I FUNERALI DEL NOTO PASTICCIERE
L’addio a Giuseppe Rapisarda: “Un angolo di Sicilia che deve continuare a vivere”

Celebrate le esequie alla Parrocchia di San Michele. In tantissimi hanno manifestato affetto per il titolare della pasticceria siciliana a Busto Arsizio

Silvia Bellezza

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

L’ultimo saluto a Giuseppe Rapisarda, noto pasticciere siciliano dell’omonima pasticceria di Busto Arsizio, è stato dato da familiari, amici e clienti oggi pomeriggio presso la parrocchia S. Michele con un affettuoso e fortissimo cordoglio. Le esequie sono state salutate da un caloroso applauso al termine della funzione.

L’Amministrazione Comunale rappresentata dall’assessore al Commercio Manuela Maffioli ha espresso le condoglianze e la vicinanza di tutta la città alla famiglia prostrata dal dolore. La moglie Natasha Rapisarda stretta e sorretta fortemente dalle figlie ha voluto personalmente ringraziare i presenti all’uscita davanti al feretro con un toccante messaggio ad alta voce “era il solo pasticciere”, ha detto.

Il futuro della pasticceria è dunque incerto? Tutti auspicano che il momento di dolore possa trasformarsi in una coraggiosa ripresa e che possa dare continuità e memoria all’encomiabile lavoro svolto da Giuseppe che pur avendo perso la sua personale battaglia contro il cancro ha vinto quella della fatica nei momenti più duri, quella del lavoro di qualità fatto con passione ed impegno, senza mai risparmiarsi. I clienti lo sanno e vogliono rivedere presto riaperta la sua saracinesca. “È un angolo di Sicilia quello che desideriamo mantenere, un punto di riferimento per l’intero quartiere” hanno commentato i molti presenti.

Copyright @2019