LA LEGA CONDIVIDE LE REGOLE PER ESSERE PIÙ SICURE
“La miglior difesa: la tua vigilanza, la tua consapevolezza, la tua volontà”

A margine dell’evento di domenica mattina, quando la Lega nord ha distribuito buoni per poter acquistare a prezzo scontato uno spray anti aggressione, i membri della sezione cittadina hanno voluto condividere alcune linee guida sulla sicurezza promulgate dal telefono rosa

Loretta Girola

castellanza

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

A margine dell’evento di domenica mattina, quando la Lega nord ha distribuito buoni per poter acquistare a prezzo scontato uno spray anti aggressione, i membri della sezione cittadina hanno voluto condividere alcune linee guida sulla sicurezza promulgate dal telefono rosa. “Visto il continuo verificarsi di atti di violenza nei confronti delle donne sul territorio nazionale, riteniamo indispensabile dare un contributo per la difesa dei cittadini – spiega Angelo Soragni – negli ultimi 5 anni, in Italia, il numero delle donne che hanno subito una forma di violenza fisica o sessuale ammonta a 2 milioni 435 mila, quelle che hanno subito violenza fisica sono 1 milione 517 mila, le vittime della violenza sessuale sono 1 milione e 369 mila e le donne che hanno subito stupri o tentati stupri sono 245 mila. Crediamo che il fenomeno sia di importanza rilevante e di grande attualità, e per questo abbiamo voluto dare un nostro contributo per la difesa delle donne del nostro territorio.

Contestualmente vorremmo diffondere anche alcune raccomandazioni estrapolate dal sito del Telefono rosa di Torino, che spiega come alcuni semplici accorgimenti possano essere estremamente importanti per evitare di trovarsi vittime di episodi di violenza.

“La miglior difesa: la tua vigilanza, la tua consapevolezza, la tua volontà di prevenire le situazioni di violenza. Alcuni consigli: mai accettare passaggi in auto da sconosciuti, mai salire in ascensore da sola con uno sconosciuto e se si è seguiti evitare di rifugiarsi in luoghi bui o deserti. Di notte mettere sempre la sicura alle portiere dell’auto e non aprire il finestrino per rispondere a richieste di informazioni di aiuto, nel dubbio telefonare al 112 e se si è seguite in auto di sera non parcheggiare ma dirigersi verso la stazione dei Carabinieri più vicina.

Arrivare sempre sotto il portone di casa con le chiavi pronte per non dovere rovistare nella borsa, specie se di notte, mai rimanere in auto a motore spento sotto casa, nemmeno per cercare le chiavi, ma preparale mentre si arriva; non parcheggiare in box sotterranei specie di notte, tenere in borsa una lacca oppure spray antiaggressione al peperoncino e se aggredite usarli per difendersi e per neutralizzare l’aggressore. Imboccare sempre strade frequentate e illuminate, e le ragazzine nelle ore notturne devono essere sempre accompagnate da genitori o da amici fidati; chiedere a chi accompagna in auto sotto casa di attendere di vedere illuminarsi le finestre, e se si rincasa da sole, concordare con un amico una telefonata per far sapere di essere arrivate. Infine rispondendo ad annunci di lavoro mai accettare appuntamenti per strada o in auto e in situazioni di pericolo non esitare a chiedere aiuto e non vergognarsi di urlare per attirare l’attenzione di altre persone””.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA