- InformazioneOnLine - http://www.informazioneonline.it -

Le piante di melograno simbolo della lotta al cancro infantile

In occasione della XIX Giornata Mondiale contro il Cancro Infantile, che si celebra domani 15 febbraio, in mattinata l’Associazione Bianca Garavaglia, insieme all’Amministrazione comunale, ha messo a dimora una piantina di melograno in due scuole cittadine, l’Istituto Maria Immacolata e le elementari Sant’Anna.

“Stiamo piantando due melograni, perché in questa giornata il melograno è un simbolo – ha osservato l’assessore all’Educazione Gigi Farioli, rivolgendosi agli alunni della Maria Immacolata – è fatto da tanti semini che tutti insieme rappresentano la capacità di fare una rete, un’alleanza tra associazioni, operatori, medici, famiglie per combattere tutti insieme, in un fluido empatico, ciascuno nel proprio ruolo, la malattia, nella forma di prevenzione, di cura, di assistenza e di accompagnamento. Il melograno è qui, mette radici e infatti lo slogan della giornata è #diamoradiciallasperanza e chi deve dare radici alla speranza se non una comunità di belle bambine e bei bambini come voi? Anche il melograno crescerà insieme a voi, vi accompagnerà nelle giornate di studio e di gioco e insieme rappresenterà questa crescita della speranza. Ecco perché oggi noi siamo lieti di condividere con voi, insieme con tantissime scuole in Italia e nel mondo, questa posa del melograno. Diamo radici alla speranza”.

“Vi dico solamente una cosa – ha aggiunto Franca Garavaglia  –  Bianca oggi è qui con noi e voi ci aiuterete sicuramente a diffondere questa nostra necessità di far conoscere la lotta contro i tumori infantili in tutto il mondo”.
Domani, sabato 15 febbraio alle ore 12.00 alla presenza del sindaco Emanuele Antonelli ed dell’assessore al Verde Laura Rogora un’altra pianta di melograno sarà piantata di fronte al Comune, nei pressi del Tempio civico in via Fratelli d’Italia, come segno di vicinanza ai bambini e alle famiglie che combattono tutti i giorni contro questa terribile malattia.

Ai presenti sarà richiesto di indossare un nastrino dorato (sotto forma di un piccolo tatuaggio temporaneo), simbolo universale dell’oncoematologia pediatrica, con cui scattare selfie solidali, da condividere sui canali social con l’hashtag #DiamoRadiciAllaSperanza insieme ad un messaggio di affetto per riconoscere apertamente la forza, il coraggio e la resilienza dei piccoli guerrieri, onorare la memoria di chi ha perso la sua personale battaglia.