TEST MATCH CON IL GIAPPONE
L’Italia chiama, Busto risponde: in 2.000 al PalaYamamay per le azzurre

Prima stagionale per la nazionale azzurra di coach Mazzanti, senza molte big, in un test match con il Giappone al PalaYamamay. Ben 2000 i tifosi presenti. Standing ovation per Berti, a riposo Orro. Vincono le nipponiche 1-3

Igor Mutinari

BUSTO ARSIZIO

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Parte da Busto Arsizio l’avventura estiva della nazionale italiana di pallavolo femminile che punta ai mondiali 2018. Il primo test match, per Ortolani e compagne, si è giocato al PalaYamamay ed è stato subito bagno di folla. In effetti Busto ama la pallavolo e la pallavolo ama Busto, fatto sta che oltre 2.000 persone sono accorse in un caldo pomeriggio estivo per ammirare la squadra di coach Mazzanti. Tra di loro, oltre a Dall’Igna, Gennari e Piani, anche la “sacra triade” biancorossa: Mencarelli, Barbaro e Pirola. Qualche colpo di mercato in arrivo? Avversario di questa prima sgambata è stato il Giappone di coach Kumi Nakada, che ospiterà proprio la massima rassegna mondiale a ottobre e che anche nella bombonera bustocca è stato seguito da una folta schiera di fotografi. Per ovvi motivi di calendario, l’allenatore azzurro ha rinunciato a molte delle big, concedendo qualche giorno di riposo alle atlete di Novara e Conegliano (ad esempio Egonu e Chirichella) che hanno da poco concluso la propria stagione. Anche le farfalle della Unet E-Work Busto Arsizio Orro e Berti sono state risparmiate essendo le ultime ad essersi aggregate al gruppo.

Lo starting six italiano ha previsto quindi Malinov e Ortolani in diagonale, Olivotto e Lubian al centro, Lucia Bosetti e Sylla in banda, Parrocchiale libero. In corso d’opera hanno trovato spazio Cambi, Pietrini, Mingardi, Fahr e Berti. Il Giappone, curiosamente, si è schierato con maglie anonime per non dare riferimenti agli scout e si è dimostrato una squadra più rodata, con pochi centimetri ma buona tecnica.

Per la cronaca il punteggio finale ha visto la formazione nipponica prevalere per 1-3 (25-23, 20-25, 22-25, 19-25).

Ora Ortolani, migliore delle azzurre, e compagne affronteranno la Turchia il 15 maggio negli Stati Uniti per la prima giornata della Volley Nations League che terminerà il primo luglio, poi l’obiettivo saranno i mondiali di ottobre.

A caldo Beatrice Berti, fresca di rinnovo e accolta da una standing ovation al suo ingresso in campo nel finale, racconta le sue aspettative: Quest’anno non mi riposo, ma sono contentissima della chiamata e spero di fare del mio meglio. Servirà a darmi la carica anche per l’anno prossimo qui a Busto. L’applauso del pubblico mi ha emozionata, ringrazio tutti i nostri tifosi. Ora mi ritaglierò un posto in questa nazionale e poi tornerò qui a casa mia!”.

Tabellino

Italia-Giappone 1-3 (25-23, 20-25, 22-25, 19-25)

Italia: Malinov 4, Guerra 5, Lubian 2, Ortolani 20, Sylla 8, Olivotto 11. Libero: Parrocchiale. Cambi 2, Mingardi 6, Fahr 2, Pietrini 4, L. Bosetti 7, Berti. N.e: Orro, Spirito e Degradi. All. Mazzanti

Giappone: Koga 8, Iwasaka 4, Ishii 6, Shimammura 8, Tominaga 1, Okumura 4. Libero: Inoue. Horikawa 7, Inoue 9, Kurogo 7, Tashiro 1, Akutagawa 5. N.e: Matsumoto e Yamagishi. All. Nakada

Spettatori: 2.000.

Durata Set: 27’, 27’, 27’, 25’. Tot.: 106′.

Copyright @2018