DOMENICA 21 GIORNATA INTERNAZIONALE DELLA CROCE ROSSA
L’ospedale scende in piazza

Il personale sanitario dei vari reparti ospedalieri e i volontari della Cri e della Lilt saranno a disposizione per informazioni, consigli e rilevazioni di parametri vitali. Nella giornata anche dimostrazioni ed esercitazioni pratiche di manovre salvavita

GIOGARA

Silvia Bellezza

Busto Arsizio

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

In occasione della tradizionale Giornata Internazionale della Croce Rossa Italiana, domenica 21 maggio dalle 9 alle 18, piazza San Giovanni si animerà con la presenza del personale sanitario dei vari reparti ospedalieri e dei volontari della Cri  che saranno a disposizione per informazioni, consigli e rilevazioni di parametri vitali.

Durante la giornata sarà presente un ambulatorio mobile per la rilevazione della glicemia e della pressione e sarà a disposizione un ecografo tiroideo per individuare la presenza di eventuali danni cardiovascolari (a persone dai 40 ai 70 anni). “Il macchinario è stato appena donato alla Fondazione Carnaghi Brusatori e sarà inaugurato ufficialmente domenica”, ha annunciato il dottor Guido Bonoldi che dal 2011 è membro della Consulta tecnico-scientifica della Fondazione.

La giornata è ricca di eventi: alle 10 sarà celebrata la messa in Basilica, cui seguirà la benedizione del personale e dei mezzi della Croce Rossa tra cui un nuovo pulmino per il trasporto di anziani e disabili donato dall’associazione “Amici di Alessandro Colombo”.

Nel pomeriggio, alle ore 16, tre scuole medie (Bossi e Prandina di Busto e la Dante Alighieri di Olgiate Olona) parteciperanno ad una gara di primo soccorso. Verranno inoltre simulati momenti di emergenza in cui i ragazzi daranno prova delle nozioni apprese durante l’anno scolastico. Al termine della gara dei ragazzi, verrà eseguita un’esercitazione pratica di manovre salvavita su manichini alla quale potranno partecipare le famiglie con il supporto dei volontari. Ci sarà inoltre uno stand con l’offerta di torte e biscotti a cura delle volontarie della Croce Rossa e uno spazio espositivo con la mostra fotografica di Ibrahim Malla.

Il direttore generale dell’Azienda Ospedaliera, Giuseppe Brazzoli, ha espresso gratitudine a tutto il personale volontario: “Siamo qui con due entità storiche, Lilt e Croce Rossa, che da sempre rappresentano il mondo del volontariato e donano parte del proprio tempo al di fuori dell’orario di servizio”, ha detto sottolineando positivamente il fatto che negli ultimi anni sono in aumento le donazioni da parte di privati all’ospedale. “Il fenomeno sta tornando a crescere e ci tengo ad evidenziarlo perché per anni abbiamo visto un progressivo distacco delle persone dai propri ospedali. Ultimamente assisto con enorme piacere a questo riconoscimento che va al di là dell’entità monetaria del singolo atto. Ritengo sia una risposta sociale ed etica di altissimo livello”.

In rappresentanza della Croce Rossa, l’infermiera volontaria Giovanna Bonvicini, affiancata da Giulio Turconi, ha ricordato le importanti attività di volontariato svolte dalla Cri, tra cui “l’autoambulanza dei desideri” per donare momenti di felicità ai malati inguaribili. Nel 2016 sono stati effettuati sul territorio di Busto più di 9mila interventi.

Ivanoe Pellerin, vicepresidente Lilt, ha elogiato la capacità di fare rete delle associazioni: “Il problema cancro – osserva – colpisce ancora un gran numero di persone ecco perché quest’anno ci rivolgeremo alla prevenzione del tumore del pancreas e faremo in piazza una diagnosi precoce attraverso una visita ecografica dell’addome”.

Copyright @2017

NELLA STESSA CATEGORIA