Contratto da 300 milioni di euro di Leonardo con l’Aeronautica Militare
L’M-345 HET, ovvero un capolavoro tecnologico made in Italy

Il made in Italy con le ali vola sempre più alto: Leonardo Divisione Velivoli ha firmato con la direzione armamenti aeronautici e per l’aeronavigabilità del Ministero della Difesa un contratto relativo alla fornitura del secondo lotto del sistema di addestramento integrato basato sul velivolo M-345 HET

Luciano Landoni

VENEGONO SUPERIORE

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

Il made in Italy con le ali vola sempre più alto: Leonardo Divisione Velivoli (la ex Aermacchi è un’azienda globale ad alta tecnologia, tra le prime 10 società al mondo nel settore aerospazio, difesa e sicurezza e la prima in assoluto in Italia) ha firmato con la direzione armamenti aeronautici e per l’aeronavigabilità del Ministero della Difesa un contratto relativo alla fornitura del secondo lotto del sistema di addestramento integrato basato sul velivolo M-345 HET (High Efficiency Trainer).

Leonardo fornirà 13 aerei, i sistemi di addestramento e di simulazione a terra e il supporto logistico per 5 anni.

Il valore complessivo del contratto è di 300 milioni di euro.

Una formidabile iniezione di fiducia per gli stabilimenti produttivi di Venegono Superiore.

“Grazie alla proficua collaborazione con la Difesa – ha precisato l’amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo – e al progressivo inserimento dell’M-345, l’Italia potrà contare su un’avanzatissima scuola di addestramento al volo internazionale per piloti militari.

I nuovi aerei, la cui prima consegna è prevista per il 2020, andranno ad integrare (nella base dell’Aeronautica Militare di Galatina, in provincia di Lecce) la flotta di 18 M-346 impiegati per la fase avanzata dell’addestramento dei piloti dell’Aeronautica Militare.

“L’M-345 – ha detto Lucio Valerio Cioffi, capo della divisione Velivoli di Leonardo -, grazie alle sue prestazioni e all’avanzato sistema di addestramento integrato, consentirà all’Aeronautica Militare un significativo miglioramento dell’efficacia addestrativa, maggiore efficienza e una riduzione dei costi operativi”.

Vale la pena sottolineare come l’M-345 abbia già suscitato l’interesse di molte Forze Aeree in tutto il mondo.

“Il primo velivolo di serie – specifica una nota diffusa da Leonardo – ha effettuato lo scorso 21 dicembre il suo primo volo esprimendo performance eccellenti”.

Fra le caratteristiche particolari dell’M-345, spicca la possibilità di integrare il sofisticato sistema  di simulazione a bordo che consente al pilota di svolgere con maggiore efficienza la propria missione addestrativa grazie ad una serie di manovre preventivamente pianificate, oltre a permettergli di volare in formazione con altri aerei interagendo in tempo reale via data-link con gli altri piloti sia su altri velivoli in volo, sia su simulatori a terra.

La sofisticata tecnologia di cui dispone l’M-345 rende possibile preparare gli scenari di missione e successivamente scaricare i dati di volo mediante la mission planning and debriefing station rianalizzando le missioni effettuate in fase di de briefing.

Insomma, un vero e proprio capolavoro della tecnologia aerospaziale made in Italy.

Copyright @2019