PORFIDIO: “QUESTO SETTORE RAPPRESENTA LA CITTÀ”
“La Polizia locale dovrebbe essere il fiore all’occhiello di Busto”

“Questo è l’ultimo caso, ma anche il fatto che ci sia un ritardo sul pagamento delle turnazioni non va bene”, afferma l’ex consigliere, attento anche al “look” degli ausiliari…

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

“La Polizia locale? Dovrebbe essere il fiore all’occhiello di Busto Arsizio”. Parola di Audio Porfidio, leader di un movimento che ha sempre fatto del decoro pubblico e della sicurezza i suoi cavalli di battaglia.
Nelle scorse ore i sindacati hanno manifestato tutto il loro malcontento per questioni legate alla previdenza complementare dei vigili, che si sono visti cambiare il fondo assicurativo “a loro insaputa” (per quanto previsto dal contratto nazionale, seppur con dei distinguo).

“Non entro nelle questioni tecniche, ma capisco bene il malcontento dei lavoratori, che avrebbero voluto essere avvisati per tempo della faccenda”, spiega Porfidio. Per l’ex consigliere comunale, questo settore merita una particolare attenzione perché “gli agenti sono a stretto contatto con i cittadini. Di più: la Polizia locale rappresenta il Comune”.

“Questo è l’ultimo caso, ma anche il fatto che ci sia un ritardo sul pagamento delle turnazioni non va bene”. E infatti le Rsu comunali hanno sottolineato anche questo aspetto, oltre al problema cronico della mancanza di personale. “Non è possibile – rincara Porfidio – che una città come Busto Arsizio abbia pochi agenti. La sicurezza deve essere la priorità di ogni amministrazione, a maggior ragione in una realtà delle dimensioni di Busto. Ma se manca il personale…”.

“La Polizia locale rappresenta il Comune, quindi dovrebbe essere il fiore all’occhiello della città. E lo stesso vale per gli ausiliari della sosta, eppure li vedo passare quotidianamente davanti al mio ufficio con un abbigliamento da lavoro che non mi pare per niente consono, mentre in altri comuni più piccoli hanno a disposizione una vera e propria uniforme che fa tutto un altro effetto”, conclude Porfidio con una nota “di colore”. Insomma, anche se il look non è la priorità, “le ‘divise’ e i mezzi a disposizione non sono certo il miglior biglietto da visita”.

Copyright @2019

NELLA STESSA CATEGORIA