Piscina chiusa
La Sport Management ai tempi del Coronavirus

Campionato fermo e “allenamenti” da casa per i mastini di patron Sergio Tosi e coach Marco Baldineti, in attesa dell’auspicata ripresa

Igor Mutinari

busto arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La Piscina Manara di Busto Arsizio è desolatamente chiusa da qualche settimana ormai, niente corsi, niente nuoto libero e niente Banco Bpm Sport Management.

La Sport Management, intesa come azienda e non come società sportiva, ha provveduto ad una sanificazione completa di tutti gli ambienti dell’impianto bustocco. Uno dei cuori pulsanti dello sport (e dell’imprenditoria) bustocca si è fermato in questi giorni caratterizzati dall’emergenza Covid-19 e dallo slogan #iorestoacasa.
Per ovvi motivi quindi, si è fermato il campionato di A1 di pallanuoto che vedeva i mastini di patron Sergio Tosi e coach Gu Baldineti tra i protagonisti.

Partiamo dalle buone notizie, e in questi momenti è già qualcosa: nessuno della squadra ha contratto il virus. Insomma i mastini stanno tutti bene. Ovviamente gli allenamenti della squadra sono sospesi fino a nuove disposizioni (dalle nostre fonti solo Brescia si sta ancora allenando sfidando qualsiasi logica) e altrettanto ovviamente il campionato è fermo a data da destinarsi.

Mirarchi e compagni, con il supporto dello staff bustocco e alcune tabelle di allenamento stanno cercando di allenarsi da casa e seguire una dieta adatta. Tra le mura domestiche, comunque, non si può andare oltre a qualche addominale e qualche esercizio a corpo libero.

Baldineti è attualmente in Liguria per aiutare l’anziana madre: a Busto è rimasto Vincenzo Dolce, mentre in zona ci sono comunque Valentino, Rosanò, Marchetti e Franzoni. La società di via Manara è in contatto costante con tutta la squadra per dare supporto anche morale in questi complicati frangenti.

La volontà di tutti, società e giocatori, è quella di riprendere il campionato da dove si è interrotto appena le autorità lo consentiranno, considerando anche che in estate si terranno, o quanto meno si dovrebbero tenere, le Olimpiadi di Tokyo 2020, dove il settebello di Sandro Campagna arriva da campione del Mondo in carica. Interessati direttamente dalla questione a cinque cerchi sono Nicosia, Dolce, Damonte e Bruni.

Copyright @2020