100 anni di Pro Patria
Lello Antoniotti: l’uomo, il calciatore e il mito tigrotto

Ricordare è vivere, onorando nell’anno del centenario della Pro Patria uno dei suoi giocatori più importanti e simbolici, un mito indelebile qual è stato e sarà per sempre negli annali biancoblù Lello Antoniotti

Ottavio Tognola

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Ricordare è vivere, onorando nell’anno del centenario della Pro Patria uno dei suoi giocatori più importanti e simbolici, un mito indelebile qual è stato e sarà per sempre negli annali biancoblù Lello Antoniotti.

“Chiedi chi era” è l’invito fatto a quei tifosi che non hanno visto “il Lello” giocare dal vivo e conosciuto le sue gesta attraverso articoli di giornali, filmati, testimonianze di padri-tifosi. Antoniotti è stato adottato dalla città, a Busto ha incontrato il grande calcio e conosciuto la sua futura moglie, Marisa Grampa. La sua signorilità, la sua classe raffinata , la facilità nel tocco di palla, il dribbling, il passaggio di prima, hanno deliziato tutti nei cinque anni di permanenza alla Pro Patria. 119 partite con oltre 130.000 spettatori totali accorsi allo stadio “Comunale”, ora “Carlo Speroni”. A raccontare Antoniotti e le sue gesta in biancoblù è oggi lo storico e “cantore” biancoblù Giorgio Giacomelli, in un libro presentato venerdì scorso alla Galleria Boragno.

Giacomelli ha dato voce a quanti hanno portato una testimonianza del “Lello”, dall’Assesore allo Sport, Gigi Farioli, estasiato da un articolo di Nicolò Carosio su Antoniotti, al figlio Marco, dai giornalisti Gianluigi Marcora e Silvio Peron, a Luca Castiglioni, Andrea Fazzari, dall’ex tigrotto Pippo Taglioretti ai più giovani ed appassionati tifosi biancoblù come Andrea Macchi.

Libro che merita un’attenta lettura e visione per le fotografie contenute e per quanto racconta e dice del giocatore Antoniotti che il 28 maggio 1950, con una rete alla Fiorentina, determinò una vera e propria standig ovation al “Comunale”, stessa acclamazione ripetuta un anno più tardi quando lasciò la sua Pro Patria per la Lazio con un messaggio indelebile nella mente e nei cuori dei tifosi biancoblù. “Amate sempre la vostra squadra, specialmente nei momenti difficili”.

Copyright @2019