IL COMUNE DEVE INTERVENIRE
“La sicurezza non può essere affrontata con questa leggerezza”

Ancora una volta la sicurezza è al centro delle riflessioni del Gruppo Indipendente olgiatese, che sottolinea come azioni di intervento decise e precise potrebbero concretamente contribuire a contrastare furti e disagi

Loretta Girola

olgiate olona

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Ancora una volta la sicurezza è al centro delle riflessioni del Gruppo Indipendente olgiatese, che sottolinea come un’attenta programmazione e delle azioni di intervento decise e precise messe in atto dall’Amministrazione potrebbero concretamente contribuire a contrastare furti e disagi. “Innanzitutto stiamo parlando dei portali controllo targhe – spiegano Alda Acanfora, Gianfranco Roveda e Giorgio Volpi – che sono indispensabili, ma saranno realmente utili solo quando saranno installati tutti; ne occorrono 17, uno per ogni punto di accesso alla città, ma oggi ce ne sono solo 2, uno al semaforo incrocio Circolo Verdi e uno in via Brennero, i due punti dove i ladri sanno di dover non passare.

Il terzo verrà installato in Via De Gasperi dal Comune di Solbiate e nel 2018 si prevede di posizionarne un altro, ma dipende? Se e come? Dove?  Ma… il bilancio 2018? In compenso ne è previsto uno per la Piazzola Ecologica, al posto di una videotelecamera tecnologicamente avanzata, si tratta di una scelta sbagliata, i portali vanni messi nei punti di accesso al territorio comunale non su una via interna come via Ombrone. Per quanto riguarda la videosorveglianza essa è presente in 13 punti “sensibili” grazie a un finanziamento regionale del 2007, ma è ora che venga potenziata; è inaccettabile dormirci sopra, è necessario sia programmare l’investimento, e portarlo a compimento al massimo entro 3 anni, sia fare accordi con i Comuni limitrofi.

Non dimentichiamo poi la sicurezza delle nostre scuole; dopo i furti del 2016 abbiamo chiesto all’Amministrazione di intervenire con procedure, tempistiche e investimenti, ma la risposta è stata: “allo stato attuale non si ritiene che vadano attuati nelle scuole ulteriori interventi rispetto a quelli in atto”.

Solo dopo i furti nelle vacanze di Pasqua dello scorso anno la Giunta ha stanziato l’incredibile somma di 2.500 euro per l’installazione di un allarme alle scuole medie; cifra tanto modesta quanto indicativa di come si affrontano le cose. Il Sindaco aveva affermato che l’intenzione era quella di provvedere all’installazione di allarmi negli altri plessi, ma sino ad ora nulla è stato fatto, e a settembre c’è stata una nuova intrusione all’interno del plesso Gerbone. La sicurezza non può essere affrontata con questa leggerezza, occorre intervenire bene e in tutte le scuole, è allarmante che qualcuno riesca così facilmente ad introdursi negli edifici scolastici.

Per avere risultati efficaci è necessario un piano, un progetto globale con tempi e investimenti certi poiché chi gestisce i soldi della comunità lo deve fare con credibilità e responsabilità.

Ciascuno deve fare la propria parte, in primo luogo le istituzioni; il Comune può, e deve, essere il regista di azioni di intervento decise e precise, tutelando la comunità attraverso una chiara strategia di contrasto al fenomeno. Alla richiesta di programmazione, però, la risposta è sempre il silenzio. Assordante, ma l’Amministrazione deve operare in maniera seria e concreta per la sicurezza di tutti, si tratta di una priorità per tutta la cittadinanza”.

Copyright @2018