INAUGURAZIONE MERCOLEDÌ 24 OTTOBRE
La nuova Coop apre i battenti: “Sarà bella, green e conveniente”

Il nuovo punto vendita è stato presentato in anteprima. Mercoledì il taglio del nastro e l'apertura al pubblico. Il nuovo supermarket ha assunto 80 collaboratori della zona. La rotonda? "Ha migliorato l'andamento del traffico"

GIOGARA

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

È in arrivo il giorno tanto atteso. Mercoledì 24 ottobre, dopo il taglio del nastro (alle 8.30) sarà inaugurato il nuovo supermercato Coop di viale Duca D’Aosta, uno dei più moderni in Italia, che aprirà al pubblico a partire dalle 9 del mattino.
Il nuovo punto vendita è stato presentato oggi in anteprima alla stampa: all’interno è già completamente allestito e si affaccia con grandi vetrate sul viale. All’esterno, negli spazi dell’ex Borri,  sono in corso i lavori di riqualificazione ancora da completare. L’investimento per il progetto è stato di 18 milioni di euro.

“Oggi per noi è un grande giorno, con legittimo orgoglio presentiamo l’ultimo arrivo in Coop Lombardia”, ha dichiarato il vicepresidente Alfredo De Bellis. Al suo fianco, l’architetto Alberto Bonacina direttore tecnico Coop Lombardia, l’architetto Nicola Marinello che ha progettato l’edificio, il direttore generale Andrea Colombo e il presidente di Coop Lombardia, Daniele Ferrè, che ricorda: “Ci siamo visti 10 mesi fa, lo scorso mese di dicembre quando ancora c’era lo scavo. Non è importante ripercorrere la storia di quanto è accaduto in questo tempo ma farvi apprezzare i contenuti che la cooperativa proporrà ai consumatori di Busto. La Coop è a Busto da 130 anni, questo secondo negozio è l’evoluzione più moderna di una presenza che ha l’ambizione di riprendere i vecchi soci. In un luogo simbolo del centro, vicino a una fabbrica che fu presidiata da tante donne, presentiamo oggi la nostra proposta architettonica, culturale e commerciale”.

Ad illustrare l’intervento, definendolo “molto coraggioso” è l’architetto Marinello: “Si è deciso di investire in un’area per molto tempo dimenticata raccogliendo le tante opportunità che lo spazio offre”. Riguardo alla tanto contestata rotonda, sottolinea: “Dà benefici riducendo i tempi di attraversamento del centro, diminuisce la velocità delle auto e migliora l’andamento del traffico in tutte le fasi della settimana”.

Per quanto riguarda la valorizzazione del verde, osserva: “Sono stati aggiunti 34 tigli. La presenza del verde sulle facciate raffresca l’edificio in maniera naturale e il tetto-giardino col ginepro denota una cura maniacale nella ricerca di essenze.  Nel disegno della nuova facciata abbiamo ripreso il ferro battuto che si trova anche a villa Tosi, perché si tratta di un edificio che si deve confrontare con la storia, pur essendo contemporaneo”. Il parcheggio comprende 200 posti ed è dotato di servizi aggiuntivi come la ricarica elettrica.

Rimane da completare il recupero del comparto Borri: “Abbiamo messo in sicurezza tutti gli edifici e col Comune sarà definito cosa fare in una fase successiva”, spiega l’architetto. Nel frattempo è allo studio anche un collegamento pedonale tra viale Duca D’aosta e viale Pisacane.
L’architetto Bonacina presenta gli interni del supermercato: “Il nostro percorso ha preso il via da Expo, il punto vendita è ricco di servizi, dal punto di vista degli arredi c’è grande attenzione a rendere l’ambiente caldo e confortevole, ai consumi energetici, con le luci a led. Un impianto di supervisione governa i consumi”
Oltre a essere bello sarà conveniente –  aggiunge Colombo – la tecnologia è al servizio del miglioramento, in base all’esperienza dei clienti”.

L’interno è suddiviso in diverse aree:  c’è un’isola “Smart Food” per offrire la possibilità di un pranzo con prodotti salutari e nutrienti, la cucina giapponese in partnership con un’azienda giapponese che proporrà non solo sushi. Una cantina con vini e birre, un’area dedicata al benessere e tutti i banchi serviti: dalla panetteria con lievito madre, all’eccellenza della carne senza utilizzo di antibiotici. I prodotti presenteranno etichette elettroniche colorate con i prezzi scritti in grande.  Tra i servizi anche il bar, aperto dalle 7.30. Le casse sono 15 di cui 5 automatiche.
Il nuovo punto vendita si avvale di 80 collaboratori complessivi assunti in zona.

Copyright @2018