Il Cas pareggia e perde la vetta
L’Ardor trionfa nel derby, Busto 81 ancora a segno

Ardor batte San Filippo 4 a 1. Bene Busto 81, San Marco e Beata Giuliana, pari per il Cas. Con onore Antoniana e Borsanese

Simone Testa

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Volge al termine anche questa nona giornata di campionato. La Busto del pallone si è scaldata in questa domenica di derby che ha visto Ardor e San Filippo disputarsi l’onore campanilistico, mentre le altre società continuano a battagliare per i tre punti.

Eccellenza

Ardor Lazzate-Busto 81: 0-1

Ennesima vittoria di misura per il Busto 81 di Danilo Tricarico. Privi dell’infortunato Palumbo, i bustocchi si dimostrano bravi ad interpretare la partita e, dopo un primo tempo di studio fra le due formazioni, nella ripresa i Tori si portano in vantaggio con Castagna, che resta freddo dopo un contropiede fulminate di Giovio (alla sua prima da titolare dopo il lungo infortunio) e firma l’1 a 0. Gli ospiti reagiscono e prendono campo. Il Busto 81 trema quando l’Ardor Lazzate centra la traversa nel finale di partita, ma i tre punti vanno agli uomini di mister Tricarico.

“Abbiamo fatto quello che dovevamo fare, siamo riusciti a strappare i tre punti contro un avversario ostico e su un campo difficile” dichiara il team manager Giorgio Tomasini

Prima Categoria

Cantello Belfortese-Cas: 1-1

Si ferma sul pari il Cas di Luciano Cau, che perde il comando della classifica. Passano per primi i bustocchi grazie ai riflessi pronti di Cavaleri, che approfitta di uno svarione della difesa del Cantello per spingere il pallone alle spalle del portiere. I biancoblù continuano ad attaccare e sembrano poter chiudere la partita da un momento all’altro, ma Turconi, Cavaleri, Agrello e Caccia non riescono a concretizzare le numerose occasioni create. Nel finale i padroni di casa crescono e riescono ad acciuffare il pareggio e a creare qualche brivido negli ultimissimi minuti, ma il risultato resta fermo sul pari.

“Potevamo fare di più. Abbiamo avuto diverse occasioni che non siamo riusciti a concretizzare. Ci portiamo a casa un pari che ci sta stretto per quello che si è visto in campo” commenta mister Cau

San Marco-Luino Maccagno: 3-2

Vittoria casalinga per la San Marco di Paolo Marchiorato. I bustocchi si portano avanti nelle fasi iniziali di gara con l’incornata di Salmoiraghi sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Poco dopo arriva anche il raddoppio di Napolitano, ma la risposta degli ospiti è pronta ed il risultato torna in bilico. Nella ripresa Napolitano si presenta nuovamente davanti al portiere avversario e, con un pallonetto, regala il doppio vantaggio ai suoi. Ma i leoni alati non possono rilassarsi e l’assalto finale del Luino infiamma la partita negli ultimissimi minuti di gioco: al novantesimo viene fischiato un rigore per gli ospiti che però, centrano la traversa. Il Luino trova il gol un minuto dopo, ma ormai è troppo tardi e la San Marco strappa i tre punti.

“Siamo contenti per il risultato, ma abbiamo concesso troppe occasioni agli avversari, specialmente nel finale. Dobbiamo lavorare ancora tanto sulla difesa” afferma mister Marchiorato

Vanzaghellese-Antoniana: 2-1

Perde con onore e l’Antoniana di Giovanni Canestrale sul difficile campo della capolista Vanzaghellese. Sono proprio i bustocchi i primi a trovare la via del gol con Santaniello e a far tremare i padroni di casa poco dopo con Venturelli, che però, non riesce a finalizzare. La Vanzaghellese reagisce e, prima riequilibra il punteggio su punizione, poi trova anche il vantaggio con una gran botta da fuori. L’Antoniana continua a lottare e crea non pochi grattacapi alla difesa avversaria, ma non riesce mai a finalizzare le numerose occasioni create. La palla gol più nitida per i giallorossi arriva sui piedi di Macretti che, dopo uno scambio con Venturelli, calcia fuori da buonissima posizione. Resta un po’ di rammarico per la squadra di mister Canestrale che, però, dimostra ancora una volta di essere in crescita.

“Siamo ancora vivi. La squadra sta crescendo tanto ed oggi, per quello che si è visto in campo, avremmo meritato di portare a casa almeno un punto” ammette mister Canestrale

Seconda Categoria

Beata Giuliana-Canegrate: 5-1

Cala il pokerissimo il Beata Giuliana di Alfredo Rossetti, che travolge il Canegrate in una partita senza storia. I bustocchi scendono in campo carichi e determinati e stendono gli ospiti con tre reti nei primi venti minuti di gioco. Izzo gonfia la rete al 2’ e raddoppia poco dopo, poi Rizzo firma il 3 a 0. Poco prima di rientrare negli spogliatoi, il Canegrate tenta di riaprire la partita riducendo le distanze. Ma nella seconda metà di gara il Beata Giuliana non abbassa la guardia, controlla bene il gioco e punisce nuovamente gli ospiti, prima con Fella, e poi con Ciuciu.

“La sconfitta di settimana scorsa ci è servita da lezione. I ragazzi hanno avuto la reazione giusta” dichiara mister Rossetti

Borsanese-Olgiatese: 0-2

La Borsanese di Davide Tomanin cede il passo ad una solida Olgiatese. Partenza lampo degli ospiti, che trovano il vantaggio al primo giro d’orologio. I bustocchi non si scompongono, chiudono bene gli spazi e riescono ad arginare bene gli ospiti, ma faticano a creare occasioni da gol. Nella ripresa il copione non cambia: la Borsanese non molla mai, ma non riesce ad essere pericolosa nella trequarti avversaria e, al novantesimo, subisce la rete del 2 a 0 che chiude definitivamente la partita a favore dell’Olgiatese.

“Abbiamo incontrato una squadra solida e ben organizzata. Abbiamo lottato fino alla fine, usciamo dal campo a testa alta” confessa mister Tomanin

Terza Categoria

Ardor-San Filippo: 4-1

L’Ardor di Matteo Gastaldello cala il poker nel derby contro il San Filippo di Diego De Bernardi. I padroni di casa aprono le danze dagli undici metri con Rappa, che trasforma il calcio di rigore. Gli ospiti rispondono con Micheal Terranova e chiudono il primo in parità. Nella seconda frazione di gara l’ingresso in campo di Cannizzaro svolta la partita dell’Ardor: l’attaccante azzurrino firma immediatamente il vantaggio grazie a un calcio di punizione. Non passa molto ed i padroni di casa, ancora con Cannizzaro, si presentano davanti al portiere rossoblù ed insaccano nuovamente. Il San Filippo si spinge in avanti nel tentativo di riaprire la partita, ma gli uomini di mister Gastaldello fanno buona guardia e, con una ripartenza bruciante, trovano anche il gol del definitivo 4 a 1 grazie ad un rasoterra preciso del classe 2001 Genoni.

“Complimenti ai ragazzi, vincere un derby non è mai facile. Siamo riusciti a controllare bene la partita e a trovare la vittoria davanti ad un pubblico numeroso” dichiara mister Gastaldello

“Onore agli avversari, hanno interpretato al meglio la partita. Nel finale ci siamo sbilanciati in avanti per cercare il gol, ma siamo stati puniti in contropiede” ammette mister De Bernardi

Copyright @2018

NELLA STESSA CATEGORIA