Il Rapporto del Consorzio Almalaurea
Laurea alla Liuc, ovvero posto di lavoro assicurato

Il Rettore Federico Visconti: “Alla Liuc le opportunità per andare all’estero ci sono, ma soprattutto si parte davvero”. Si confermano buoni i dati di placement sia per i tempi di attesa che per il tasso di occupazione

Luciano Landoni

CASTELLANZA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il nuovo Rapporto su profilo e condizione occupazionale dei laureati del Consorzio Almalaurea (rappresenta il 91% dei laureati italiani) promuove a pieni voti la Liuc-Università Cattaneo.

I dati relativi alla condizione occupazionale dei laureati dell’ateneo di Castellanza parlano chiaro: a un anno dalla laurea, l’84,6% dei laureati in Economia (laurea magistrale) risulta occupato (contro un dato complessivo degli atenei del consorzio pari al 78,6%), per poi salire al 92,9% a 3 anni e al 98,9% a 5 anni (+7,8% rispetto allo scorso anno). Il tasso di disoccupazione ad un anno dalla laurea è pari al 9,9% e scende fino a zero a 5 anni.

Per Ingegneria, invece, il tasso di occupazione a un anno dalla laurea è pari all’89%. A 3 anni è del 93,8% e a 5 anni del 94,9%.

A un anno dalla laurea il 66,7% dei laureati in Giurisprudenza si inserisce nel mondo del lavoro, contro una media Almalaurea pari al 57,8%.

Anche i tempi di attesa per l’inserimento nel mondo del lavoro diventano sempre più ridotti: 2,4 mesi per Economia, 2 per Ingegneria (inferiore di un mese rispetto allo scorso anno), 2,1 per Giurisprudenza.

La LIUC spicca anche nella riuscita degli studi universitari (a Economia il 95% conclude gli studi in corso, a Ingegneria l’88%, secondo dato migliore tra gli atenei del consorzio) e nei giudizi sull’esperienza universitaria (oltre il 90% esprime un giudizio positivo sul corso di laurea).

Il 44% dei laureati dell’ateneo di Castellanza ha svolto un periodo di studio all’estero (tramite Erasmus, Exchange, Doppio Titolo ecc): un risultato che pone la LIUC al 1° posto (contro la media complessiva del 12,8%) a livello nazionale fra gli atenei iscritti ad Almalaurea, il Consorzio Interuniversitario che rappresenta il 91% dei laureati italiani.

“Un dato – commenta il rettore della Liuc, Federico Viscontiche ha un significato ben preciso: alla Liuc le opportunità per andare all’estero ci sono, ma soprattutto si parte davvero. I piccoli numeri ci permettono di garantire a tutti gli studenti che fanno richiesta e che sono in possesso delle competenze linguistiche, di poter completare la propria esperienza formativa con questo fondamentale tassello”.

Una riflessione, quella del rettore, che si estende anche agli stage: oltre il 70% dei laureati LIUC, infatti, ha effettuato uno stage durante il percorso di studi.

“Anche la lettura di questo dato – continua Visconti parte da un elemento concreto, ovvero lo stretto rapporto degli studenti con il Career Service dell’Università, che non si limita a seguirli dopo la laurea ma li supporta fin dal primo passo nel mondo del lavoro. Tutto questo grazie a un legame strettissimo tra l’Università e le imprese: basti pensare che da quest’anno abbiamo istituito un Premio per la Migliore Esperienza di Tirocinio in Azienda della Scuola di Ingegneria Industriale, che verrà assegnato il prossimo 18 giugno”.

Copyright @2018

DALLE RUBRICHE