Busto-Firenze 3-1 (25-16, 25-22, 20-25, 25-18)
La Uyba rialza la testa contro Il Bisonte / Le foto

Davanti all'ex ad del Milan Galliani, la Unet E-Work batte Firenze, ritrova il successo e si riprende il quarto posto in classifica

GIOGARA

Igor Mutinari

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Controsorpasso Uyba. Davanti ad un parterre impreziosito dalla presenza dell’ex amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, le farfalle rialzano la testa dopo quattro sconfitte consecutive e si riprendono la quarta posizione in classifica ai danni di Monza (che aveva vinto nell’anticipo). Contro una coriacea Firenze, rigenerata dalla cura Caprara e determinata a difendere l’ottavo posto, ultimo utile per i play-off, la Unet E-Work Busto Arsizio vince 3-1 (25-16, 25-22, 20-25, 25-18) con una prestazione grintosa in cui non si compone nemmeno dopo aver perso il terzo set. È forse presto per dire che la crisi sia passata, ma questa vittoria, soprattutto in ottica play-off, è solida base su cui ripartire per il rush finale della regular season, in cui la squadra di Mencarelli sarà chiamata a difendere il quarto posto, costruito su prestazioni analoghe.

Le farfalle approcciano al meglio il match e conquistano con relativa facilità i primi due set; nel terzo parziale però arriva un black out che mette un po’ di timore ai 3000 del PalaYamamay viste le prestazioni del recentissimo passato. Stufi e socie, però, non si scompongono e, con un allungo costante, fanno loro la quarta frazione e i relativi tre punti.

Ben orchestrate da Orro (che spacca la partita con alcuni turni di servizio) sono tante le biancorosse che fanno bene in attacco. Tra di loro spiccala prova di Gennari, top scorer bustocca con 18 punti. In doppia cifra vanno anche Diouf (16), Bartsch (15) e Berti (12).

Particolarmente gremito il parterre del PalaYamamay con il pluricampione mondiale Daniele Cassioli, 22 titoli mondiali nello sci nautico paralimpico, l’ex amministratore delegato del Milan Adriano Galliani, omaggiato a fine partita di una maglia da Diouf, il Sindaco Emanuele Antonelli e il suo predecessore Gigi Farioli, oltre a Carmine Gorrasi, Nino Caianello e Lara Comi.

In campionato Stufi e compagne torneranno in campo il 25 febbraio, alle ore 17.00 quando faranno visita a Pesaro. Prima però ci sarà un altro appuntamento fondamentale nella stagione biancorossa: le Final Four di Coppa Italia di Bologna dove la Uyba affronterà Conegliano in semifinale (sabato 17 alle ore 15.30).

Le voci del post partita

“Siamo riuscite a trovare il nostro ritmo – l’analisi a fine partita di una positiva Berti – e abbiamo giocato bene in difesa e in battuta. È una vittoria utile per il morale e la classifica, soprattutto in vista dei play-off. È stato importante oggi rimanere in partita anche nei momenti difficili”.

“Dopo una fase difficile – ribadisce anche Marco Mencarelli – è una vittoria importantissima per la classifica. Conosciamo le difficoltà che abbiamo attraversato ma sappiamo anche cosa abbiamo imparato. Dopo il sorpasso di Monza, questi punti sono fondamentali per il quarto posto che ci siamo ripresi, grazie al fieno che abbiamo messo in cascina nel girone di andata. In questa partita mi è piaciuta la capacità di esaltarci nelle fasi concitate di punto a punto”.

Pagelle: Orro 7.5, Diouf 7, Stufi 6, Berti 6.5, Gennari 7, Bartsch 6.5, Spirito 6.5. All. Mencarelli 6.5.

La partita

Coach Mencarelli non cambia il sestetto e quindi ripropone Orro in diagonale di palleggio con Diouf, Stufi e Berti al centro, Gennari e Bartsch in banda, Spirito libero. Risponde Caprara con Dijkema-Sorokaite, Milos-Ogbogu, Tirozzi-Santana, Parrocchiale. Farfalle in maglia biancorosse, toscane in bianco. Presente Adriano Galliani, ex AD del Milan, nel parterre, accompagnato da Carmine Gorrasi, Gigi Farioli, Lara Comi, Nino Caianello  e dal sindaco Emanuele Antonelli.

Primo set: Partenza sprint per la Uyba che vola subito sul 7-2 grazie alla verve di Gennari, Firenze però recupera un po’ e la distanza si assesta sui tre punti. Fino a quando Gennari, ancora lei, non segna il punto del 18-13. Il finale del set è nel segno di Bartsch che guida l’allungo definitivo capitalizzato da Gennari per il 25-16.

