Il “Matricola Day 2018” della LIUC-Università Cattaneo
“Lottate come leoni per conquistare il vostro futuro”

L’aula “Camillo Bussolati” della LIUC ha fatto letteralmente il “pieno di gioventù” in occasione del “Matricola Day 2018” dell’ateneo. Oltre 400 studenti e studentesse del corso triennale di laurea

Luciano Landoni

CASTELLANZA

Pubblicato il:

Stampa questo articolo

L’aula “Camillo Bussolati” della LIUC-Università Cattaneo ha fatto letteralmente il “pieno di gioventù” in occasione del “Matricola Day 2018” dell’ateneo.

Oltre 400 studenti e studentesse del corso triennale di laurea breve (mentre altri 300 loro colleghi del corso di laurea magistrale li seguiranno domani) hanno ascoltato il benvenuto del rettore Federico Visconti che ha accolto le matricole con un brillante (e divertente) intervento all’insegna del “cosa tocca fare a voi e cosa tocca fare a noi”. Le citazioni celebri si sono sprecate: “Esiste un mondo in cui le persone non lasciano che le cose accadano. Le fanno accadere”, ha esordito il magnifico rettore riprendendo un’affermazione di Sergio Marchionne, l’amministratore delegato di FCA scomparso di recente. Voglia di fare, consapevolezza dei propri doveri e tanta passione nel perseguire i propri obiettivi di vita e di carriera: i giovani devono credere in loro stessi e non fabbricarsi comodi “alibi” mediante i quali attribuire sempre agli “altri” (governo, sistema Paese, eccetera) colpe e responsabilità.

“Un sogno sembra un sogno fino a quando non si comincia da qualche parte. Solo allora diventa un proposito. L’ha detto Adriano Olivetti – ha precisato Federico Visconti -, un imprenditore illuminato. I ‘sogni’ si possono concretizzare con l’impegno, il lavoro e con la passione. Certo, ci sono anche altre strade per fare fortuna. Si può tentare la sorte, ma una simile scelta, oggi peraltro moto diffusa, è il segno del declino strutturale di un Paese”. I giovani devono rimanere giovani soprattutto attraverso un atteggiamento mentale giovane, non si tratta semplicemente di una formula ad effetto: “Chiunque smetta di imparare è vecchio, che abbia 20 o 80 anni. Chiunque continua ad imparare – ha sostenuto il rettore della LIUC citando Henry Ford – resta giovane. La più grande cosa nella vita è mantenere la mente giovane”.

Un “codice di comportamento” che deve essere supportato da due elementi di importanza fondamentale: la disciplina e il coraggio, “senza di essi – ha sottolineato Visconti – non si va da nessuna parte”. “Non si può lavorare per risposte ideologiche, né rimanere vittima dei luoghi comuni. Lottate come leoni – ha concluso il magnifico rettore della LIUC – per conquistare il vostro futuro”.

Ognuno deve fare la propria parte. “Gli insegnanti – ha sostenuto il rettore della LIUC riagganciandosi al poeta Ezra Pound – hanno la responsabilità del mantenimento della salute intellettuale”. Le matricole (suddivise per gruppi) sono state poi accompagnate nella visita dei “luoghi dell’università” all’interno dei quali svolgeranno i rispettivi percorsi formativi; mentre nel pomeriggio i direttori delle due Scuole di Economia e Ingegneria, rispettivamente il prof. Rodolfo Helg e il prof. Carlo Noè, hanno presentato loro i due corsi di laurea.

Un altro momento importante del “Matricola Day 2018” è stato quello dedicato al programma skill and behaviour avente l’obiettivo di “allenare le soft skills, ossia quelle competenze trasversali – precisa una nota diffusa dalla LIUC -, slegate da uno specifico know-how tecnico, che descrivono l’abilità di interagire, di rapportarsi con gli altri e di integrarsi con il contesto. Tutte competenze molto richieste, oggi, dal mondo del lavoro”.

Copyright @2018