Campionati di pallacanestro
L’Hydrotherm aggancia il treno play-off, Knights k.o.

La Hydrotherm batte Opera , i Knights senza Thomas cadono a Capo D’Orlando. Cso Borsano ok con Cavaria

Enrico Salomi

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

La Hydrotherm batte Opera ed aggancia il treno play-off
Era una partita ostica e lo si sapeva, ma la Hydrotherm non aveva altra scelta che battere Opera per agganciare il treno play-off. Così è stato, anche se il fanalino di coda ha reso la vita difficile ai padroni di casa. Il successo ha però proiettato Azzimonti e compagni in zona play-off, a pari punti con Cantù, sebbene i canturini abbiano già usufruito del turno di riposo. A 4 partite dal termine della regular season (ma i bustocchi disputeranno ora 3 finali contro Cislago, Mortara e la capolista Saronno), il raggiungimento della post season che conta dipenderà, evidentemente, anche dai risultati delle rivali dirette. “Partita che sapevamo essere molto difficile – commenta coach Gianni Nava – venivamo da una bella vittoria a Nerviano e dovevamo confermarci. Per noi oramai queste sono tutte finali, nella speranza che sia sufficiente vincerle. Nelle precedenti partite abbiamo commesso tanti errori, abbiamo avuto anche sfortuna per i numerosi infortuni e ora ci troviamo in questa situazione in cui non possiamo più sbagliare. Opera è una squadra solida, tosta, che difende, che ha aggiunto nuovi giocatori. Siamo partiti bene, poi ci siamo scomposti finendo sotto anche di 13 punti. La panchina ci ha dato intensità, siamo rientrati ed abbiamo messo la testa avanti. Un match tosto, poi un paio di canestri di Vai (19 punti, con 1/2 da 2, 5/12 da 3, 2/4 ai liberi e 3 rimbalzi) hanno aperto il loro arrocco difensivo e quindi abbiamo gestito il finale, ribaltando anche la differenza-canestri rispetto all’andata. I due mvp sono stati Arui e Pariani (rispettivamente 9 punti, con 1/3 da 2, 2/4 da 3, 1/1 ai liberi, 4 rimbalzi e 5 recuperi; 15 punti, con 5/7 da 2, 1/1 da 3, 2/4 ai liberi e 8 rimbalzi): il primo si sta sacrificando in difesa, rinunciando a tiri per sé, pur di fare la sentinella dietro per equilibrare la squadra e, a mio parere, è diventato un esempio per tutti; Marcello ha lottato, ha preso rimbalzi, ha fatto canestro. Bene anche gli altri lunghi e Preatoni. Domenica andremo a Cislago per un’altra finale che non possiamo sbagliare…”.

Hydrotherm Busto Arsizio-Delta Line Opera: 64-88 (14-17; 24-38; 47-63)
Hydrotherm
: De Franco 6, Marotto, De Vita, Preatoni 8, Crespi n.e., Azzimonti, Atsur 12, Tagliabue 5, Caggiano n.e., Pariani 15, Vai 19, Arui 9. Coach Nava.
Delta Line Opera: De Francesco, Cazzaniga L. 3, Fontana, Cattaneo 14, Cazzaniga D. n.e., Werlich 10, Nicoletti 4, Iurato 10, Rao, Vercesi 5, Spirolazzi 11, Chiesa 4.