Secondo set: L’inizio set è vissuto a strappi con le farfalle che provano a scappare (4-1 e 7-4) e Firenze che non molla (4-4 e 8-6). L’abbrivio giusto sembra darlo il turno di servizio di Orro, il cui ace vale l’11-6. Caprara prova a mischiare le carte con Di Iulio e Alberti al posto di Santana e Milos e la mossa lo ripaga fino al 13-11. Busto però trova la forza di allungare ancora e conquista sei set point, Firenze con la forza della disperazione ne annulla quattro prima che Diouf metta a terra il pallone del 25-22.

Terzo set: Firenze prova a uscire dal guscio e si prende un buon vantaggio (1-4) trascinata da Di Iulio. Le toscane di Caprara riescono a mantenere il +3, nonostante Diouf stia ingranando. Sorokaite però guida la fuga che regala alle sue il +5 (11-16) e che si rivela quello decisivo. Chiude poi Ogbogu (20-25), le farfalle dovranno sudare ancora.

Quarto set: Sull’onda lunga del parziale precedente, Firenze va sul 1-4, ma la Uyba non ci sta e mette la freccia con il muro di Beatrice Berti su Di Iulio (6-5). Firenze sembra riuscire a allungare ancora (9-11) ma Stufi e Bartsch cambiano il break di vantaggio (15-13). Le toscane non hanno intenzione di cedere e pareggiano a quota 15, ma la Uyba sul turno si servizio di Orro mette una seria ipoteca sui tre punti (20-15). E difatti le farfalle non si fermano più sino al fischio finale sancito da Gennari (25-18).

Tabellino

Unet-E-Work Busto Arsizio-Il Bisonte Firenze 3-1 (25-16, 25-22, 20-25, 25-18)

Unet E-Work Busto Arsizio: Piani ne, Stufi 3, Spirito (L), Gennari 18, Dall’Igna ne, Orro 3, Wilhite, Diouf 16, Bartsch 15, Berti 12, Negretti, Chausheva, Botezat 2. All.: Mencarelli, 2° Musso. Battute: vincenti 3 (Genanri 2), errate 6. Muri: 8 (Berti e Bartsch 2).

Il Bisonte Firenze: Sorokaite 20, Alberti 6, Bonciani, Santana 2, Di Iulio 6, Parrocchiale (L), Ogbogu 11, Pietrelli 1, Milos 1, Tirozzi 12, Dijkema 2. All.: Caprara, 2° Cervellin. Battute: vincenti 2, errate 9. Muri: 8.

Arbitri: Talento e Bassan

Durata set: 22′, 28′, 25′, 26′. Tot.: 110′.

Spettatori: 2670.

Risultati

Unet E-Work Busto Arsizio-Firenze 3-1, Modena-Conegliano 2-3, Casalmaggiore-Novara 3-1, Monza-Filottrano 3-1, Bergamo-Pesaro 3-0, Scandicci-Legnano 3-0.

Classifica
Conegliano 49; Novara 43; Scandicci 42; Unet E-Work Busto Arsizio 35; Monza 33; Modena 30; Pesaro 26; Firenze e Casalmaggiore 20; Bergamo 18; Legnano 15; Filottrano 11.

Prossimo turno

Domenica 25 febbraio, ore 17.00

Pesaro-Unet E-Work Busto Arsizio, Filottrano-Bergamo, Firenze-Modena, Conegliano-Scandicci, Novara-Monza (sabato 24, ore 20.30), Casalmaggiore-Legnano.

La Futura vince in rimonta

Dopo una partita lunga e complicata, la Futura volley giovani di coach Lucchini rimonta dallo 0-2 la squadra ligure dell’Albisola e vendica l’unica sconfitta patita in questo campionato nella partita di andata ancora al tie-break. Le biancorosse partono male, contratte e fallose, e vanno sotto di due set. Il terzo parziale non è adatta ai deboli di cuore: la squadra della famiglia Forte si impone dopo una maratona per 32-30 (annullando quattro match balla alle liguri) e prende lo slancio per vincere la partita al tie-break. Il punteggio la dice lunga sull’equilibrio visto sul campo di Sacconago: 3-2 (23-25, 22-25, 32-30, 25-17, 15-12). In una partita in cui il 32% offensivo rende bene le difficoltà delle bustocche, top scorer del match è Rrena con 28 punti, seguita a ruota da Re Dionigi con 27. Ben 19 i muri, a fronte dei 9 delle avversarie, con Rigon protagonista con 5 muri-punto. Con questa vittoria Merlotti e compagne, approfittando della sconfitta di Biella, allungano ancora in classifica e ora hanno 9 lunghezze sulle seconde.

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA

Ardor/Busto 81/Busto Arsizio/Eccellenza/San Marco/Seconda Categoria/TERZA CATEGORIA/antoniana/beata giuliana/borsanese/busto/calcio/campionato/cas/dilettanti/girone di ritorno/prima categoria/sport

Il Busto 81 dilaga, a segno anche Antoniana e Borsanese

Copyright @2018