OPERAZIONE DELLA GUARDIA DI FINANZA DI GALLARATE
La maxi frode fiscale da 40 milioni è “tutta in famiglia”

Denunciate 10 persone e disposti sequestri per 27 milioni. Un commercialista di “fiducia” ha partecipato alla realizzazione del disegno criminoso, consentendo alle società coinvolte di evadere le imposte

gallarate

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La Guardia di Finanza di Gallarate, a seguito di una complessa indagine scaturita da verifiche fiscali nei confronti di società operanti tra le province di Varese e Milano, ha dato esecuzione al sequestro preventivo, emesso dall’Autorità Giudiziaria di Milano, di disponibilità finanziarie, beni mobili e immobili per 27 milioni di euro, pari al profitto derivante da una grossa frode fiscale. Inoltre, sono state denunciate 10 persone coinvolte nel complesso meccanismo fraudolento.

L’operazione delle Fiamme Gialle si è articolata mediante l’esecuzione di 9 verifiche fiscali nei confronti di società operanti nei settori dei trasporti, logistica e facchinaggio, tutte riconducibili a soggetti aventi tra di loro stretti legami di parentela (da qui il nome dell’operazione “All in the Family”) e ha portato al recupero di una base imponibile ai fini delle Imposte Dirette sottratta a tassazione di oltre 40 milioni di euro e 27 milioni di imposte evase, tra IRES, IVA, IRAP ed indebite compensazioni.

Nell’ambito dell’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Milano, sono stati denunciati 10 soggetti, che si sono resi responsabili di una serie di reati tributari aventi ad oggetto la presentazione di dichiarazioni fiscali fraudolente mediante l’annotazione e l’utilizzo di false fatturazioni, nonché la compensazione di debiti tributari per mezzo di crediti non spettanti.

Congiuntamente alle indagini di polizia giudiziaria sono state eseguite verifiche fiscali, attraverso le quali è stato accertato che tali soggetti avevano costituito società “cartiere”, al solo scopo di emettere false fatture finalizzate all’indebito risparmio d’imposta. Meccanismo illecito agevolato da un commercialista di “fiducia”, depositario contabile delle società. Il professionista, approfittando della propria esperienza in ambito fiscale, ha partecipato alla realizzazione del disegno criminoso, consentendo alle società coinvolte di evadere le imposte compensandole totalmente con crediti IVA fittizi e generati da fatture per operazioni inesistenti.

Tenuto conto del coinvolgimento del professionista nelle condotte illecite, sono state richieste ed ottenute dalla Procura della Repubblica meneghina ulteriori perquisizioni, in occasione delle quali sono stati sequestrati presso l’abitazione del commercialista orologi “Rolex” di dubbia provenienza e denaro contante per circa 22 mila euro nascosto in un sacchetto di plastica dentro un armadio.

Copyright @2018