Serie A-2 – I Knights senza Thomas cadono a Capo D’Orlando
La terza gara settimanale dei Knights inizia già ad handicap con l’assenza di Charles Thomas, rimasto a Legnano per curare un versamento al ginocchio che dovrebbe essere risolto nel corso della settimana. Sul campo di una delle protagoniste del campionato, Capo D’Orlando, i legnanesi giocano un match coraggioso, pur con rotazioni limitatissime e senza il loro elemento di maggior classe: Raffa e Bortolani (23 punti a testa, con 5/14 da 2 e 4/6 da 3 per il primo; 6/8 da 2, 3/6 da 3 per il secondo) tirano fuori dal baratro i propri compagni dopo un inizio difficilissimo (33-17 al 10’). Il 43-26 firmato da Parks sembra il preludio ai titoli di coda già al 15’, però le due guardie e Bozzetto replicano e consentono di chiudere all’intervallo sul 51-40. La rimonta prosegue anche al cambio di campo e i padroni di casa, un po’ sorpresi, si affidano all’altro americano Triche (69-58 al 30’). Nell’ultimo tempo Legnano va a -15 sempre a causa dell’asse Parks-Triche, però è in grado di piazzare un parziale di 0-10 con Raffa e Bortolani che da vigore ai Knights fino al 73-68. Le scarse rotazioni lasceranno le idee più chiare nel finale alla Orlandina, che gestisce tutti gli ultimi possessi con Triche e Parks ed approfitta del calo di energie degli ospiti per far valere la propria indole offensiva, tra le migliori di tutto il campionato. “Arriviamo da una settimana intensa – spiega l’allenatore dei Knights Alberto Mazzetti – e l’abbiamo pagata un po’ dal punto di vista delle energie. L’assenza all’ultimo momento di Thomas ha amplificato i nostri problemi, vista l’importanza di Charles e la scarsità delle rotazioni disponibili. Inoltre avevamo di fronte un’avversaria di valore, competitiva e bene allenata. Nonostante questo siamo stati bravi: dopo il -16 del primo quarto, siamo rientrati più volte, abbiamo giocato con orgoglio e abbiamo buttato tutto quello che avevamo sul campo. Le statistiche parlano chiaro a favore dei siciliani: 25 tiri da 2 punti in più, 11 rimbalzi offensivi in più non sono briciole… Noi ci esprimiamo meglio in trasferta. Adesso dobbiamo portare queste energie in casa per costruire il nostro futuro, laddove ci è possibile. Il quintetto con 4 esterni, senza Thomas, ci ha imposto in due soli giorni di cambiare completamente l’assetto. Abbiamo giocato in trasferta contro una squadra forte, l’assenza di Thomas poteva essere una mazzata, invece siamo stati orgogliosi e ci siamo battuti alla grande”. Ora i Knights sono attesi da un’altra importante trasferta domenica sul campo di Biella.
BENFAPP CAPO D’ORLANDOAXPO LEGNANO: 88-79 (33-17, 51-40, 69-58)
Benfapp Capo d’Orlando: Parks 29, Triche 23, Bruttini 14, Bellan 10, Mei 5, Mobio 4, Neri 3, Lucarelli, Lagana, Galipó. Coach Sodini.
Axpo Legnano: Raffa 23, Bortolani 23, Bozzetto 13, Serpilli 6, Ferri 6, Bianchi 5, Berra 3, Corti, Coraini, Ballarin. Coach Mazzetti.

Promozione – Il Cso Borsano vince con Cavaria e punta alla salvezza
Il Cso Borsano si gioca il “bonus” contro il fanalino di coda Motrix Cavaria (79-63 il finale) e ora punta ad una incredibile rimonta per uscire dalla zona play-out. Molto bene, in doppia cifra, Monguzzi, Armiraglio, Delfi e Gallo, rispettivamente con 16, 14, 13 e 15 punti realizzati. Prossima partita al PalAriosto contro la capolista GBA Lonate Ceppino (peraltro sconfitta inaspettatamente da Castronno), sperando di replicare il colpaccio contro il Basket School Tradate. In classifica a 22 punti il GBA Lonate Ceppino viene raggiunta in testa da Turbigo e Stella Azzurra Castano, che precedono a 20 Montello, Basket School Tradate, Cuoricino Cardano e Valcuvia. Chiude la graduatoria, ancora a quota zero, il Motrix Cavaria, mentre Airoldi Origgio e Basket Caronno rimangono dietro a Borsano, che ha ora nel mirino Daverio.

Copyright @2019