Campionati di pallacanestro
La Hydrotherm si ferma, Borsano retrocede, Knights in finale

Esce di scena la Hydrotherm, sconfitta anche nel match di ritorno contro un Milano 3 più pronto a giocare queste partite di play-off da “dentro o fuori”...

Enrico Salomi

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Esce di scena la Hydrotherm, sconfitta anche nel match di ritorno contro un Milano 3 più pronto a giocare queste partite di play-off da “dentro o fuori”. La sensazione è che i bustocchi siano arrivati senza benzina fisica, ma soprattutto mentale all’appuntamento decisivo della stagione. Le 4 sconfitte in 4 gare dopo la partenza di Atsur sono in parte fisiologiche, perché sopperire alla assenza di un grande fuoriclasse come il turco e cambiare assetto di gioco non è assolutamente facile. Peccato solo uscire di scena così “male” davanti ad un pubblico amico sempre numeroso e caloroso. Ma, in ogni caso, la sconfitta nulla toglie all’ottima stagione dei ragazzi di coach Gianni Nava, giunti ai play-off da neo-promossi e dopo una rincorsa mozzafiato ed esaltante. “Credo sia ingeneroso ed ingiusto – commenta l’allenatore bustocco – giudicare un campionato solo dall’ultima partita. Dispiace a tutti, parlo anche a nome dei ragazzi e dobbiamo ringraziare i tifosi, che ci sono stati vicini in ogni circostanza, anche sul -40. Siamo usciti davanti agli applausi e questo ci dà soddisfazione, anche se avremmo voluto mettere più in difficoltà Milano 3. È stata una stagione complicata. Siamo partiti con un assetto, poi gli infortuni hanno decimato la squadra, è arrivato Atsur e abbiamo dovuto ricostruire, si è fatto male, è stato fuori un mese, abbiamo ritrovato un equilibrio che ci ha permesso di vincere 11 partite di seguito, siamo diventati la mina vagante della fase ad orologio, poi Atsur è andato via e nei play-off abbiamo dovuto ricominciare tutto daccapo. Non è facile… Il mio applauso va a questi ragazzi, sarebbe ingeneroso fare dei nomi, però anche oggi Arui è stato incredibile per cuore, energia e cuore, caratteristiche che tanti suoi compagni dovrebbero avere. Ringrazio anche il capitano Azzimonti perchè ha voluto rimanere in campo fino alla fine, anche nei momenti più difficili, per restare vicino ai suoi compagni soprattutto nelle difficoltà. La stagione finisce qui, peccato, ma mi sento di applaudire e di ringraziare i ragazzi…”.

Hydrotherm Busto Arsizio-Milano 3: 56-95

Hydrotherm: De Franco 2, Marotto 8, De Vita, Preatoni 7, Crespi, Azzimonti 9, Tagliabue 2, Caggiano, Pariani 6, Vai 13, Ferrario, Arui 9. Coach Nava.

Milano 3: Bertoglio, A. Cappellari 6, Cinquepalmi 4, Giocondo 12, Sorrentino, Iacono 19, Bassani 13, El Rawi, Colombo 15, A. Cappellari 2, Tandoi 14, Bonora 10. Coach Pugliese.

 

Serie A-2: I Knights volano in finale play-out contro Piacenza

I Knights vincono all’ultimo respiro contro Cento e ora volano in finale play-out contro Piacenza (che nella sua semifinale ha regolato con un comodo 3-0 Cassino). Ai ragazzi di coach Alberto Mazzetti serve un canestro sulla sirena di capitan Ferri (nonché una prova mostruosa da 43 punti di Raffa), che realizza un tiro in avvitamento, per festeggiare sulla sirena di una gara-cinque che ha reso merito ad una serie combattuta e incerta come non mai e che condanna Cento alla retrocessione. Finchè c’è vita c’è speranza e ora a Legnano serve cercare l’impresa sin da domani sera sul campo di Piacenza. “Al di là dell’episodio finale – commenta coach Alberto Mazzetti – è stata una gara-cinque all’insegna dell’equilibrio e solo un eroismo poteva farci battere una Cento di grande valore. La squadra è stata ottima, perchè ha risposto sul campo alle critiche di una brutta partita disputata solo 48 ore fa. Dobbiamo festeggiare questa vittoria perchè ce la siamo meritata, ma dobbiamo già pensare a Piacenza. L’unico modo che abbiamo per prendere l’altra metà della torta è di lavorare per preparare il match. I nostri avversari saranno più riposati, noi invece dovremo rientrare mentalmente in una nuova serie. Faccio i complimenti a tutti i ragazzi, compresi i ragazzi del settore giovanile che sono sempre in palestra con noi. Piacenza è un avversario molto tosto, che viene da un ottimo finale di stagione nonché da 3 vittorie nei play-out”.

AXPO LEGNANO-BALTUR CENTO: 86-84
Axpo Legnano: Raffa 43, Thomas 17, Serpilli 4, Laganà 2, Bianchi 2, Bortolani 3, Bozzetto 4, Ferri 11, Corti, Berra, Biraghi, Coraini. Coach Mazzetti.

Baltur Cento: Taylor 22, Taflaj 1, Moreno 9, Chiumenti 6, White 25, Gasparin 7, Ebeling 6, Di Bonaventura 4, Benfatto 4, Invidia, Balducci. Coach Bechi.

 

Promozione: Il Cso Borsano perde contro Senna Comasco e retrocede

Il Cso Borsano perde al PalAriosto la decisiva gara-tre contro Senna Comasco (64-68) e retrocede in Prima Divisione.Non è riuscito il miracolo ai borsanesi, che erano riusciti ad espugnare il campo comasco dopo una gara-uno persa sempre tra le mura amiche. E per spiegare il k.o. basterebbe la percentuale di 15/30 ai tiri liberi… Adesso c’è di mezzo l’estate e il club presenterà sicuramente domanda di ripescaggio. “Certo – commenta coach Titti Maini – visto che militiamo da 30 anni in Promozione e che, tra le 4 retrocesse, siamo la prima squadra ad averne diritto. Siamo comunque amareggiati per come è finito la stagione sul campo…”.

Copyright @2019