”. Toccherà così a Pippo Tagliabue contrastare il temibile duo lituano (da un po’ di anni la società lomellina individua proprio nell’Est Europa un paio di elementi chiamati a fare la differenza sul campo n.d.r.). Nel match d’andata una Hydrotherm rimaneggiata dagli infortuni perse la sua prima partita annuale dopo una prestazione incredibile dal punteggio Nba (105-104 il risultato finale, con il 70% da 3 per i bustocchi): ai 32 punti di Vai (1/1 da 2, 10/12 da 3), ai 25 di Atsur (6/9 da 2, 3/6 da 3, 4/4 ai liberi) e ai 16 di Grampa (3/6 da 2, 2/3 da 3, 4/5 ai liberi) risposero Degrada (30), Urbanavicius (23) e Pocius (25), anche se era stato determinante per il risultato un non-fischio arbitrale a fil di sirena per un contatto in area su De Franco.

Un altro derby per i Knights, questa volta a Saronno
Uno dei derby più attesi e con più storia della nostra zona è quello tra Legnano e Saronno. I Knights, reduci da due sconfitte piuttosto brucianti contro Cermenate e Gallarate in casa (edulcorate da una vittoria a Rovello), sembrano psicologicamente bloccati sul campo di casa. Il turno di riposo di settimana scorsa ha aiutato gli amaretti a recuperare le forze in vista del rush finale che li vede ora a 4 punti dalla vetta (Busto e Lissone sono a 30 punti contro i 26 dei ragazzi guidati da coach Tato Grassi). Rispetto alla gara d’andata, i saronnesi non hanno toccato nulla del proprio roster, dando fiducia ad una squadra che sinora ha perso solo 4 partite e che ha dei meccanismi sempre più oliati in vista dei play-off, che la IMO vorrebbe recitare da protagonista assoluta. Per il match del Centro Ronchi di Saronno (palla a due sabato 15 alle ore 21), i giocatori agli ordini di coach Silvio Saini sono tutti disponibili e puntano al colpaccio per confermarsi in zona play-off. Nella gara d’andata, Saronno spadroneggiò dal primo all’ultimo minuto, chiudendo praticamente la partita già nei primi 10’ (13-26 il parziale): nonostante i 18 punti di Negri, ai Knights pesarono le assenze di Guidi (infortunato) e Di Gianvittorio (che aveva lasciato la squadra), contro cui gli amaretti maramaldeggiarono senza pietà (Clementoni 21 e Tresso 16 punti i top scorer).

Copyright @2020

NELLA STESSA CATEGORIA